Traduci

domenica 1 dicembre 2013

"Siamo sotto attacco degli jihadisti stranieri che portano morte e distruzione": serie di villaggi cristiani sotto attacco

 

“L’esodo dei civili cristiani da Qara, invasa da jihadisti stranieri”


Agenzia Fides 28/11/2013

 I villaggi, cristiani e non, a Nord di Damasco, nel massiccio del Qalamoun, sono nel mirino di gruppi armati di jihadisti stranieri che li stanno rastrellando, portando solo morte e distruzione. Lo racconta all’Agenzia Fides p. George Louis, parroco greco-cattolico della Chiesa di San Michele a Qara, che è stata devastata e bruciata. 
Il sacerdote spiega: “Maalula, Sednaya, Sadad, poi Qara e Deir Atieh, ora Nebek: i jihadisti armati applicano un medesimo modello: prendono di mira un villaggio, lo invadono, uccidono, bruciano, devastano. Per i civili, cristiani e non, la vita è sempre più difficile. I miliziani stranieri agiscono fuori controllo dei nostri compatrioti siriani dell’Esercito Libero Siriano (FSA), che invece sono rispettosi di tutti, e che non vogliono radere al suolo l’intero paese. Ma questi, purtroppo, in tanti casi hanno dovuto ritirarsi di fronte ai gruppi armati stranieri”.

P. Louis racconta quanto avvenuto a Qara fra il 16 e il 20 novembre. Da mesi il villaggio viveva in un particolare “status quo”, in un regime di “semiautonomia”, con il tacito accordo fra i siriani del FSA e l’esercito regolare. Non vi era conflitto, pur essendo la cittadina sotto controllo del FSA. Lo stato intanto continuava a fornire elettricità, acqua e servizi alla popolazione.
L’equilibrio è saltato, racconta p. George, quando “il 16 novembre, oltre 3.000 jihadisti calati dal villaggio sunnita di Arsal, piattaforma dei gruppi armati che penetrano in Siria attraverso il Libano, sono penetrati nel villaggio, trasformandolo in campo di battaglia. I soldati del FSA, in minoranza, si sono ritirati. La gente ha cominciato a fuggire. Circa 6.000 cittadini sono fuggiti immediatamente verso città e villaggi vicini”. 
Ma la comunità cristiana di Qara, raccolta nel centro storico, non voleva muoversi. Il prete racconta a Fides: “Sono iniziati lanci di razzi contro le case e per le strade. Con circa 35 famiglie cristiane. ci siamo rifugiati in chiesa a pregare. Il cancello della chiesa è stato colpito ed è saltato. Sono entrati combattenti armati a viso coperto, capelli lunghi, non siriani, non si capiva di quale nazionalità. Hanno detto: vogliamo uccidervi tutti, cani cristiani. E bruceremo questo luogo idolatrico”. A quel punto, uno dei parrocchiani , Emile, parlando in arabo, ha iniziato con coraggio a parlamentare con il capo del gruppo, citando versetti del Corano, dicendo che l’islam rispetta i cristiani e le altre minoranze. “L’uomo ha risposto che avrebbe chiesto al suo capo, per decidere la nostra sorte e conduce i suoi uomini fuori dall’edificio”, prosegue p. George. Nel frattempo il sacerdote e i fedeli escono dalla chiesa da un’uscita secondaria, e tutti fuggono nei vicoli del centro storico. Si dirigono sull’autostrada e si uniscono ad altri profughi, raggiungendo il villaggio di Der Atieh. Qui ricevono calorosa ospitalità dai cristiani locali, di altre confessioni: il parroco e i fedeli greco-ortodossi li accolgono con grande generosità. 

Intanto anche Deir Atieh finisce nel mirino dei jihadisti (vedi Fides 25/11/2013). I miliziani iniziano una “caccia all’uomo” e tengono i cristiani in ostaggio. “Ci siamo nascosti negli scantinati per 4 giorni e 4 notti, senza acqua, cibo, elettricità”, racconta p. Louis. “Dopo una notte di preghiera, abbiamo deciso di tentare la fuga. Alle 5 del mattino, siamo riusciti a uscire dal viaggio. Con una marcia forzata di sei ore, in gravi condizioni di percolo, siamo giunti a Sadad, altra città martirizzata (vedi Fides 31/10/2013). L’Arcivescovo Selwanos Boutros Alnemeh e i fedeli che sono rientrati in città ci hanno accolto con amore e benevolenza”.

Intanto a Qara la situazione è drammatica. Dopo giorni di combattimenti, vi sono macerie dappertutto. Molte case e strade sono state minate con esplosivi. La Chiesa greco cattolica di San Michele è stata devastata e bruciata. Altre chiese cattoliche ortodosse a Deir Atieh hanno subito la stessa sorte, come alcune moschee: è un monito ai musulmani moderati.
P. George precisa: “Questi sono combattenti stranieri estremisti, che vogliono solo seminare odio e violenza settaria, distruzione indiscriminata, del tutto privi di rispetto verso i civili. Non sono nel FSA. A noi non resta altro che pregare. 
In questo esodo, abbiamo provato la bella esperienza di solidarietà e affetto fra cristiani cattolici e ortodossi”. 

http://www.fides.org/it/news/54097-ASIA_SIRIA_Un_parroco_L_esodo_dei_civili_cristiani_da_Qara_invasa_da_jihadisti_stranieri#.Upc3H21d7wp


27 cristiani uccisi a Deir Al-Attiyeh e l'Arcivescovato greco melchita di Aleppo attaccato




29 novembre 2013 - Il corrispondente della TV Al-Khabar ha riferito che 27 corpi di cristiani uccisi dai ribelli dell'opposizione al regime siriano, sono stati trovati vicino alla chiesa nel villaggio di Deir Al-Attiyeh dopo che la bandiera della vittoria di al-Front Nosra è stata issata sulla cupola della Chiesa.

Aleppo - 28 Novembre 2013 - Alle 11 del mattino, la sede dell' Arcidiocesi cattolica che si trova nella città vecchia di Aleppo è stata il bersaglio di fanatici takfiristi che si stanno avvicinando. L'esercito arabo siriano  ha respinto l'attacco. Esso ha chiesto a tutti gli occupanti della Arcivescovado di evacuare.


http://www.fcsartheorient.com/nouvelles-d-orient/27chretienstuesadeiral-attiyehetlarchevechegrecmelkitedalepattaque


aggiornamento Maloula 2 dicembre! 


30 novembre : Maloula di nuovo investita dall'attacco delle milizie islamiste

I ribelli occupano di nuovo Maaloula e si sono scatenati contro il villaggio. Hanno occupato l'antico Convento di S. Tecla e attaccano le reliquie che ospita, diffondono il terrore intorno a loro e hanno dato fuoco alle case ... Le altre Chiese e Conventi non sono risparmiati . Non conosciamo la sorte esatta delle suore che si trovano all'interno del convento ... ma sembra che sono state rapite dai takfiristi.




la chiesa di Raqqa trasformata in 'Ufficio per gli affari islamici'







si susseguono gli attacchi su Saydnaya 





It was the second attack on the area in nearly three months. Opposition fighters, including jihadis, stormed the village and held it for several days until troops launched a counter offensive in early September and regained control. Since then, most of Maaloula's 3,300 residents fled to safer areas.(AINA)

Nessun commento:

Posta un commento

Inserisci il tuo commento. Lo vaglieremo per la sua pubblicazione. Grazie