Traduci

sabato 9 giugno 2018

Le proteste sociali in Giordania e l'accordo nel sud della Siria


di Scarlett Haddad (OLJ)
Traduzione: OraproSiria

Le proteste sociali in Giordania occupano attualmente una parte importante delle notizie regionali. Mentre il loro catalizzatore è stato indubbiamente il decreto sulle nuove tasse, la maggior parte dei media arabi collega questi movimenti con l'accordo che sta per essere raggiunto nella regione meridionale della Siria, come anche con quello che si sta definendo "l'accordo del secolo" sul conflitto israelo-palestinese. 
I media del Qatar mettono in causa direttamente i servizi degli Emirati Arabi Uniti e Sauditi nell'attizzare i conflitti sociali in Giordania, ma queste accuse possono essere parte del conflitto tra questo emirato e i Sauditi e i loro alleati. Tuttavia, rapporti diplomatici arabi suggeriscono che le proteste sociali sono più o meno legate agli sviluppi nella regione, in particolare in Siria. Secondo questi rapporti, il Regno hashemita avrebbe da qualche tempo preso le distanze dal campo americano-saudita in Siria. Non solo il quartier generale operativo in Giordania, che negli ultimi anni aveva svolto un ruolo importante nell'addestramento e nella formazione delle forze di opposizione siriane, ha cessato le operazioni, ma ancor più, lo Stato Giordano ha recentemente deciso di "normalizzare" i suoi rapporti con la Siria, attraverso la riapertura del valico di Nassib (il più importante tra i due paesi) per ragioni principalmente economiche, poiché questo passaggio può portare al Tesoro giordano quasi 400 milioni dollari al mese in entrate doganali, secondo le stime. In altre parole, la Giordania non vuole più che i piani contro il regime siriano passino attraverso il suo territorio. Ciò costituisce una posizione avanzata che rafforza la posizione di Damasco nel sud, in particolare nella provincia di Deraa. 

Secondo i rapporti diplomatici di cui sopra, la posizione della Giordania probabilmente faciliterà la conclusione di un accordo russo-israeliano per quella parte della Siria che prevede l'accettazione da parte degli israeliani dello spiegamento dell'esercito siriano nel sud, al confine del Golan occupato, in cambio del ritiro delle forze alleate (Iran e Hezbollah) dalla suddetta regione. 

Questo accordo, che inciampa ancora sul ritiro degli Stati Uniti dalla base di Tanaf situata sul confine siriano-iracheno ma vicino alla Giordania (una condizione posta da russi e siriani), è stato presentato come una vittoria per gli Israeliani che ottengono così il il ritiro degli Iraniani e degli Hezbollah dall'adiacente area del Golan, dove questi ultimi avevano affermato di voler creare una forza di resistenza per riproporre uno scenario simile a quello accaduto nel sud del Libano. Questo è il motivo per cui i suddetti reports diplomatici prevedono un'azione israeliana presso gli Americani a favore della conclusione di questo accordo. 

Sempre secondo gli stessi rapporti, gli Israeliani hanno bisogno di questo accordo per soffocare la possibilità che si crei un fronte permanente e attivo lungo le Alture del Golan. Soprattutto perché non hanno ancora digerito gli ultimi sviluppi in questa regione, in particolare quello che il Segretario Generale di Hezbollah ha definito in uno dei suoi discorsi "la notte dei missili". Durante quella notte, furono lanciati 48 missili dal territorio siriano verso posizioni israeliane nel Golan. Gli israeliani riconobbero solo il lancio di 20 missili, assicurando che la maggior parte di essi fu intercettata. Ma secondo Hassan Nasrallah, il loro numero è molto più alto e hanno raggiunto obiettivi militari israeliani importanti e segreti, installati nel Golan occupato e destinati a monitorare le attività delle forze avversarie. Inoltre, gli Israeliani non sono ancora riusciti a determinare l'identità di coloro che hanno lanciato i missili (esercito siriano, Iraniani o Hezbollah). Ciò aumenta ulteriormente la loro confusione, poiché hanno ammesso che la loro forza aerea non può più sorvolare e bersagliare impunemente obiettivi in Siria da quando uno dei suoi aerei militari è stato abbattuto da un missile lanciato dal territorio siriano. Gli Israeliani quindi hanno tastato il terreno e ottenuto risposte che non li hanno affatto rassicurati. Questo è il motivo per cui ora considerano che un ritorno alla situazione prebellica in Siria sia preferibile per la stabilità nel Golan. È in questo contesto che chiedono il dispiegamento dell'esercito siriano nel sud del paese per rilanciare il cessate il fuoco che era in vigore in precedenza e che è stato in linea di principio garantito dalle Forze di Pace delle Nazioni Unite. Questa rivendicazione, presentata come una vittoria, è in realtà un riconoscimento del fallimento di tutti i tentativi di rovesciare il regime siriano e del piano di aiuto alle forze dell'opposizione siriana che è durato quasi sette anni. Mostra anche che, nonostante le loro minacce, gli Israeliani temono l'apertura del fronte del Golan e la presenza di forze dell'asse della resistenza in quest'area. 

In questo contesto, la richiesta di ritiro delle forze iraniane e alleate dal sud della Siria non è una vittoria ma un desiderio di calma, per essere in grado di concentrarsi sulla questione israelo-palestinese e l'esecuzione del famoso "accordo del secolo" proposto dal presidente degli Stati Uniti Donald Trump. Secondo quanto si sa circa il piano americano, Gerusalemme non dovrebbe più essere reclamata dai Palestinesi e sarà consacrata capitale dello Stato ebraico.  Questo sarebbe anche l'altro motivo del desiderio di "punire" la Giordania che rifiuta questa disposizione, perché essa è il "guardiano dei Luoghi Santi" di Gerusalemme. Dossier da seguire ...  

https://www.lorientlejour.com/article/1119625/les-protestations-sociales-en-jordanie-et-le-deal-dans-le-sud-de-la-syrie.html

Nessun commento:

Posta un commento

Inserisci il tuo commento. Lo vaglieremo per la sua pubblicazione. Grazie

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.