Traduci

lunedì 25 settembre 2017

Vescovi rapiti in Siria: Giovanni X “preghiamo sempre per loro con speranza”

da S.I.R.
La speranza in Siria non muore. Nonostante la violenza sanguinosa che si è abbattuta sul Paese. Nonostante il silenzio indifferente e l’inerzia colpevole della comunità internazionale. E sperare qui significa rimanere radicati come cristiani su questa terra, fedeli a una storia che affonda le sue radici ai tempi degli Apostoli. Tutto questo si legge negli occhi di Sua Beatitudine  Giovanni X, patriarca greco ortodosso di Antiochia e di tutto l’Oriente... 
Sono 4 anni che il patriarca Giovanni X non ha più notizie di suo fratello, il vescovo Paul Yazigi.  È stato rapito il 22 aprile 2013 insieme al metropolita di Aleppo della Chiesa siro-ortodossa Mor Gregorious Yohanna Ibrahim, mentre si trovavano a bordo di un’auto proveniente dal confine turco. Erano diretti ad Aleppo, ma sono stati fermati da uomini armati che hanno intimato a loro e all’autista di scendere dall’auto. Dopo aver ucciso l’autista sul posto si sono dileguati portando con sé i due vescovi in un luogo sconosciuto. Da allora si sono susseguite solo notizie contraddittorie, intercalate da lunghissimi silenzi. E niente più.
"In the beginning of year 2011, some people started what was called the Arabic Spring. I can assure you that, as Christians of the Levant, all that we ever saw of that “spring” was the anemone red of our son’s, our elderly’s, and our martyrs’ blood. From its first moments, they only saw the desperation of wars: violence, displacement, kidnapping, dying on sea coasts, terrorism, extremist movements, destroying churches, targeting people living safely, and dismantling states and systems.
All this, and the world boasts, or simply ignores what is happening, knowingly or unknowingly. All this and the world either falls down or compromises. It blockades food and bountifully dispenses weapons. Sometimes it really cries, and sometimes it turns on the waterworks....
I am here in the heart of Europe to share the sighs of my people with those who hear me from every kind of culture and nation, and to make with all of you, dear brothers and sisters, a sincere call for peace, a call which I place in the ears of this world’s politicians and great powers. Syria has had enough of the wars on its land! Syria has had enough of everyone getting dim and ignoring the facts, satisfied with enthralling false information from the media.
I am here to put forth and whisper into the ears of Christian Europe a handful of the Levantine Christian’s agony, together with their brothers of other communities. Among the killing and displacement that these have suffered because of the present atrocious times is the case of our brothers the Bishops of Aleppo John Ibrahim and Paul Yazigi of the Syrian and Greek Orthodox communities, who have been kidnapped more than four years now in the absence of any information and an international suspicious silence.
Today we call for the peace in Syria and for the stability in Lebanon, in the Middle East and in the whole world, who are paying a very high price, unfortunately, for a restless and wiggly terrorism.
Lord, grant us the spirit of Your righteousness peace, to descend on us as a balm for the long-awaited and sought earthly peace."


Beatitudine, come si vive con un dolore così forte, nella sospensione di non avere più notizie di suo fratello?
Questo rapimento è una cosa molto dolorosa per noi e rappresenta anche un fatto molto pericoloso perché loro sono messaggeri di pace. Purtroppo, sembra che tutto il mondo stia guardando a quanto sta accedendo in Siria con un indifferente silenzio internazionale.
Secondo lei, i due vescovi sono morti o nutre ancora la speranza che siano vivi?  Noi siamo sempre in una preghiera continua per loro. Abbiamo sempre la speranza. Oltre a questi due vescovi, sono stati rapiti tanti preti e laici. Abbiamo pagato un prezzo molto pesante per quello che sta succedendo nel mondo ma rimaniamo fissi nella speranza.
Che cosa significa per lei e per il suo popolo non perdere la speranza?
Significa rimanere fedeli alla nostra Chiesa e radicati nella nostra terra. Come cristiani d’Antiochia, abbiamo plasmato il nostro cristianesimo sulle parole degli Apostoli. Abbiamo succhiato la fede con il latte delle nostre madri e siamo stati iniziati alla vita cristiana insieme a un amore appassionato per la nostra patria. Siamo radicati qui, in tutto l’Oriente, da duemila anni! Siamo nati qui, abbiamo vissuto qui e qui moriremo.
Come vivono i cristiani in Siria?
Vivono la loro fede ed esprimono il loro culto religioso. La nostra terra è ricca di monasteri, tenuti vivi da monaci e monache. Le Chiese sono vive. Accogliamo questa opportunità per chiedere al mondo il dono della pace. Non basta parlare della presenza cristiana in Medio Oriente.
Il mondo deve fare tutto il possibile per costruire la pace in queste terre. Abbiamo sentito in passato e sentiamo ogni giorno tante dichiarazioni che arrivano da tutto il mondo, contro il terrorismo, contro il radicalismo, la guerra e lo spargimento di sangue che colpisce gli innocenti. Ma siamo stanchi delle dichiarazioni, vogliamo vedere qualcosa di concreto. Sono venuto qui nel cuore dell’Europa proprio per questo.
Che cosa chiede alla comunità internazionale?
Innanzitutto sono venuto per condividere il dolore del mio popolo. Il nostro appello è: fermate questo terrorismo e ridateci la possibilità di continuare a vivere nella nostra terra e nel nostro Paese e di poterlo fare in pace.
Secondo lei, Papa Francesco può fare qualcosa di concreto per la Siria?
Papa Francesco sta svolgendo un grande ruolo. Abbiamo fatto tante cose insieme per aiutare la pace. Sì, lui può fare tanto.

Nessun commento:

Posta un commento

Inserisci il tuo commento. Lo vaglieremo per la sua pubblicazione. Grazie

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.