Traduci

martedì 17 febbraio 2015

Intervista a Padre Toufik Eid (Maaloula): "Questa chiaramente non è una rivoluzione interna."

"Contro la barbarie, non sento la voce dei musulmani innalzarsi ..."

Parroco di Maaloula, villaggio cristiano martire, il padre Toufik si trova in Francia fino al 12 febbraio. 
Per testimoniare la catastrofe attualmente in corso.

Bd Voltaire, SOS Chrétiens d'Orient

  
 Ci può raccontare il dramma che ha vissuto Maaloula?
Prima di Natale 2012, l'esercito siriano si è ritirato dal villaggio. Maaloula è diventata una sorta di terra di nessuno tra i terroristi islamici e le forze governative. Nel febbraio 2013, per la prima volta, alcuni individui di Maaloula hanno cominciato a manifestare contro il governo. Erano armati. Non erano ancora apertamente pro-islamisti, anche se si sentiva qual'era la loro motivazione. Hanno finito per prendere la parte superiore del villaggio dove si trovava il monastero in cui io sono anche un monaco. Non vi sono ritornato. E poi delle persone sono state rapite, si stava mutando in qualcosa d'altro. Tuttavia, io percepivo che, nel campo dei terroristi, non c'era un vero capo.

   Come ha reagito la popolazione?
Speravamo una mediazione, un ritorno alla calma. Il leader musulmano locale (1/3 della popolazione, ndr) ha cercato di dialogare con i terroristi, ma non lo hanno voluto ascoltare. Il 4 settembre, hanno attaccato con un kamikaze su un pick-up, un checkpoint dell'esercito all'ingresso di Maaloula. Diversi soldati sono stati uccisi. Il giorno dopo, ho preso la decisione di far evacuare la popolazione, ma la gente mi aveva preceduto. Durante l'attacco finale, tre dei nostri giovani parrocchiani, tra cui il mio sacrestano, sono stati uccisi in uno scontro con i ribelli ... E' stato necessario aspettare fino ad aprile perchè l'esercito riprendesse il villaggio. Si tratta di una lotta puramente ideologica perché Maaloula non ha un interesse strategico o militare. Gli islamisti hanno chiaramente voluto distruggere questo villaggio simbolo, dove si parla ancora l'aramaico, la lingua di Cristo!


  Cosa hai trovato quando è tornato al villaggio?
Sono tornato il 20 aprile. Era una città fantasma ... rovine, una tristezza immensa. Più di 300 case erano state distrutte, bruciate. Alcune persone si sono reinsediate negli edifici abitabili. Abbiamo dovuto aspettare diversi giorni prima di riprendere il culto. Ma esso è ricominciato!

  Alla luce di tutti questi massacri ripetuti, c'è un futuro per i cristiani in Oriente?
E' nostro dovere di rimanere, di vivere anche con coloro che ci stanno uccidendo. Il Signore deciderà. In Siria, è speciale, perché nonostante la nostra condizione di minoranza, non abbiamo mai vissuto con un senso di insicurezza. In Maaloula, non c'erano state rivolte anti-cristiane dal 1925, dal tempo della rivolta contro i francesi. Devo precisare che qui c'è una forma avanzata di cittadinanza. Ma dobbiamo ammettere che, negli ultimi anni, c'è un vero cambiamento, qualcosa di palpabile, che è difficile definire nel comportamento dei musulmani ... Essi hanno cominciato ad avere dei soldi, molto più di prima. Non sappiamo da dove arriva questo denaro. Hanno cambiato il loro atteggiamento. Era strano ...

  Pensa che la manipolazione viene da altrove?
Sì. Questa chiaramente non è una rivoluzione interna. I terroristi non propongono nient'altro che la loro sharia. Questa non è una scelta locale, una potenza manipola dall'esterno. C'è un comandante nell' ombra. È molto complesso. E non capisco la politica della Francia. Essa è completamente paradossale: in Mali, voi lottate contro gli islamisti, a casa nostra, voi li armate. I siriani sono profondamente delusi da questo atteggiamento. Ma voi iniziate a pagarne le conseguenze a casa vostra.

   Lei dice anche di essere deluso dell'atteggiamento dei musulmani.
Sì, lo sono. I buoni musulmani sono incapaci di dire a voce alta la loro opposizione a questa barbarie che si estende in tutto il mondo. Lasciano che si diffonda il caos. Da parte mia, come cristiano, credo che non possiamo vivere bene se non nell' ordine e nella disciplina. Senza questo, la cosiddetta "convivenza" non è che una chimera.

 (traduzione dal francese di FMG)

http://www.soschretiensdorient.fr/2015/02/bd-voltaire-entretien-avec-pere-toufic-eid-contre-la-barbarie-je-nentends-pas-la-voix-des-musulmans-selever/



Video di Samaan Daoud: testimonianze sul martirio di Antonio, Michail e Sarkis , uccisi per Cristo a Maaloula. Intervista a padre Toufik e al vescovo Kawak

Nessun commento:

Posta un commento

Inserisci il tuo commento. Lo vaglieremo per la sua pubblicazione. Grazie

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.