Traduci

venerdì 23 marzo 2018

Invocazione a Santa Rafqa, perché protegga la sua gente e la sua terra da altre e peggiori distruzioni.

Oggi la Chiesa fa memoria di Santa Rafqa


 Santa Rafqa (1832-1914), monaca libanese maronita che votò la propria esistenza al servizio di Dio. La sua fu una vita di intense sofferenze, autentiche gioie e vero amore per il prossimo. 
Già pochi giorni dopo la sua morte cominciarono a manifestarsi i primi miracoli per sua intercessione, la maggior parte guarigioni prodigiose 

per conoscerla, vedi: 
 http://www.charbelfriends.com/santa_rafqa.html




Intanto, continua il piano di cancellazione della memoria cristiana dalla terra in cui nacque il Cristianesimo

Dopo aver distrutto il sito di Ain Dara,  ieri l'aviazione turca ha bombardato l'antico sito Brad, situato a sud della città di Afrin e iscritto nella lista dei siti del patrimonio mondiale dell'UNESCO dal 2011.
Il direttore generale delle Antichità e dei Musei Siriani, Mahmoud Hamoud, ha detto che il bombardamento su Brad ha causato la distruzione di molti resti archeologici importanti, tra cui il mausoleo di San Marone, il fondatore dei Maroniti, e la chiesa di Julianos contenente il mausoleo.
"Questa aggressione è una nuova prova dell'esistenza di un piano sistematico per distruggere il patrimonio e la civiltà in Siria", ha detto, ed ha esortato le organizzazioni internazionali competenti che hanno iscritto questi siti nelle loro liste a fare il loro dovere "morale e umanitario" nel condannare l'aggressione turca in corso contro i siti archeologici siriani. 
La storica città di Brad, dove St. Maroun viveva una vita di pietà e dove era sepolto, è una testimonianza vivente di un periodo importante nella storia della Siria , la culla del cristianesimo.
Il villaggio, che si trova a 30 chilometri a nord-est di Aleppo, contiene la chiesa di Julianos, che è tra le più grandi della Siria settentrionale. Fu fondata nel tardo IV secolo d.C., e St. Maroun fu sepolto in una cappella che fu aggiunta in seguito. I documenti dicono che la chiesa di Julianos rimase l'unica chiesa della città per oltre 150 anni e che fu costruita sul sito di un tempio pagano. La chiesa di Julianos è lunga 42 metri, larga 22,5 metri e si compone di tre sezioni come si vede nel modello basilicale delle chiese, separate da due file di archi con la sezione centrale che contiene il santuario.
La chiesa del Martyrium, una piccola cappella, fu aggiunta alla chiesa 8 anni dopo la sua costruzione, e lì St. Maroun fu sepolto. St. Maroun nacque nel villaggio di Korash, a 45 chilometri da Aleppo, il suo nome significa "Piccolo Maestro".
Gli storici ritengono che il villaggio di Brad fu la capitale del Jebal Semaan (la montagna Samaan) durante il 4° e 7° secolo d.C, quando fu chiamato Kafer Brad, ed è la più grande città archeologica in quella zona. Prosperò durante il 2° e 3° secolo d.C come testimoniano le grandi strutture che risalgono a quel tempo che comprendono un andron (una struttura per intrattenere gli ospiti), un mercato, un bagno pubblico, un altare romano, frantoi e case di varie dimensioni.

 Jabal Semaan ha 25 villaggi e 32 templi e chiese costruiti tra il IV e il VII secolo dopo l'era cristiana. Qui c'è la chiesa più antica del mondo: Fafertine. Sul suo architrave è incisa la data della sua costruzione: 372 dC.  Più a sud, sulle rovine del tempio del dio Nabo, San Marone costruì, nel 398, la sua chiesa o basilica lunga 27,30 m e 16 m di larghezza. Dopo la morte di Saint Maron, Kfar Nabo si dotò di un hotel a due piani per accogliere i pellegrini. Costruito tra il 504 e il 505, ha facciate di colonne quadrate. Le croci sono incise sugli architravi, una delle quali reca la seguente iscrizione: "Nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo. Dio si prende cura della nostra entrata e uscita. Per adempiere al voto di Zaccheo nel 553 " (che è equivalente nel calendario di Antiochia al 504/505 d.C.). L'area comprendeva anche un tempio dedicato alle reliquie dei martiri, la sua data di costruzione, 574 secondo il calendario di Antiochia, è incisa in siriaco sull'architrave del suo ingresso meridionale. Un certo numero di frantoi oleari indica l'espansione della coltivazione dell'olivo a Kafr Nabo, uno risalente al terzo secolo d.C.  Fino ai giorni odierni, la zona è ricca di oliveti fecondissimi . Da qui , ahimè prende il nome ' l'Operazione Ramo d'Ulivo ' dei Turchi.
“Nemmeno l’invasione mongola aveva fatto questi danni”, commenta il Direttore Mahmoud Hamoud.

Nessun commento:

Posta un commento

Inserisci il tuo commento. Lo vaglieremo per la sua pubblicazione. Grazie

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.