Traduci

venerdì 6 aprile 2018

Ritorno a Deir Ezzor



di Alexandre Goodarzy
responsabile di SOS Chrétiens d'Orient

La mia ultima visita a Deir Ezzor risale a dieci anni fa. Sto tornando in questa città che ora sembra così lontana da Damasco. Dovevo vedere come si presenta adesso, dopo tanti anni di assedio e di guerra.
La strada rimane pericolosa anche se l'intera zona è stata riconquistata e pacificata dall'Esercito Arabo Siriano e dai suoi alleati. Quindi scegliamo di volare a Qamishli, una città di origine siriaca situata nell'estremo nord-est del paese, vicino al confine turco. Poi saliremo a bordo di un veicolo che ci porterà a Hassakeh, più a sud. Resteremo lì durante la notte. Nelle prime ore del mattino successivo prenderemo un altro veicolo per continuare verso sud per raggiungere il fiume Eufrate e giungere a Deir Ezzor, la nostra destinazione finale. Viaggiamo con Padre Gabriel, un prete Siriaco Ortodosso di Hassakeh, che ha gentilmente accettato di guidarci in sicurezza verso la nostra destinazione.
Dobbiamo passare un check point dopo l'altro, quelli dei Curdi del PYD e quelli dell'Esercito Siriano, prima di raggiungere la "Porta di Deir Ezzor" che possiamo vedere da lontano in una foschia nebulosa. È nera. L'arredamento funebre diventa sempre più chiaro man mano che ci avviciniamo alla città. Le carcasse "disossate" di auto e camion stanno sparpagliate su entrambi i lati della strada. Questa scena mi ricorda Aleppo e le molte ore di viaggio su strade che non hanno niente altro da offrire che scene di totale desolazione da Ithrye quando si prende la strada di Khanasser.   Veicoli leggeri e pesanti che sono esplosi sulla strada sono i silenziosi testimoni della violenza usata per fermarli sul loro percorso. È semplicemente impossibile immaginare lo scenario! Persone che volevano fuggire, o - forse - tornare a casa - letteralmente distrutte dagli uomini in nero.
Proseguiamo verso la città ma è impossibile accedervi direttamente. Dobbiamo fare una lunga deviazione. Questo ci dà l'opportunità di attraversare villaggi dove si sono verificati terribili massacri "prima che gli Hezbollah venissero a liberarci", ci racconta un mercante locale che ci vende bottiglie d'acqua. Il marchio della Bestia Islamica è onnipresente. Può persino essere visto sulle facciate di alcune case. Può essere ancora letto sui cartelli stradali nonostante le molte mani di vernice che sono state usate per cancellarlo.   Questi villaggi stanno tornando alla vita davvero! I più giovani tornano a scuola e i padri che stanno bevendo il tè sul ciglio della strada sono occupati con i lavori manuali che richiedono il loro lavoro per guadagnarsi il pane quotidiano.   Sono presenti molti soldati. I tratti tesi sui loro volti e nei loro occhi abituati alla vista della guerra testimoniano quanto han dovuto lottare per riconquistare alcune centinaia di metri quadrati di terreno.
 Finalmente raggiungiamo le rive dell'Eufrate. Niente più ponti, sono stati tutti distrutti durante le lotte tra l'Esercito Arabo Siriano e lo Stato Islamico.
I Russi sono dall'altra parte del fiume. Hanno allestito una sorta di ponte galleggiante che è legato a due anfibi che spingono il ponte da un lato all'altro. È il modo consueto di attraversare il fiume, ma Padre Gabriel chiede a uno dei soldati di farci attraversare con uno Zodiac. In questo modo abbiamo diritto a una speciale crociera di benvenuto. Mentre Padre Gabriel sta aspettando il ponte galleggiante per portare la sua auto dall'altra parte, noi beviamo un bicchiere di mate e aspettiamo che egli si unisca a noi.
Una volta completata la traversata, continuiamo sulla strada per gli ultimi chilometri che ci separano ancora da Deir Ezzor e dal suo centro. Guidiamo lungo la zona dell'aeroporto che è stata brutalmente assediata dai terroristi per un lungo periodo di tempo. Questo mi porta a ripensare a grandi eroi, come il generale Issam Zahreddin, e a immaginare tutti gli anni di intensi combattimenti che lui e i suoi uomini hanno dovuto affrontare, principalmente per le popolazioni locali le cui vite hanno cercato di risparmiare o di salvare.  Ricordo anche le numerose volte in cui l'esercito americano ha bombardato senza sosta la Guardia nazionale siriana , indebolendo così l'Esercito Siriano di fronte al nemico. Questo obiettivo "sbagliato" ha portato alla perdita di un posto strategico detenuto dall'Esercito Siriano, dividendolo in due parti ed isolandole l'una dall'altra e rendendo l'Esercito Siriano più vulnerabile di fronte ai barbari dello Stato Islamico! Nonostante ciò, erano rimasti saldi fino a quando l'Armata siriana non è riuscita a penetrare attraverso le linee meridionale e occidentale e a spezzare l'assedio.
Passiamo poi nelle aree più danneggiate e distrutte della città, quelle della prima linea, dove sorgevano le chiese e il cinema Fouad. Non è rimasto nulla. Questi edifici sono tutti sbriciolati, solo un mucchio di detriti. L'unica chiesa che è ancora in piedi è la chiesa Siriaco Ortodossa. Il tetto dell'edificio, o ciò che ne rimane, è ancora sul posto e ci offre una "vista mozzafiato" su un paesaggio urbano desolato.
Solo rovine a perdita d'occhio. Eppure la vita sta riprendendo il sopravvento. Gli uomini stanno tornando per vedere cosa rimane del loro negozio o della loro casa. Puliscono, rassettano, prestano attenzione a ogni punto su cui mettono i piedi. Nonostante questo le mine stanno ancora mutilando e uccidendo, anche anni dopo la fine dei combattimenti.
Il tempo passa velocemente. Abbiamo già passato ore a osservare i resti della città. Dobbiamo tornare indietro. È impossibile attraversare l'Eufrate dopo le 14:00 e sono già le 13:00. È il momento di dire addio ..
Sulla via del ritorno, lasciando la città, ci fermiamo a una diga che arriva fino all'altezza di un ponte. È distrutto e sprofonda nel fiume. Lo riconosco, è quello che fu costruito nel secolo scorso dai Francesi. Lo ricordo perché 10 anni fa mi tuffai da questo ponte nell'Eufrate e vi feci il bagno. Era diventato una specie di rituale! Ogni volta che andavo a Damasco, passavo a Palmyra, poi continuavo verso Deir Ezzor prima di tornare ad Aleppo. Il passaggio per Deir Ezzor era invariabilmente segnato da ore di nuoto nell'Eufrate. L'immagine del ponte è rimasta impressa nella mia testa. A volte ripenso a tutti questi giovani che vivevano lì e con i quali condividevamo questi momenti, mi chiedo che ne sia stato di loro... Il ponte in questione è distrutto, ma non posso fare a meno di sorridere ripensando a tutto questo ...
Scattiamo qualche foto e poi ripartiamo velocemente, infatti è già troppo tardi. Non si lascia passare più nessuno a quest'ora, né in un senso né nell'altro. Ma il rispetto che i Siriani hanno per gli uomini di chiesa ci apre le porte e rende molte cose più facili. I soldati dell'Esercito siriano, gli uomini di Hezbollah, i Russi, gli Afghani e miliziani curdi del PYD che incrociamo non rifiutano niente ad un uomo di chiesa, quale che sia la loro religione. Alla vista di un prete, ci si inchina e si fa un'eccezione ...
Arriviamo in extremis ad attraversare l'Eufrate in direzione opposta, poi riprendiamo il nostro percorso per Hassakeh e Qamishli dove il nostro aereo ci aspetta per ritrovare Damasco, anch'esso sotto le bombe... nel momento in cui il mondo si lamenta per il destino di questi stessi delinquenti che cercano di fare di Damasco quello che essi hanno già fatto di Deir ez Zor, di Aleppo, di Mosul e di molte altre città in Medio Oriente... 
Il bilancio, a Damasco, era pesante al nostro ritorno: 38 morti e 50 feriti ...


Durante la mia visita a Mhardeh e Sqelbiye, sono stato toccato dalle parole di speranza e di fede di eroi come Simon e Nabel. Questi due guerrieri della Difesa Nazionale affrontano quotidianamente migliaia di terroristi siriani e stranieri a sud di Idlib. Le decine di autobus che hanno svuotato la Ghouta (alle porte di Damasco) dei suoi jihadisti si stanno stipando davanti ai loro occhi nei villaggi vicini. È da questi stessi villaggi dove vengono inviati, che gli abitanti di Mhardeh e Sqelbiye riceveranno nuovi attacchi!
La guerra è finita per Damasco ma non per quelli che vivono in prima linea, non per Simon, non per Nabel!
Nonostante tutto, essi rimangono fiduciosi, pieni di speranza, sempre sorridenti! Ci ripetono spesso con orgoglio che  "le campane continueranno a suonare a Mhardeh e Sqelbiye!"
Possa Dio benedirvi e proteggervi, cari Simon e Nabel.
Dio benedica Mhardeh e Sqelbiye.
Dio benedica la Siria.
Alexandre, capo della missione in Siria.

Nessun commento:

Posta un commento

Inserisci il tuo commento. Lo vaglieremo per la sua pubblicazione. Grazie

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.