Traduci

mercoledì 8 giugno 2016

Benvenuto al nuovo Custode di Terra Santa

L'abbraccio tra fra Pierbattista Pizzaballa e fra Francesco Patton
Fra Francesco Patton ha fatto il suo ingresso ufficiale a Gerusalemme lunedì 6 giugno, diventando il 168esimo Custode di Terra Santa. Secondo una tradizione secolare, l'accoglienza è avvenuta alla porta di Jaffa.

Della situazione della Terra Santa oggi, segnata da profondi conflitti, fra Francesco Patton parla come di una «scommessa di Dio».
«Credo che abbia un significato il fatto che quando Dio ha scelto d’incarnarsi, lo abbia fatto proprio in Terra Santa. La storia di questa terra è segnata da conflitti e scontri. Il fatto che Dio abbia scelto d’incarnarsi qui, sembra proprio una scommessa. Quasi a dire: se si realizzeranno qui, allora è possibile che pace e giustizia possano regnare su tutta la terra. Tutti noi siamo chiamati ad andare e a restare in Terra Santa, sapendo che siamo parte di questo “sogno di Dio”. La possibilità cioè che “il lupo pascoli con l’agnello”, come ci dice la visione di Isaia. E che venga un tempo, come ci testimoniano i profeti, “di cieli nuovi e terra nuova”. Noi dobbiamo credere che tutto ciò accadrà. Perché quello che impedisce la realizzazione dei progetti di Dio è anche la nostra mancanza di fede».
I primi tempi del suo mandato – fra Francesco ne è certo – saranno una sorta di «noviziato». «Non ho la presunzione di riuscire ad entrare subito in una realtà complessa come quella della Custodia di Terra Santa e del contesto ecclesiale e sociale nel quale come frati minori siamo chiamati a lavorare. Mi metterò in ascolto. Credo che le esperienze di internazionalità a servizio dell’Ordine mi possano aiutare a prestare attenzione alle varie sensibilità e culture».
Di una cosa è però certo fra Patton: «Il mio cuore è in Terra Santa. Da quando mi hanno comunicato la nomina, ho iniziato a ricordare quotidianamente nella preghiera i confratelli che vivono in Siria, tutti coloro che servono con tanta dedizione nei santuari e sono impegnati nelle parrocchie e nelle tante realtà sociali della Custodia; coloro che si impegnano nei vari centri di per non dimenticare i padri Commissari impegnati a diffondere l’opera della Custodia in tutto il mondo. Sento per loro grande affetto e riconoscenza. Mi sono preziosi e li sento tutti uniti nella preghiera».

Nessun commento:

Posta un commento

Inserisci il tuo commento. Lo vaglieremo per la sua pubblicazione. Grazie