Traduci

mercoledì 11 ottobre 2017

SPAZIO DI PAROLA SIRIANA (non censurata) - Tornando al 2011 ...

8 ottobre 2017, DAL BLOG DI ADELINE CHENON RAMLAT:
Messaggio di Wissam Hassam che vive da 25 anni in Francia ed ha quindi seguito l'inizio degli eventi siriani come qualsiasi cittadino che vive fuori dalla Siria: attraverso i media. Egli parla qui di come ha capito che qualcosa era sbagliato nel racconto dei media francesi. Questo spazio è aperto a qualsiasi siriano che volesse esprimere il suo punto di vista.   (Traduz. dal francese di Gb.P.)

SPAZIO DI PAROLA SIRIANA (non censurata) - Messaggio di Wissam Hassan
Quando è iniziata nel 2011, eravamo persi: non si sapeva cosa fosse vero e quello che era falso. La cortina fumogena era così opaca..
Pochi mesi dopo si sono verificati eventi che mi hanno permesso di vedere chiaramente.
Il primo era un amico cristiano di Homs che durante i nostri scambi su un forum privato ci ha informato che la sua famiglia doveva fuggire dalla sua casa. All'epoca, il suo quartiere è stato "liberato" dal famoso Liwaa al Farouk, il cui leader oggi gode di un'ospitalità molto generosa del regime francese. Questo incidente era diventato un'idea fissa per me. Ogni giorno tornavo sul forum e chiedevo a questo amico se la sua famiglia aveva potuto tornare a casa. Ogni volta mi rispondeva di no. Un giorno ci ha informato che la sua famiglia ha dovuto partire per il Libano.
Nello stesso periodo, un altro amico franco-siriano è andato in Siria per visitare i suoi genitori a Latakia. Per capire è opportuno sapere che Latakia è sulla costa e che l'appartamento dei genitori di questo amico dà direttamente sul mare. Al suo ritorno ci ha raccontato la seguente storia: "Stavamo guardando Al Jazeera con i miei genitori quando hanno annunciato che l'esercito siriano stava bombardando Latakia da navi militari in mare. Siamo rimasti sorpresi perché non sentivamo né esplosioni o altro. Siamo andati sul balcone per vedere e abbiamo visto solo piccole barche da pesca, delle persone e degli innamorati che passeggiavano sulla spiaggia."
Pochi giorni dopo, un altro amico siriano che si era recato a Damasco ci ha raccontato una storia simile. Al Jazeera annuncia una imponente dimostrazione nel quartiere di Bab Touma proprio mentre il mio amico era in questo quartiere. Lui ci ha riferito che niente di speciale accadeva in questo quartiere e che tutto era normale, al contrario di quello che affermava la TV Al Jazeera
E poi c'erano le goffe bugie e i video truccati dei "rivoluzionari": l'uomo morto che finisce per tornare in vita con una risata. La supposta dimostrazione di 500.000 persone a Hama su un quadrato delle dimensioni della piazza del Campidoglio! Capito?! Neanche le sardine non ci sarebbero state in quello spazio. Senza dimenticare che il numero di abitanti di tutto il dipartimento di Hama e dintorni è al massimo di 500.000 persone, anziani e bambini inclusi.
C'erano video che mostravano "angeli" che combattevano a fianco dei "ribelli" ... E poi un video che mostrava una piccola dimostrazione nei pressi di Homs dove gridavano: "Gli Alawiti alla tomba, i Cristiani a Beirut ".
Tutto questo e altri eventi e testimonianze di questo genere mi hanno aiutato a vedere chiaramente e ad essere certo che ciò che i media ci dicevano era falso. Ho capito che tutto ciò che si sentiva sui crimini, sui bombardamenti, sulle rivolte, sui ribelli, sulla democrazia, ecc., non erano altro che fandonie, pure e semplici bugie. Al Jazeera mentiva spudoratamente. I media occidentali mentivano vergognosamente. Più la bugia è grande e più è facile credere sia la verità.
L'Occidente e i suoi alleati del Golfo hanno armato e mandato avanti dei banditi e degli islamisti siriani per farli passare per rivoluzionari e per far credere a una massiccia sollevazione popolare.
Cari amici: viviamo in un mondo di realtà virtuale. Diffidate di tutto. Non hanno limiti.

Nessun commento:

Posta un commento

Inserisci il tuo commento. Lo vaglieremo per la sua pubblicazione. Grazie

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.