Traduci

mercoledì 31 dicembre 2014

Buon anno, amata Siria! che questo 2015 porti speranza di Pace

Una candela accesa e una preghiera per la pace in Siria: 

Iniziativa di S.B. Gregorio III, Patriarca greco-melchita, che invita ogni cristiano ad accendere una candela per simboleggiare una "fiamma di luce e speranza"

Dio Misericordioso e Onnipotente, fa' in modo di diffondere la pace nei cuori in Siria, come un tempo sei stato in grado di convertire San Paolo sulla via di Damasco, 
e  fa sì che le persone che sono fuggite dal pericolo possano tornare a casa presto.
Benedici tutti i Tuoi figli che sono divenuti rifugiati e che non hanno più casa. Dimostra la Tua misericordia a tutti coloro che sono esiliati, senza tetto e affamati.
Benedici tutti coloro che offrono loro dell'aiuto; risveglia la generosità e la compassione nei nostri cuori, Te lo chiediamo per Gesù Cristo nostro Signore, Amen.

Pace in Siria!

Anche qui nel buio siriano attendiamo Lui e la sua luce

Che cosa vuole dire celebrare il Natale in Siria? Qualche anno fa, quando non c’era ancora questa guerra, in molte città si viveva una festa di luci e di simboli. Era un fiorire di stelle e presepi di luci sui palazzi, balconi che riversavano cascate di luminarie, strade addobbate di rosso e oro, le tende delle case scostate di lato per lasciar vedere gli abeti illuminati all’interno, le corali che ogni sera offrivano canti e meditazioni.
Era festa per tutti, non solo per i cristiani, in un Paese dove da secoli si viveva insieme, ci si faceva gli auguri reciprocamente, i cristiani ai musulmani per le loro feste, i musulmani ai cristiani per Natale e Pasqua. Un calore vero di gente che si sentiva libera e gioiosa di manifestare la sua fede.
 
Oggi c’è la guerra, ma viene ancora il Natale. E i cristiani lo aspettano, e si preparano. E, chissà, forse proprio a causa della guerra, della distruzione, della povertà, della morte che ha toccato ogni famiglia, lo attendono in modo più profondo. Lo aspettano perché comprendono che o non è vero niente, o Dio non è Dio, non c’è, e la nostra speranza è falsa, oppure Dio c’è, ed è un Dio di amore, Uno che solo può portare la luce dentro tanto dolore.
E come capiamo che Lui è presente? Perché c’è gente che ha una luce negli occhi, che ha la speranza nel cuore e te la fa sentire. Dio c’è, e la fede è come un esercizio di speranza. Anzi, è la messa in pratica della speranza. Ci sono speranze piccole, semplici, quotidiane: ad esempio, sperare che almeno per le feste ci sia un po’ più di corrente elettrica, il gas per cucinare e il gasolio per scaldarsi. E speranze più grandi: meno gente che muore, qualche possibilità che la guerra finisca… e cominci davvero il cammino verso la pace. E poi c’è la speranza delle speranze: che tutti possano conoscere l’amore di Dio, ed essere finalmente liberi per sempre nell’amore. Ah, sì, questa è LA speranza.
 
Siamo circondati dalla sofferenza, e sappiamo bene che non possiamo evitarla. Dio non ha mai promesso questo, dolore e morte fanno parte della vita. Quello che Dio promette, e mantiene, è insegnarci a vedere il senso di tutto, e quando vediamo il senso, allora siamo liberi. «La verità vi farà liberi», è questo il significato delle parole di Gesù. 

Il presepio è nato con San Francesco. Era di ritorno proprio dall’Oriente (dove aveva potuto predicare il Vangelo perché il Sultano, visto che Francesco era davvero un uomo di Dio, lo aveva lasciato libero di annunciare la Buona Novella). Tornato in Italia, ha voluto ricreare la povertà del luogo dove Gesù si era incarnato e ha deciso di far celebrare una Messa di notte, nel bosco di Greccio, davanti a una mangiatoia che è diventata altare, con un asino e un bue e le torce dei presenti che illuminavano la radura. Quello è stato il primo presepio. Ma il desiderio di Francesco era così grande, che durante la Messa gli è apparso il Signore, proprio come un Bambino nella mangiatoia. Ecco, questo è il nostro Natale (ma dovrebbe essere il Natale di tutti): se lo desideriamo davvero, Dio è lì, viene per noi. Ancora. In una mangiatoia. Non ha bisogno di granché, può venire anche nella Siria devastata dalla violenza.
Ha bisogno solo di noi, asini e buoi, pronti a riscaldarlo con la nostra fede. Ha bisogno solo del nostro desiderio, bruciante come le torce nella notte. Se nel nostro Natale non mettiamo il desiderio di Dio, allora è solo consumismo, è solo “la pausa invernale”, l’occasione per ottenere in regalo qualcosa che ci piace. O la lagna degli auguri, spesso convenzionali, di amici e parenti.
 
Ma se c’è il desiderio del nostro cuore, allora sì. Si accende una luce dolce e forte insieme.. Magari solo dentro, nessuno la vede. Ma ce l’abbiamo dentro, e illumina tutto. Perché, e questa è la buona notizia, DIO È. 
È lì, fatto uomo per noi. Buon Natale del Signore Gesù a tutti. Ai siriani e a tutti gli uomini di buona volontà.
Un gruppo di cristiani in Siria
Avvenire, 23 dicembre 2014

http://www.avvenire.it/Mondo/Pagine/Anche-qui-nel-buio-sirianobr-aspettiamo-Lui-e-la-sua-luce.aspx

Nessun commento:

Posta un commento

Inserisci il tuo commento. Lo vaglieremo per la sua pubblicazione. Grazie