Traduci

lunedì 27 febbraio 2017

Padre Ziad Hilal: i religiosi e l'immensa opera del soccorso

Il taglio dell'acqua ad Aleppo perdura . La gente beve acqua contaminata dai pozzi. I Fratelli Maristi continuano a distribuire gratis l'acqua agli abitanti più poveri, portandola alle case con i loro camioncini

Aleppo, febbraio 2017

Quasi tre mesi dopo la liberazione della città di Aleppo dal controllo dell'ISIS da parte dell'esercito siriano, la popolazione locale si trova ad affrontare condizioni di vita durissime in una città in rovina dopo quasi sei anni di combattimenti.
In un'intervista con l'organizzazione umanitaria francese L'Oeuvre d'Orient, padre Ziad Hilal che svolge il suo ministero pastorale ad Aleppo, ha detto che il costo della vita in Siria è diventato esorbitante.
"In precedenza, il dollaro valeva circa 50 sterline siriane, oggi è scambiato a più di 520 lire siriane. Dieci volte di più! La gente di Aleppo non ha più i soldi per vivere, pochissime persone hanno un lavoro".
"Hanno bisogno di cibo, di carburante, devono pagare le tasse scolastiche per i figli, per gli studenti universitari, comprare il latte per i più piccoli. Ogni famiglia deve pagare per collegarsi ai generatori di energia elettrica" riferisce P. Hilal.
"Nella regione di Aleppo vivono decine di migliaia di persone. Esse sono spesso senza riparo, o sono ospitate in vecchie fabbriche. Hanno bisogno di tutto. Altri sono vicino a Idleb (a sud-ovest di Aleppo), o sfollati al confine con la Turchia, a Damasco, o in Libano. Altri sono profughi in Europa. Ci sono anche alcuni che sono rimasti ad Aleppo spostandosi nella zona occidentale della città", racconta sempre P. Hilal.
Il sacerdote gesuita ha spiegato che dopo l'evacuazione dei ribelli dalla parte orientale della città, "la situazione è leggermente migliorata, ma una quantità di ribelli rimane ancora nei villaggi circostanti. Ci sono ancora scambi di armi da fuoco e bombardamenti tra Aleppo e la periferia."
"L'Est Aleppo è quasi interamente distrutta. C'è una presenza militare, ma la gente non può tornare lì", "nonostante ciò, la gente sta circolando per le strade, può fare la spesa, i bambini sono più tranquilli. Tuttavia, né elettricità né acqua sono stati ripristinati nella città. Dopo gli scontri, siamo stati totalmente tagliati fuori dall'approvvigionamento dell'acqua ed è stata una dura prova per tutti. Ecco perché le persone non stanno ritornando in questo momento, anche se alcuni di loro lo vorrebbero. Tanto più perché è stato un inverno molto freddo quest'anno ed abbiamo avuto anche due nevicate", sono le parole di P. Hilal.
"La Chiesa adesso deve stare a fianco dei rifugiati, degli sfollati e degli emarginati. La gente di Aleppo non viene qui da noi solo per pregare, ma anche per ottenere aiuto."
Egli ha sottolineato che questa situazione "non è un lavoro facile per i sacerdoti, per i religiosi e le religiose, tuttavia è un lavoro che ci stiamo assumendo."
Ad esempio, le sei chiese cattoliche di Aleppo lavorano insieme per lanciare un'iniziativa chiamata 'il posto del latte'.  Ogni mese si distribuisce il latte per circa 2600 bambini di Aleppo. Le chiese distribuiscono anche cesti alimentari, forniture igieniche e pagano le rette per le lezioni dei ragazzi e gli alloggi per le famiglie.
Padre Hilal ha detto che la ricostruzione di Aleppo è prematura "fintanto che non c'è pace nel Paese". Tuttavia, ha aggiunto che si stanno studiando con alcune organizzazioni la possibilità di ricostruire alcune chiese e case distrutte.
"Il Nunzio Apostolico in Siria, il cardinale Mario Zenari e mons. Dal Toso di Cor Unum, sono venuti tre settimane fa per valutare la situazione. "
"D'altra parte, qui non possiamo aspettarci l'energia elettrica per ristrutturare, per almeno un anno, perché la rete è stata completamente distrutta dai combattimenti. Ci vorranno milioni e milioni di euro per la ricostruzione ", ha detto. "Chi pagherà per questo? Bisogna investire nella città. Bisogna avere speranza ".

Nessun commento:

Posta un commento

Inserisci il tuo commento. Lo vaglieremo per la sua pubblicazione. Grazie