Traduci

giovedì 23 agosto 2012

" Cristiani e musulmani, vivendo insieme nei nostri paesi arabi, rappresentano un modello di comunicazione, di aiuto reciproco, di solidarietà, di compassione e di rispetto per i fedeli di religioni diverse, sia a livello locale che mondiale”

"Il destino dei cristiani nel mondo arabo dipende anche da questa unità islamo-cristiana necessaria a fronteggiare “la crescente paura verso taluni gruppi religiosi e verso i cambiamenti che stanno avvenendo nel mondo arabo. “
19 8 2012  Il messaggio di Gregorios III Laham, patriarca di Antiochia, di tutto l’Oriente, di Alessandria e di Gerusalemme dei melchiti, per la fine del Ramadan.
 

The greetings of His Beatitude for Eid ul-Fitr

To their Majesties, Highnesses and Excellencies, the Kings and Presidents of Arab Countries

http://www.pgc-lb.org/eng/gregorios/view/The-greetings-of-His-Beatitude-for-Eid-ul-Fitr

 
 











Oltre 12mila fedeli cristiani “alla fame” nel villaggio di Rableh: si invoca il diritto umanitario
Rableh (Agenzia Fides) – Oltre 12mila fedeli greco-cattolici sono intrappolati nel villaggio di Rableh, a ovest di Qusayr, nell’area di Homs. I viveri scarseggiano, i fedeli sono “ a pane e acqua”, mancano le medicine per curare i malati e i feriti. E’ l’allarme lanciato da fonti locali di Fides che, invocando il rispetto del diritto umanitario, confermano quanto la stampa internazionale sta riferendo sulla situazione a Rableh.
Da più di dieci giorni il villaggio di Rableh è soggetto a un rigoroso blocco da parte dei gruppi armati dell’opposizione, che lo circondano su tutti i lati. Uno dei responsabili di una parrocchia locale, B.K., che chiede l’anonimato per motivi di sicurezza, ha riferito a Fides che nei giorni scorsi tre giovani del villaggio sono stati uccisi da cecchini: George Azar di 20 anni, un altro di 21 anni, Elias Tahch Semaan, 35 anni, sposato e padre di quattro figli.
Alcuni rappresentanti dell’iniziativa popolare per la riconciliazione “Mussalaha” sono riusciti a portare un piccolo carico di aiuti umanitari al villaggio. Un rappresentante di “Mussalaha” ha rassicurato i fedeli affermando che “si farà di tutto per permettere la consegna di aiuti umanitari”.
Un appello è stato lanciato da Sua Beatitudine il Patriarca Gregorios III Laham, visibilmente commosso, a tutti gli uomini di buona volontà perchè “venga salvata Rableh e tutti gli altri villaggi colpiti in Siria, e giunga finalmente la pace nel nostro amato paese”. Anche il Nunzio Apostolico in Siria, S. Ecc. Mons. Mario Zenari, ha invitato tutte le parti coinvolte “al rigoroso rispetto del diritto internazionale umanitario”, ricordando che la risoluzione della crisi in Siria dipende prima di tutto sai dai suoi cittadini.
L’Agenzia Fides ha appreso, inoltre, che il monastero greco-cattolico di San Giacomo il Mutilato a Qara, che attualmente ospita una comunità di 25 persone da nove paesi e una ventina di rifugiati, nei giorni scorsi è stato colpito da bombardamenti di un elicottero d'attacco che intendeva colpire alcuni gruppi ribelli. Nessuna vittima, ma diverse parti del monastero, risalente al VI secolo d. C., sono state danneggiate. La Superiora del monastero, madre Agnès-Mariam de la Croix ha aggiunto la sua voce a quella della gerarchia locale, chiedendo la fine della violenza e “di adottare la logica del dialogo e della riconciliazione”. Autorità cristiane locali chiedono alle parti in lotta di risparmiare le aree dove vivono i civili e di salvaguardare il patrimonio culturale e religioso del paese. (PA) (Agenzia Fides 22/8/2012)
http://www.fides.org/aree/news/newsdet.php?idnews=39682&lan=ita

Nessun commento:

Posta un commento

Inserisci il tuo commento. Lo vaglieremo per la sua pubblicazione. Grazie