Traduci

mercoledì 1 luglio 2015

La verità emerge

Come gli Stati Uniti hanno alimentato la crescita di ISIS

 in Siria e in Iraq



The Guardian, 12 giugno 2015 (trad. ossin)

Seumas Milne


La guerra contro il terrorismo, la campagna senza fine lanciata 14 anni fa da George Bush, si contorce in contraddizioni sempre più grottesche. Lunedì, il processo a Londra di uno svedese, Bherlin Gildo, accusato di atti di terrorismo in Siria, si è interrotto quando è diventato chiaro che i servizi di informazione britannici avevano armato gli stessi gruppi ribelli nei quali l’imputato aveva militato
Il Procuratore ha ritirato l’accusa, evidentemente per non mettere in imbarazzo i servizi di informazione. La difesa aveva sostenuto che proseguire il processo sarebbe stato un “affronto alla giustizia”, dal momento che vi era la prova anche lo Stato britannico aveva fornito un “appoggio massiccio” all’opposizione armata siriana.

E non si era trattato solo “dell’aiuto non letale” proclamato dal governo (giubbotti antiproiettile e veicoli militari), ma di addestramento, appoggio logistico e approvvigionamento segreto di “armi in grande quantità”. Secondo i rapporti citati nel corso del processo, il MI6 aveva cooperato con la CIA nella realizzazione di una “rete di approvvigionamento” di armi provenienti dagli stock libici e destinati ai ribelli siriani nel 2012, dopo la caduta del regime di Gheddafi.

In tutta evidenza, l’assurdità di sbattere qualcuno in prigione per avere fatto la stessa cosa che stavano facendo i ministri e i loro agenti di sicurezza era eccessiva. Ma si tratta solo dell’ultimo di una lunga serie di casi. Meno fortunato è stato un autista di taxi a Londra, Anis Sardar, condannato due settimane fa all’ergastolo per avere partecipato nel 2007 alla resistenza contro l’occupazione dell’Iraq da parte delle forze statunitense e britanniche. L’opposizione armata ad una invasione e ad un’occupazione illegale non costituisce assolutamente un fatto di terrorismo o un assassinio, secondo le definizioni accettate, ivi compreso dalla Convenzione di Ginevra.

Ma il terrorismo è oramai una questione di punti di vista. E soprattutto in Medio Oriente, dove i terroristi di oggi sono i combattenti contro la tirannia di domani – e gli alleati dei nemici – spesso in base solo ad una incredibile conferenza telefonica di un dirigente occidentale.

L’anno scorso gli Stati Uniti, la Gran Bretagna e altre forze occidentali sono tornate in Iraq, asseritamente per distruggere il gruppo iper settario terrorista dello Stato Islamico (in passato conosciuto col nome di Al Qaeda in Iraq). Ciò è avvenuto dopo che ISIS aveva invaso enormi porzioni del territorio iracheno e siriano e proclamato un sedicente califfato islamico.

La campagna non va bene. Il mese scorso ISIS ha conquistato la città irachena di Ramadi mentre, dall’altro lato di una frontiera attualmente inesistente, le sue forze hanno conquistato la città siriana di Palmira. Il franchising ufficiale di Al Qaeda, il Fronte al-Nusra, è avanzato anch’esso in Siria.

Alcuni iracheni si lamentano che gli Stati Uniti sono rimasti a guardare mentre accadevano questi fatto. Gli Statunitensi insistono nel fatto che cercano di evitare perdite civili e rivendicano successi significativi. In privato, i responsabili dicono che non vogliono che li si veda bombardare dei bastioni sunniti in una guerra settaria e correre il rischio di destabilizzare i loro alleati sunniti del Golfo.

Un po’ di chiarezza sul modo in cui siamo arrivati a questo punto viene da un rapporto segreto della intelligence USA recentemente declassificato, scritto nell’agosto 2012, che stranamente prevedeva – e addirittura apprezzava – la prospettiva della creazione di un “principato salafita” nell’est della Siria e di uno Stato islamico controllato da Al Qaeda in Iraq e in Siria. 

In contrasto evidente con le affermazione dell’Occidente all’epoca, il documento del Defense Intelligence Agency indica in Al Qaeda in Iraq (poi diventato ISIS) e in altri salafiti i “principali motori dell’insurrezione in Siria” – e dichiara che “i paesi occidentali, gli Stati del Golfo e la Turchia” appoggiano l’opposizione nel tentativo di conquistare l’est della Siria.

Evocando “la possibilità della creazione di un principato salafita dichiarato o meno”, il rapporto del Pentagono prosegue: “quello che davvero vogliono le potenze che appoggiano l’opposizione è di isolare il regime siriano, considerato come la chiave strategica dell’espansione sciita (Iraq e Iran)”.

Ed è esattamente quello che è accaduto due anni dopo. Il rapporto non era un documento politico. Esso è pieno di omissis e di espressioni ambigue. Ma sono chiarissime le implicazioni. Un anno dopo la ribellione siriana, gli Stati Uniti e i suoi alleati hanno, non solo armato e sostenuto un’opposizione che sapevano essere dominata da gruppi settari estremisti: erano perfino pronti ad approvare la creazione di una sorta di “Stato Islamico” – nonostante il “grave pericolo” che esso rappresentava per l’unità dell’Iraq – come un cuscinetto sunnita destinato ad indebolire la Siria.

Ciò non significa che siano stati gli USA a creare ISIS, ovviamente, anche se qualcuno dei loro alleati del Golfo vi ha giocato un ruolo – e il vice presidente statunitense Joe Bilden lo ha riconosciuto l’anno scorso. Ma certamente, in Iraq, Al Qaeda non c’era prima che Stati Uniti e Gran Bretagna invadessero il paese. E certamente gli Stati Uniti hanno sfruttato l’esistenza di ISIS, come di altre forze estremiste, nel quadro del tentativo di mantenere il controllo occidentale sull’area.

La situazione è mutata quando ISIS ha cominciato a decapitare gli Occidentali e pubblicato queste atrocità on line, e i paesi del Golfo sostengono attualmente altri gruppi nella guerra siriana, come il Fronte al-Nusra. Ma questa abitudine occidentale e statunitense di giocare coi gruppi jihadisti, che poi si rivoltano e mordono, risale almeno alla guerra del 1980 contro l’Unione Sovietica in Afghanistan, quando è nata Al Qaeda originale sotto tutela CIA.

La situazione è stata aggiustata durante l’occupazione dell’Iraq, quando le forze statunitense al comando del generale Petraeus hanno patrocinato una sporca guerra di squadroni della morte alla salvadoregna, per indebolire la resistenza irachena. 

E riaggiustata nel 2011 durante la guerra della NATO contro la Libia, dove la settimana scorsa ISIS ha preso il controllo di Sirte, la città natale di Gheddafi.

In realtà la politica statunitense e occidentale in questa polveriera che è diventata il Medio Oriente rientra nella classica linea del “divide et impera”. Le forze statunitensi bombardano un gruppo di ribelli, mentre ne sostengono un altro in Siria e montano operazioni militari congiunte con l’Iran contro ISIS in Iraq, pur sostenendo la campagna militare dell’Arabia Saudita contro le forze Houthi, sostenute dall’Iran, in Yemen. E tuttavia, per quanto confusa possa sembrare la politica degli USA, un Iraq e una Siria indebolite e divise convengono loro assolutamente.

Ciò che è chiaro è che ISIS e le sue mostruosità non saranno sconfitte dalle stesse potenze che le hanno aiutate a vincere in Iraq e in Siria, le cui guerre dichiarate o clandestine hanno favorito il loro affermarsi. Gli interventi militari senza fine in Medio oriente hanno portato solo distruzioni e divisioni. Solo i popoli della regione possono guarire questa malattia – non coloro che hanno incubato il virus.


http://www.ossin.org/crisi-siriana/la-verita-emerge-come-gli-stati-uniti-hanno-alimentato-la-crescita-di-isis-in-siria-e-in-iraq.html

Nessun commento:

Posta un commento

Inserisci il tuo commento. Lo vaglieremo per la sua pubblicazione. Grazie