Traduci

sabato 10 gennaio 2015

Il regalo di Natale a Qara: qualche ora di elettricità ....



Qara, venerdì 2 gennaio 2015
Natale in Siria 2014

Per la quarta volta abbiamo celebrato il Natale in guerra. Quest'anno, ci ha offerto un cesto pieno di regali. La notizia che parrebbe più banale durante il periodo natalizio è stata una fonte di gioia: il 24 dicembre c'era l'elettricità da mezzogiorno fino alle 02:30  e il giorno di Natale da mezzogiorno fino alle 08:30 del giorno di Santo Stefano. Adesso, abbiamo  interruzioni elettriche solo durante la mattinata e nelle prime ore del pomeriggio. E così abbiamo potuto festeggiare il Natale in tutta la sua gloria e la venuta di Gesù Cristo come la Luce anche nel nostro mondo.

Abouna Georges, il sacerdote bizantino di Qara è venuto per la celebrazione della "paramonia" (veglia di Natale), cioè il lungo servizio delle "ore reali", così chiamato perché a quel tempo in Costantinopoli anche l’imperatore partecipava a questa veglia. Poi è seguita la prima Eucaristia di Natale con il nostro piccolo gruppo in grande solennità.
Quando siamo arrivati nel refettorio, c’era la grande sorpresa della presenza di Madre Agnes-Mariam e suor Carmel. Madre Agnes-Mariam però aveva un forte raffreddore. Si era prima fermata all'ospedale Der Attieh, perché riusciva a malapena a respirare
 Era stata invitata a Mosca da un movimento per la pace e ha avuto un incontro proficuo tra altri con Mikhail Bogdanov, l'inviato speciale per il Medio Oriente. A Mosca, sembra, ha preso questo brutto raffreddore. Nel frattempo, un pasto è stato preparato per tutto il gruppoinclusi alcuni rifugiati . Alle 23.00 ho celebrato la messa di mezzanotte e dopo abbiamo cantato con la comunità tutte le canzoni tradizionali di Natale in diverse lingue e da diversi paesi. Erano le 01:30 quando abbiamo iniziato il banchetto. E poi è arrivato anche "Baba Noel" con tutti i tipi di regali per tutti. Durante tutto l'anno, si osserva quello di cui ognuno ha bisogno per il suo lavoro o per se stessi e con il Natale arrivano le sorprese. E poi la elettricità se ne è andata e così siamo stati avvisati che era davvero il momento di andare a dormire.

Anche la comunità del villaggio era in festa. Per la prima volta un grande albero di Natale è stato posto e decorato in segno di solidarietà dei 20.000 musulmani con il piccolo gruppo di 200 cristiani. Anche Abouna George era stato invitato a tenere un breve discorso e ha paragonato l'albero di Natale con “l’albero della vita" al momento della creazione. Un altro evento unico: sono stati distribuiti biglietti con la bandiera siriana e nella zona bianca tra le due stelle c’era la Mezzaluna Rossa con dentro una croce. Uno dei nostri volontari ha detto di non aver mai visto prima questo collegamento con la Croce. Proprio in questi giorni sono stati effettivamente portati extra aiuti che sono stati imballati in seguito qui da uomini di Qara. I cristiani sono generalmente ben visti perché avevano fin dall'inizio della guerra la visione e l'atteggiamento giusto. I cristiani non si sono uniti alle azioni dei ribelli ed hanno anche rifiutato in modo radicale le notizie occidentali con la loro propaganda di guerra.
Madre Agnes Mariam è quasi guarita in un solo giorno. Il giorno di Natale c’era una messa bizantina guidata da Abouna Georges. Per tutto il pomeriggio e la sera abbiamo parlato, discusso, dibattuto, e abbiamo guardato sul cellulare immagini e filmati da Mosca, la città con le sue belle chiese e monasteri e la sua vita pubblica dove oggi si persegue sempre di più una linea di condotta etica. Dopo il crollo dell’Unione Sovietica, la Russia ha iniziato un ritorno alle sue radici e alla sua fede.

Nel frattempo, siamo stati occupati con due giornalisti italiani che volevano fare una lunga intervista con Madre Agnes-Mariam e anche realizzare una relazione dettagliata sulla vita nel monastero. Avevano anche seguito la madre nelle sue conferenze in USA. Sono giornalisti e registi indipendenti, che non riuscivano a trovare nessuno interessato verso la vera storia di ciò che sta accadendo in Siria. Apparentemente la verità interessa solo a poca gente. Alla fine hanno deciso di autofinanziarsi. Fin dall’inizio, i due giovani si sono sentiti qui a casa e hanno anche filmato quasi tutto.
E poi le relazioni sulla TV siriana! Due giorni prima era già stato trasmesso un (vecchio) bellissimo documentario sul nostro monastero. Con un po' di nostalgia, abbiamo guardato le vicende di Mar Yakub prima della guerra. Poi è arrivata qui una troupe televisiva siriana che ha fatto registrazioni per mostrare come il Natale è celebrato qui nel Qalamoun liberato. A Natale abbiamo visto questo film ed interpretato come un segno di speranza, vita, luce e gioia, in mezzo a tante difficoltà e sofferenze. Oggi chiese vengono riparate o ricostruite
Anche in Maaloula, un piccolo gruppo di cristiani è tornato e ha celebrato la festa di Natale. Nelle interviste suona spesso una parola di ringraziamento all'esercito. Tanti ragazzi normali e anche semplici miliziani hanno dato la loro vita per la protezione della popolazione.


Le trasmissioni ufficiali delle celebrazioni natalizie sono notevoli. Oriente e Occidente hanno una  loro propria ricchezza, ma la liturgia bizantina è particolarmente ricca. In Occidente hanno mantenuto l'unità della fede per mezzo di una lingua, cioè il latino. Ed è proprio impressionante quando in Piazza San Pietro a Roma, con i pellegrini provenienti da tutto il mondo, si prega tutti insieme il Padre Nostro in latino. Tuttavia, l'Oriente non si è mai aggrappato a una sola lingua, ma la sua liturgia, sempre e ovunque, è celebrata nella lingua del popolo. L'unità della fede è molto più profondo di quanto sia il segno esteriore della lingua...

padre Daniel 

(traduzione A. Wilking)

Nessun commento:

Posta un commento

Inserisci il tuo commento. Lo vaglieremo per la sua pubblicazione. Grazie