Traduci

giovedì 9 novembre 2017

Libano: Hariri si dimette ... contro l'Iran


Richard Labévière , 06-11-2017

Le dimissioni di venerdì scorso del primo ministro libanese Saad Hariri suonano come un ulteriore colpo di tuono nel cielo già abbastanza tormentato del Medio Oriente. Questa drammatica mossa segue l'invito del presidente americano Donald Trump, lanciato il 20 maggio da Riyad, a "isolare l'Iran". Viene nella fase finale di una rivoluzione di palazzo in Arabia Saudita che ha visto, sabato scorso, l'arresto di trenta principi e uomini d'affari. Infine, si verifica in un contesto strategico dominato dalla riconquista di quasi tutta la Siria da parte dell'esercito governativo e i suoi alleati russi, iraniani e Hezbollah libanesi.

LA DISFATTA DELL'ASSE AMERICANO-ISRAELO-SAUDITA
Con la liberazione di Deir ez-Zor da parte dell'esercito governativo siriano, l'opposizione armata e i suoi sostenitori sunniti -Arabia Saudita, Qatar, Emirati Arabi Uniti, Kuwait, ecc - sono sotto controllo . Riprendendo le regioni orientali della Siria, l'esercito siriano e i suoi alleati non solo liberano le zone ricche di petrolio che saranno essenziali per la ricostruzione del paese, ma soprattutto operano la loro congiunzione con le forze di Baghdad al confine con l'Iraq, una fascia di 650 chilometri tra la Giordania e la Turchia.

"L'incubo di un "corridoio sciita" tanto temuto da Washington, Riyadh e Tel Aviv riemerge come uno spettro di panico", ha detto un ambasciatore europeo di stanza a Beirut "al punto che per ritardare questa inevitabile inversione, le forze speciali statunitensi nella zona hanno spinto dei gruppi Curdi a fare alleanza con le restanti unità di combattenti  ISIS ancora dispiegate nella Siria orientale”.
Deir ez-Zor era l'ultimo centro urbano nelle mani di Dae'ch in Siria dalla caduta della Raqqa a metà ottobre. Dopo aver controllato un terzo del paese, Dae'ch è ora con le spalle al muro nella valle dell'Eufrate. Il 7 ottobre, il generale americano Robert Sofge, numero due della Coalizione internazionale anti- Dae'ch , ha stimato che circa 2.000 combattenti jihadisti si nascondono nel deserto circostante. 
Le due vittorie di Raqqa e Deir ez-Zor certamente non significano la fine di Dae'ch. "Anche se estremamente indebolita, l'organizzazione ha disseminato cellule dormienti nelle zone liberate e già si reindirizza verso azioni di guerriglia tradizionali, con il sostegno di diversi gruppi curdi", dice una fonte militare europea, aggiungendo: "l'asse americano-israeliano-saudita perderà questa guerra e l'Iran e la Russia vinceranno ... ».

Nonostante le proteste degli Stati Uniti, le truppe irachene hanno eliminato dalle zone di confine con la Siria la maggior parte dei gruppi salafiti. Le milizie irachene hanno anche attraversato il confine per aiutare le truppe siriane a recuperare Abu Kamal, l'ultima località controllata da Dae'ch . È certo che questa giunzione promuoverà la collaborazione militare tra Siria e Iraq, un incubo per Washington, Tel Aviv e Riyadh.
Gli Stati Uniti avevano previsto di prendere Abu Kamal con le unità delle Forze Democratiche Siriane (SDF) - le loro forze proxy Curde. Purtroppo per loro, le forze del governo siriano li hanno battuti in corsa. Per diversi giorni di fila, i bombardieri Tu-22M3 a lungo raggio della Russia hanno sostenuto l'offensiva siriana con grandi incursioni effettuate direttamente dalla Russia. Hezbollah ha impegnato diverse migliaia di combattenti.

Sponsorizzato dall'Arabia Saudita in Iraq e Siria, Dae'ch è stato quindi spazzato via, l'Iraq ha ripreso la sua sovranità nazionale e la Siria sta per recuperare la propria. In entrambi i casi, le forze armate governative hanno impedito ai Curdi di appropriarsi di parte del territorio e sventato i tentativi di rilanciare la guerra civile a loro vantaggio. Di fronte al fallimento degli Stati Uniti che puntavano su una "partizione" eufemisticamente chiedendo l'istituzione di un "federalismo", il recupero di quasi tutto il territorio nazionale siriano rilancia una dinamica di riscossa e di nuovi irredentismi.
Le dichiarazioni di Benjamin Netanyahu, il 5 novembre alla BBC, involontariamente confermano questo sviluppo e la sconfitta dell'asse USA-Israele-saudita, "le dimissioni di Saad Hariri significano che Hezbollah ha preso il potere, il che significa che l'Iran ha preso il potere. Questa è una chiamata a svegliarsi! Il Medio Oriente sta vivendo un momento estremamente pericoloso in cui l'Iran sta cercando di dominare e controllare l'intera regione ... Quando tutti gli Arabi e gli Israeliani sono d'accordo su una cosa, il mondo deve sentirlo. Dobbiamo fermare questa presa di controllo iraniana ".  In ogni caso, ogni volta che una nuova minaccia si volge sull'Iran, è il Libano che tintinna.

FINE DI UNA RIVOLUZIONE DI PALAZZO
Ormai, l'Arabia Saudita e i suoi satelliti del Golfo (con la notevole eccezione del Qatar) stanno cercando un altro teatro da cui potrebbero sfidare e indebolire l'Iran per compensare la perdita della Siria. L'urgente desiderio di rovesciare la situazione regionale potrebbe indurli a cercare di riprendere piede in Libano. Gli Stati del Golfo, Israele e gli Stati Uniti non vogliono che l'Iran raccolga i benefici di una vittoria in Siria.

Ironia della sorte: il primo ministro libanese (che ha un passaporto saudita) si è dimesso per ordine dell' Arabia Saudita, in Arabia Saudita, in diretta televisiva sulla TV saudita Al-Arabia . Nella sua lettera di dimissioni, scritta da funzionari del palazzo saudita, accusa l'Iran di interferenze straniere nella politica libanese. Una voce sostiene inoltre che l'assassinio di Saad Hariri era progettato in Libano, il che non ha alcun senso ci hanno confermato vari capi dipartimento della sicurezza interna libanese, anche se i parenti del Primo Ministro sostengono che è il servizio di Intelligence francese che lo avrebbero avvertito.  A Beirut, questi ultimi negano formalmente "queste voci infondate". Altre fonti evocano una montatura del Mossad …

Ancora, le dimissioni del primo ministro libanese in Arabia Saudita sono concomitanti con uno spettacolare arresto di principi e soprattutto di potenti leader della Guardia Nazionale e della Marina. Riyadh ha deciso di bloccare i conti bancari del miliardario principe Walid bin Talal e di dieci altri dignitari sauditi. Trenta ex ministri e uomini d'affari sono stati arrestati la notte tra sabato e domenica in nome della lotta contro la corruzione. I portavoce del Palazzo annunciano che circa mille miliardi di dollari potrebbero essere recuperati. Ma altre voci regionali più informate sostengono che "sotto il pretesto di una improbabile lotta contro la corruzione, si tratterebbe soprattutto per il nuovo potere installato a Riyadh di completare la sua rivoluzione di palazzo eliminando le personalità saudite che non condividono le nuove opzioni di Mohamad Ben Salman, vale a dire un ravvicinamento con Israele e un inasprimento del confronto con Iran, Qatar e i mondi sciiti”.

Le dimissioni a sorpresa di Saad Hariri completano una rivoluzione di Palazzo che accade in piena ripresa dei negoziati internazionali sulla Siria. Durante la visita in Iran il 1 ° novembre Putin ha confermato la sua determinazione a continuare il processo di Astana con una futura riunione dei vari componenti dell'opposizione a Sochi. A Ginevra, il rappresentante speciale dell'ONU Staffan de Mistura ha previsto un altro giro di colloqui tra l'opposizione e il governo siriano il 28 novembre.
All'inizio della settimana, Thamer al-Sabhan, il ministro saudita degli affari del Golfo, aveva minacciato l'Hezbollah libanese e aveva annunciato che sarebbero arrivate sorprese. Facendo riferimento ad uno dei suoi tweets indirizzati al governo libanese, il ministro ha aggiunto: "Ho mandato questo messaggio al governo perché il partito di Satana (ossia Hezbollah) vi è rappresentato ed è un partito terroristico. Il problema non è quello di rovesciare il governo, ma piuttosto di rovesciare Hezbollah ".

HASSAN NASRALLAH FA APPELLO ALLA CALMA
Domenica sera, in un discorso televisivo, il segretario generale di Hezbollah ha rassicurato che "l'escalation politica verbale non cambia la realtà regionale". Egli ha invitato i Libanesi alla calma e a non cedere a tre voci diffuse da coloro che cercano di provocare una crisi costituzionale: un complotto per assassinare Saad Hariri, un attacco israeliano e un piano saudita per attaccare il Libano.
Hassan Nasrallah ha risposto punto per punto spiegando in sostanza: l'annuncio di un progetto di assassinio è "totalmente fantasioso"; l'agenda di Tel-Aviv non è identica all'agenda di Riyad e non può contemplare attacchi militari nel contesto attuale; infine, l'Arabia Saudita non ha i mezzi per attaccare il Libano. Si potrebbe aggiungere ... mentre perde in Siria, si è impantanata in Yemen e reprime le strade in Bahrain, mentre gli ultimi arresti potrebbero provocare reazioni popolari e cristallizzare una crisi di regime latente da diversi mesi!
Inoltre, il leader di Hezbollah reputa che le dimissioni di Saad Hariri non sono la sua decisione personale e che si deve aspettare il suo ritorno in Libano perchè si spieghi davanti ai suoi colleghi, forse questo giovedì, a meno che il primo ministro libanese non sia detenuto in Arabia Saudita - sotto arresto domiciliare o persino in prigione?  Con l'intelligenza politica che sappiamo, Hassan Nasrallah ha accuratamente evitato di infierire su Saad Hariri personalmente, preferendo andare alla fonte di queste dimissioni a sorpresa: l'Arabia Saudita!

Sulla stessa lunghezza d'onda, quelli vicini al presidente del Libano Michel Aoun hanno dichiarato che le dimissioni - annunciate da un paese straniero - sono incostituzionali. Il presidente si rifiuta di prendere atto di ciò prima di aver sentito, dalla bocca dell'interessato, i motivi di tale decisione. All'unisono, i due politici hanno chiesto il ritorno fisico di Saad Hariri sul territorio libanese, per poter adottare le misure appropriate.

Ancor prima dell'annuncio delle dimissioni di Saad Hariri, Samir Geagea, capo delle forze libanesi (FL), aveva anch'egli moltiplicato i suoi attacchi contro Hezbollah. Sempre allineato a Tel Aviv e Riad, il leader di estrema destra cercherà senza dubbio di approfittare della situazione per indebolire i suoi concorrenti in campo cristiano presentandosi come l'unica alternativa possibile alla successione al presidente Michel Aoun .

Altre conseguenze devono essere temute. L'amministrazione statunitense potrebbe cogliere l'opportunità di annunciare nuove sanzioni contro Hezbollah e Libano. L'Arabia Saudita continuerà ad infiltrare alcuni dei suoi combattenti al-Qaeda e Dae'ch in Siria e in Iraq. Come da molti decenni, la monarchia wahhabita finanzierà nuove operazioni terroristiche in Libano e in altri paesi della regione, mirando agli obiettivi sciiti e cristiani. Senza rischiare di lanciare una guerra aperta, Israele probabilmente continuerà a infastidire e provocare Hezbollah lungo il confine meridionale del Libano, nonché le sue violazioni quotidiane dello spazio aereo e delle acque territoriali del Paese dei Cedri.

In risposta ad un articolo molto strano di Médiapart sulle dimissioni di Saad Hariri, Bernard Cornut - collaboratore di prochetmoyen-orient.ch- ha inviato una risposta che merita di essere diffusa: "l'articolo cita i 1,5 milioni di rifugiati come fonte di instabilità in Libano e la guerra in Siria come causa di questi rifugiati. Non menziona la ragione principale per lo scatenarsi e il prolungarsi di questa guerra, vale a dire l'approvazione di Hillary Clinton per il sostegno finanziario e l'armamento massiccio dei ribelli mercenari impegnati in Siria, tramite basi statunitensi in Turchia ( Incirlik e Hatay) e in Giordania, come Hamid Ben Jassem, ex primo ministro e ministro degli Esteri di Qatar, recentemente ha riconosciuto chiaramente in un'intervista televisiva il 25 ottobre. Egli specificava ciò che aveva già ammesso in un'intervista del 15 aprile 2017 al Financial Times, citando la sua visita al re Abdullah di Arabia dall'inizio degli eventi in Siria per garantire questo massiccio sostegno illegale a delle ribellioni illegali.
 L'ex ministro del Qatar dichiara: "Per quanto riguarda la Siria, non appena gli eventi sono iniziati, sono andato in Arabia Saudita per incontrare il re Abdullah. Questo in seguito alle istruzioni di Sua Altezza (padre del principe attuale del Qatar). Gli ho detto che sta succedendo così (in Siria)! Ha risposto: siamo con voi. Occupatevi di questo caso e noi ci coordiniamo con voi ... ma prendete il caso nelle mani ". E lo abbiamo preso in mano! Non voglio dare i dettagli, ma abbiamo molti documenti e prove su questo. Tutto ciò che andava (in Siria) passava in Turchia in coordinamento con le forze americane. Tutta la distribuzione è stata fatta attraverso le forze americane, i Turchi, noi stessi e i nostri fratelli siriani, tutti i militari erano presenti ".

Richard Labévière
    (trad.  OraproSiria)

Nessun commento:

Posta un commento

Inserisci il tuo commento. Lo vaglieremo per la sua pubblicazione. Grazie

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.