Traduci

mercoledì 15 gennaio 2014

Memorie di Aleppo perduta



Arrivano notizie da Aleppo, sempre più tragiche, sempre più angoscianti. E giorno dopo giorno si scava dentro di me un’assenza, una privazione. Mitica Aleppo della mia giovinezza... 
Lo zio Zareh abitava di fronte alla cittadella, e aprire le finestre alla mattina significava immergersi in un’atmosfera di Medioevo ancora vivo: non gli scenari aggiustati e corretti di un film hollywodiano in costume, ma la realtà concreta di mendicanti e cavalieri, di stracci dimenticati su una soglia e di donne accovacciate per terra, che vendevano le loro povere cose (frutta, oggetti, latte condensato), distese su un tappetino bisunto. Le cugine venivano a svegliarmi con un appetitoso vassoio di caffè, latte e cioccolata, marmellata di rose, brioche e panini dolci. Mi avevano sistemato in una camera orientaleggiante, con tende oscure alle finestre e un ampio, sontuoso letto a baldacchino (ahimè abitato da innumerevoli famiglie di ragni, che scendevano piano piano appena spegnevo la luce: dopo una prima notte di incubi, dormii sempre raggomitolata sotto il lenzuolo).

Poi andavamo in esplorazione, io e le sette cugine. Furono giorni felici di passeggiate interminabili nell’antica città, con brevi soste nella quiete ombrosa di qualche caffè, ammirando le facciate delle case, le rose rampicanti, i grandi portoni austeri e le vezzose finestre con le persiane dipinte. Era il mese di maggio, il calore non ancora fortissimo, un intossicante profumo di gelsomini in fiore (ma anche, a volte, di decomposizione...). E poi andavamo nel suk, e ci perdevamo nei suoi immensi corridoi a volta, intrisi di aromi d’Oriente. Le mille spezie dai colori intensi, i venditori di salsiccette arrostite coi loro trespoli e la merce illuminata da una minuscola lampada ad acetilene, gli antri dei venditori di tappeti dall’odore secco e polveroso, che mi facevano venire in mente il deserto d’Arabia e le infinite strade percorse dai lenti cammelli per portarli fin là. Accettavamo volentieri un caffè e un dolcetto da monsieur Ibrahim, amico di vecchia data di zio Zareh e di Alice, la sua bella, maestosa moglie assira. Le cugine si perdevano in chiacchiere, nel melodioso francese aleppino; io stavo seduta su un tappeto, respirando con gioia quella misteriosa atmosfera. E un giorno lo zio ci raggiunse, ci portò dai venditori di gioielli e mi regalò un braccialettino di filo d’oro. 
Zio Zareh è morto tanti anni fa, e anche zia Alice. Le cugine sono emigrate. Stanno fuggendo gli armeni di Aleppo, e la città sta morendo. I bombardamenti dalla terra e dall’aria l’hanno rasa al suolo, mi dicono i profughi. E il mio cuore piange.


di Antonia Arslan

http://www.luoghidellinfinito.it/Rubriche/Pagine/memorie-di-aleppo.aspx




suor Rima Nasri , in un corso di iconografia con Andres Bergamini

http://oraprosiria.blogspot.it/2013/01/non-dimenticate-suor-rima-e-le.html



15 Gennaio: è trascorso un anno dal terribile attentato all'Università di Aleppo:cara Suor Rima, dal Cielo intercedi per la tua amata Aleppo e per la Pace in Siria!

Nessun commento:

Posta un commento

Inserisci il tuo commento. Lo vaglieremo per la sua pubblicazione. Grazie