Traduci

giovedì 4 febbraio 2016

#syriaconference e la risposta alla speranza del popolo siriano : la voce delle Monache Trappiste in Siria

La guerra in Siria e la tragedia delle sanzioni


Piccole Note, 3  febbraio 2016

Da Tibhirine ad Azeir. Questo l’itinerario spirituale che ha portato alcune suore trappiste in Siria, come lo racconta suor Marta, la superiora del monastero Vergine Fonte della Pace di Azeir. Ce lo racconta in una sua breve visita romana, durante la quale la incontriamo – al Santuario delle Tre Fontane – per avere notizie su quella tragedia siriana nella quale lei e le sue sorelle sono coinvolte da ormai cinque anni.

Quando avvenne il massacro dei monaci trappisti in Algeria, un eccidio controverso, attribuito gli islamisti ma sul quale si deve ancora fare luce, l’ordine cistercense si fece interpellare dall’accaduto. Fu allora che diversi fratelli e sorelle si offrirono per seguirne le orme, chiedendo di andare in Algeria. Non una sfida da raccogliere, come racconta oggi suor Marta, o una bandiera da rialzare dopo esser stata ammainata da feroci assassini. Semplicemente si trattava di seguire un itinerario cristiano avvincente che aveva fatto breccia nei cuori di tanti monaci e monache: quello di costituire una presenza cristiana nel mondo arabo, minoritaria e aperta al dialogo.

Una presenza di preghiera, ché questa è la caratteristica dei “trappisti”, abitata dalla speranza e dalla carità cristiana verso tutti. Ma le condizioni non erano favorevoli per l’Algeria, così, dopo aver scartato altre opzioni, alcune di quelle suore approdarono in Siria, in un paesino a due passi dalla frontiera con il Libano.
«Quando siamo arrivate, dieci anni fa», spiega suor Marta, «era tutto diverso: la convivenza tra islamici e cristiani era normale, un qualcosa di quotidiano che passava dalle minime cose piuttosto che un astratto dialogo culturale. Certo, il regime aveva le sue rigidità e i suoi limiti, ma grazie ad esso era possibile tale convivenza tra diversi e si viveva tranquillamente.
Si poteva ad esempio girare a qualsiasi ora senza nessun timore. C’era un profondo rispetto, aiuto reciproco, fondato sul fatto che si era tutti davanti a Dio nonostante le diversità del proprio credo. Ricordo che quando giravo per strada, per andare a fare la spesa o altro, gli autobus si fermavano a tirarti su anche al di fuori delle fermate ordinarie. Insistevano, dovevi salire per forza: “Per una benedizione”».
Un piccolo ricordo tra i tanti, che fa intravedere una stagione altra, ormai passata. Perché poi tutto è precipitato.

«Sulla Siria si è abbattuta questa immane tragedia», riprende suor Marta, «che ha fatto scorrere moltissimo sangue e che ci ha fatto scoprire un mondo nuovo, quello della disinformazione. Quando leggevo i giornali o vedevo in Tv i servizi dei media occidentali su quanto avveniva in Siria mi sentivo impotente: tutto veniva manipolato! La foto di una manifestazione pro-Assad veniva presentata come una contestazione del regime, le stragi chimiche fatte dai ribelli come eccidi delle forze governative… che, certo, avevano le loro responsabilità, ma in tutt’altra prospettiva di quella raccontata dai media.. se non fossi stata qui, non avessi visto e ascoltato da così vicino, non avrei mai immaginato si potesse arrivare a tanto».

Azeir e il suo circondario non hanno subito gli orrori del conflitto, se non in alcune circostanze e in piccola parte.
Nondimeno le strette di quanto sta avvenendo nel resto del Paese si sentono. «Non sappiamo come e quando finirà questa guerra. Quel che è certo è che la comunità internazionale non sta aiutando, anzi. Se all’inizio c’erano davvero alcuni ribelli siriani, da subito nella guerra ad Assad si sono infiltrate le  milizie straniere che hanno portato il terrore. Provengono da moltissime nazioni, cosa che ripetono le autorità e che colpisce la gente comune: hanno la consapevolezza di trovarsi nell’epicentro di una sorta di guerra mondiale, e che stanno resistendo a una pressione che proviene da mezzo mondo. “Più di centosettantasei Paesi contro di noi”, ripetono. Un’esagerazione, forse, ma non troppo».

Non che non ci sia un’opposizione siriana tra i tanti movimenti armati che circolano nel Paese, aggiunge suor Marta, ma i moderati ormai sono una presenza residuale. E la gente percepisce Assad come l’unica alternativa al caos e alla dissoluzione violenta della Siria. «Assad è un freno oggettivo al dilagare del terrore, questo è il sentimento comune basato su un fatto semplice: il Paese è talmente pieno di armi e mercenari, che un vuoto di potere di mezz’ora comporterebbe stragi e faide a non finire», spiega suor Marta.

«In questi anni si sono fatti alcuni tentativi di riconciliazione sponsorizzati dalla comunità internazionale. – aggiunge – Però sono state cose calate dall’alto: i cittadini siriani non avevano alcuna fiducia nelle figure che gli Stati Uniti e gli altri Paesi occidentali immaginavano come nuovi dirigenti del Paese: è gente che vive all’estero, dicevano tutti, mentre qui ci ammazzano. “Fantocci”, era il termine con il quale venivano indicati. Oggi c’è una nuova possibilità, ci sono nuovi negoziati… preghiamo, speriamo, che altro possiamo fare?».

Già, la speranza. Nel luglio scorso, il suo monastero si era fatto portatore di un appello accorato perché fossero abrogate le sanzioni contro la Siria. Una esile voce ripresa, alcuni giorni fa dall’Avvenire, ovviamente senza alcun seguito. «Le sanzioni non servono a niente. Anzi. Il governo di Damasco non ne ha alcun danno, mentre stanno fiaccando la povera gente.
L’Occidente si commuove per la sorte dei profughi siriani o quando vede immagini di siriani denutriti a causa dell’assedio di alcune località, ed è giusto. 
Eppure nessuno parla del fatto che tutti i siriani si trovano da cinque anni sotto assedio da parte della comunità internazionale a causa delle sanzioni: soffrono la fame, la malattia a causa di queste. Gli adulti e i bambini muoiono per mancanza di medicine… che civiltà è quella che fa questo?».

«La speranza non si uccide solo con il fucile, ma anche con le sanzioni», continua suor Marta. «La nostra gente non solo è stata privata dei propri beni; non solo ha visto uccidere familiari e amici, ma viene depredata anche del suo futuro. Le sanzioni hanno spinto alle stelle i prezzi di tutti i beni. Senza energia, senza combustibile, privati del necessario, per la gente è impossibile intraprendere una qualsiasi attività lavorativa, tentare una pur piccola ripresa. 
E va tenuto presente che, ad aggravare la situazione, ci sono i tanti rifugiati che hanno trovato riparo all’interno del Paese: persone che hanno perso tutto e non possono far nulla per ricominciare».

«Le sanzioni non colpiscono chi è al potere», conclude suor Marta, «ma stanno abbattendo un intero popolo. O forse si vuole proprio questo: creare disperazione tra la gente per fiaccarne la resistenza e costringerla ad accettare un cambio di regime imposto dall’esterno, senza rispettare l’autodeterminazione, uno dei pilastri della democrazia».

1 commento:

  1. Grazie care sorelle per la vostra testimonianza e per la chiarezza con cui ci informate della REALE situazione. Sentitevi sempre sostenute dalle nostre preghiere e dal nostro affetto. Il Signore vi conceda forza e pace: sia Lui il baluardo di difesa per voi. Un abbraccio dalle vostre sorelle di Ghiffa

    RispondiElimina

Inserisci il tuo commento. Lo vaglieremo per la sua pubblicazione. Grazie