Traduci

mercoledì 20 dicembre 2017

Pace, casa e lavoro: il dono di Natale per il futuro dei cristiani siriani

AsiaNews, 19 dicembre 2017
La pace in tutta la Siria, la lotta alla disoccupazione che frena la (lenta) ripresa e la riunificazione delle molte famiglie spezzate dalla guerra, che in oltre sei anni di violenze ha trasformato milioni di persone in migranti in cerca di riparo all’estero o sfollati interni. Sono questi i due grandi desideri che animano la popolazione cristiana di Aleppo in queste settimane di Avvento che preparano al Natale, come racconta ad AsiaNews il vicario apostolico dei Latini, mons. Georges Abou Khazen. Ad un anno dalla fine della battaglia per la città “si vive un clima di maggiore speranza”, aggiunge, e “vi è anche molta più sicurezza. Tutto questo induce ad un moderato ottimismo, perché si raggiunga una soluzione che coinvolga tutto il Paese”. 
La migrazione “resta un problema”, sottolinea il vicario apostolico di Aleppo, anche perché “sono partiti soprattutto i giovani” e il loro ritorno è una “priorità” per far ripartire la città. Intanto la Chiesa locale, prosegue il prelato, ha avviato o sostiene con fondi specifici “progetti di micro-impresa a livello locale: adesso la nostra sfida è passare dal sussidio all’autosufficienza”. 
Da qui lo stanziamento di somme di denaro per l’apertura di pasticcerie, negozi di barbieri, falegnamerie, imprese artigiani, fabbri ferrai perché “è dalle piccole attività di ogni giorno che bisogna ripartire”. “Il ritorno dell’elettricità per 13, 14 ore al giorno, insieme alla fornitura costante di acqua - sottolinea mons. Georges - sono i segni più importanti della rinascita”. 
Adesso è possibile tornare a vedere in alcuni punti “una città pulita” e “strade illuminate con pannelli solari”. Dall’oscurità alla luce, aggiunge il vescovo, “è una sensazione nuova, compresa l’illuminazione delle strade di notte”. 
Prima della guerra Aleppo era la seconda città per importanza della Siria, oltre che il suo principale motore economico e commerciale. Dal 2012 è stata divisa in due settori: occidentale, dove hanno vissuto 1,2 milioni di persone, sotto il controllo del governo; la zona orientale, circa 250mila persone, nelle mani delle milizie ribelli e di gruppi jihadisti. La resa dei ribelli, che hanno trattato l’uscita dalla città, e la successiva riunificazione risalgono al dicembre dello scorso anno; la popolazione ha potuto festeggiare con canti e balli la fine dei combattimenti e il Natale alle porte. 
A distanza di un anno è partita l’opera di rimozione delle macerie, le strade sono più pulite, il traffico è aumentato, hanno riaperto alcune officine. “Qualcosa si muove”, racconta mons. Georges, anche se “molta gente resta senza lavoro, sono tantissimi i bambini orfani di guerra o abbandonati che abbiamo scoperto nei mesi successivi all’unificazione della città”. Uno dei grandi ostacoli alla ripresa di Aleppo “è la disoccupazione: vanno riparati i macchinari rubati o trafugati dalle aziende negli anni di guerra, vanno sistemate le abitazioni per consentire il ritorno dei profughi”. 
La Chiesa locale partecipa all’opera di ricostruzione degli edifici, sostiene la piccola impresa, prosegue la distribuzione dei pacchi alimentari. “Quasi tutte le famiglie - racconta il prelato - confidano ancora nei nostri aiuti: si tratta di circa 10.500 nuclei cristiani di tutte le confessioni. E poi vi è l’assistenza sanitaria e la distribuzione di medicine, anche questa una priorità nel contesto di una svalutazione della moneta locale, la lira, il cui valore di acquisto è assai inferiore e lo stipendio medio di un lavoratore, sebbene sia rimasto invariato, non è più sufficiente”. 
Intanto la comunità si avvicina al Natale con “molta più speranza, più sicurezza, con l’augurio che la guerra possa finire presto in tutto il Paese. Le strade vengono addobbate a festa, un municipio guidato da una maggioranza musulmana ha voluto mettere stendardi e simboli della festa cristiana. E ancora, le chiese addobbate con i presepi, le animazioni promosse dai giovani. Si respira - conferma il vescovo - un clima diverso all’anno passato”.
In questi giorni che avvicinano alla festa, il vicario apostolico di Aleppo vuole rivolgere un pensiero finale ai bambini, che rappresentano “il futuro e la speranza” della comunità cristiana e di tutto il Paese. “Come Chiesa abbiamo preparato dei doni da distribuire, insieme a un vestito per la festa che possa servire per tutto l’inverno. A questo si aggiungono dei pranzi di gruppo il giorno di Natale e quello successivo; un'occasione per stare insieme, fare festa, con canti e balli. Ma oltre la festa - conclude il prelato - vi è l’impegno perché possano frequentare la scuola: a oggi paghiamo per intero la retta di 3200 studenti, versando nelle casse degli istituti, in maggioranza privati, fino a 150 dollari all’anno, distribuendo anche libri e quaderni ai più poveri, ma meritevoli”.

Nessun commento:

Posta un commento

Inserisci il tuo commento. Lo vaglieremo per la sua pubblicazione. Grazie

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.