Traduci

martedì 4 marzo 2014

DOPO TRE ANNI DI GUERRA

























Gregorios III Laham, Patriarca melchita di Antiochia, di tutto l'Oriente, di Alessandria e di Gerusalemme, non ha dubbi: "Se non ci fossero pressioni indebite e milizie straniere nel nostro Paese, i siriani potrebbero risolvere la crisi da soli". 

da SIR , 25 Febbraio 2014
Intervista di Daniele Rocchi
 Cosa salverà la Siria?:  La sua lunga storia fatta di convivenza pacifica dei suoi abitanti, di ogni etnia e fede.
Ginevra 2?:  Dopo tre anni di guerra, il fatto che regime e opposizione si siano in qualche modo parlati è positivo.
Il problema oggi è rappresentato dai miliziani integralisti stranieri che con le armi stanno distruggendo il Paese seminando divisione, oltre agli interessi particolari delle grandi potenze internazionali. 
 


Sul negoziato di Ginevra 2 si erano appuntate tante attese purtroppo andate deluse. Ora si attende un terzo round negoziale, con data da destinarsi...

“Credo che il fatto che si siano tenuti dei colloqui negoziali, anche se le due parti si sono parlate solo indirettamente, è già positivo. Guardando ai tre anni di guerra trascorsi, alle drammatiche condizioni in cui la popolazione, soprattutto ad Aleppo, vive oggi, non deve essere risparmiato nessuno sforzo per compiere anche un minimo passo in avanti. Ginevra 2 è stata percepita positivamente dalla gente siriana che mantiene la speranza in un dialogo possibile. Ora andiamo avanti e preghiamo affinché una nuova data di colloqui possa essere fissata al più presto”.

Di concreto, per ora, c’è solo un accordo minimo per portare aiuti ed evacuare la città di Homs. Un po’ poco, non crede, per guardare con fiducia al futuro?

“L’Occidente deve capire che il Governo non sta lesinando sforzi per aiutare la popolazione. Chi ostacola questa azione sono quelle milizie armate ribelli, costituite da combattenti stranieri, non controllabili dall’opposizione. Quest’ultima è aperta a far passare gli aiuti. Come Chiesa cerchiamo di aiutare quanto più gente possibile, senza distinzione alcuna”.

Sabato scorso, 22 febbraio, il Consiglio di sicurezza dell’Onu ha adottato una Risoluzione che esige pieno accesso umanitario alla popolazione siriana. Crede possa aiutare?
“Penso di sì. Questa decisione, così come l’accordo per evacuare i civili da Homs, significa che l’aspetto umanitario è prioritario nel dossier siriano. Ogni aiuto in questo momento è necessario e dona speranza al popolo. Salutiamo con soddisfazione questa decisione ed esortiamo regime ed oppositori perché facciano di tutto per attuare questa Risoluzione del Consiglio di sicurezza. Purtroppo, si sente ancora parlare di forniture di armi alle fazioni in lotta che non farà altro che allargare il conflitto e aumentare la preoccupazione del popolo”.

Com’è oggi la situazione a Damasco e nelle altre città?
“A Damasco e dintorni negli ultimi due mesi e mezzo la situazione sembra molto più calma, si sentono meno esplosioni. Scuole e università svolgono regolarmente le lezioni. Le attività sociali vanno avanti piuttosto regolarmente. I combattimenti interessano altre zone, come Aleppo, dove la situazione è davvero drammatica”.

Continuano gli attacchi ai cristiani?

“La minaccia di un aggravamento della guerra anche in altre zone del Paese, al Sud per esempio, ci preoccupa non poco. Lì ci sono ancora delle comunità cristiane. Va detto che ad oggi le chiese, i luoghi di culto e i santuari cristiani colpiti, danneggiati o profanati sono 91. Ci sono gruppi di ribelli incontrollabili che si macchiano di gravi violenze contro le nostre chiese. I luoghi di culto non possono essere terreno di battaglia. Ci sono villaggi cristiani ormai spopolati a causa di queste violenze. Lo scopo di questi integralisti è quello di seminare distruzione e divisione tra cristiani e musulmani, interrompendo con la forza delle armi la plurisecolare storia di convivenza pacifica siriana”.

Un legame che esiste ancora, nonostante tre anni di guerra?
“Sì esiste. L’odio tra i siriani è ancora abbastanza lontano. Quel legame storico che unisce siriani di fede islamica e di fede cristiana sembra resistere. Continuo a sostenere che se non ci fossero pressioni indebite e milizie straniere nel nostro Paese, i siriani potrebbero risolvere la crisi da soli. A salvare la Siria sarà la sua storia di pacifica convivenza, ne sono certo, ora più che mai”.

Nessun commento:

Posta un commento

Inserisci il tuo commento. Lo vaglieremo per la sua pubblicazione. Grazie