Traduci

giovedì 5 febbraio 2015

"Oggi gli angeli della morte volavano sopra il cielo di Damasco".

Una telefonata da Damasco,  5 febbraio 2015



"Ciao...eccoci qui vivi... 
Alle 7:30 di stamattina, ci siamo svegliati per grossi rimbombi. .. sono colpi di mortaio e missile lanciati da parte dei gruppi Jihadisti che si trovano nella zona di AlGuta est.Subito ho detto ai miei figli di non uscire da casa, perchè stavano uscendo per andare a scuola. Siccome abito non tanto lontano dalla zona di Jobar ho sentito la partenza dei missili ed i colpi di mortaio, la prima scarica era più di 25 tra missile e mortaio. 
Questi gruppi radicali hanno scelto l'ora più critica, infatti è l'ora dell'entrata nelle scuole e di andare al lavoro.

Il risultato di questo attacco che è durato fino alle ore 17:00 è di 9 martiri, e più di 35 civili feriti. Sono stati lanciati più di 130 missili, razzi Katyusha e colpi di mortaio su tutta Damasco. 
L'università di Damasco e' stata colpita... fortunatamente mio nipote che era lì è stato salvato. 
Uno di questi colpi ha preso il tetto della scuola di mio figlio maggiore. 
Una bimba di 9 anni (Gazal  Jaburi) è stata colpita mentre era dentro casa sua ed ha perso le sue gambe. 
I colpi hanno toccato il centro storico di Damasco (moschea degli Umayadi), il centro Cristiano (Bab Tuma) e tanti quartieri poveri (Mezeh 86), alcuni colpi hanno colpito la zona di Al-Mazraa e la zona intorno all'ospedale Italiano…L'oratorio dei Salesiani sarà chiuso (è vicino all'ospedale italiano) per oggi e domani. 

Oggi è stata una giornata di grande paura, Damasco era quasi vuota.

Non sappiamo cosa fare... abbiamo tanta paura di mandare i nostri figli a scuola…
Oggi gli angeli della morte volavano sopra il cielo di Damasco". 

INTEGRAZIONE notizia:  Agenzia Fides 6/2/2015

Giornata di bombardamenti a Damasco, colpito il convento francescano nel quartiere di Bab Touma

Damasco (Agenzia Fides)
........ 
Tra gli edifici colpiti c'è anche il convento francescano collegato alla parrocchia cattolica latina dedicata alla Conversione di San Paolo, nel quartiere di Bab Touma, la parte della città vecchia di Damasco, dove sono concentrate molte chiese cristiane. 

“Fin dalle prime ore del giorno - riferisce all'Agenzia Fides il parroco Raimondo Girgis, OFM - era iniziato lo scambio di razzi e di colpi di mortaio. Verso le 7,30 un colpo proveniente dai ribelli ha centrato e devastato il soffitto della stanza dove dorme p. Simon Pietro Herro (attuale ministro della Regione San Paolo della Custodia di Terra Santa, ndr).  In quel momento - fa notare il parroco siriano - ci trovavamo nell'ufficio parrocchiale, al piano di sotto, e p. Simone stava per salire nella sua stanza a prendere il breviario, come fa tutti i giorni dopo la messa e la colazione, per recitare la preghiera del mattino”. Il colpo di mortaio non ha causato danni alla chiesa. 
“E' stata una giornata pesante - commenta p. Raimondo - ma in quasi quattro anni di conflitto, abbiamo vissuto tante volte momenti del genere. La paura e la tensione fanno parte della quotidianità. E tutti continuano a pregare per chiedere di tornare presto a una vita normale”.

“L'escalation di attacchi indiscriminati registrati ad Aleppo e a Damasco nei giorni scorsi – scrive il Jesuit Refugee Service in un comunicato pervenuto all'Agenzia Fides - ha preso di mira intenzionalmente aree civili in cui moltissimi sfollati interni vivono fianco a fianco con i residenti. Non solo gli attacchi hanno creato panico e paura, causando danni alle infrastrutture e perdite di vite umane, ma contribuiscono anche ad alimentare le tensioni tra i gruppi" e “ostacolano l'assistenza umanitaria, costringendo le Ong a evacuare il proprio personale e a sospendere o interrompere le attività”.

Nessun commento:

Posta un commento

Inserisci il tuo commento. Lo vaglieremo per la sua pubblicazione. Grazie