Traduci

venerdì 13 dicembre 2013

Le monache di Maaloula : una gara tra tentativi di mediazione e l’attacco su Yabroud


da as-Safir

 di Muhammad Ballout

Le monache di Maaloula saranno presto in Libano , ultimo rifugio dei rapitori , se gli intermediari e i canali aperti con loro non arriveranno a una soluzione rapida , soprattutto dopo l'estensione dell’ assalto dell'Esercito Siriano su Yabroud nei prossimi giorni con il lancio di una seconda fase dell'operazione militare in Qalamoun .

Dodici suore, quattro di loro libanesi , le altre siriane . Tre canali per i negoziati hanno alternativamente  cercato di ottenere un elenco di richieste da parte dei rapitori , al fine di organizzare rapidamente uno scambio. L'ottimismo regna circa il processo di negoziazione a causa del fatto che i rapitori sono entrati immediatamente in un processo di dialogo multilaterale , al fine di raggiungere un accordo circa le suore . Questo è un segno importante perché è la prima volta che Jabhat al- Nusra cerca rapidamente di raggiungere un accordo sulle vittime di rapimento che detiene , mentre il destino delle sue vittime nei rapimenti precedenti prima non dava alcuna chiarezza o anche qualsiasi accettazione di un principio di negoziazione da parte dei rapitori .

All'interno dei canali che stanno negoziando o hanno tentato di negoziare , non vi è nessun rappresentante del governo siriano , che si accontenta di soddisfare le richieste o di monitorare ciò che sta accadendo a distanza . C'è un canale locale guidato da una figura siriana che ha contribuito in passato alle trattative per la liberazione di ostaggi , c'è un canale del Qatar che ha iniziato a lavorare due giorni fa , e c’ è il canale delle Nazioni Unite .

Una fonte dell’ Esercito Siriano Libero in Qalamoun dice che un interlocutore  da parte del Vaticano sta cercando di aprire un quarto canale che coinvolge negoziati diretti con i rapitori e una generosa offerta economica in cambio del rilascio delle monache , ma Jabhat al- Nusra propone condizioni che , fino ad ora , non comprendono eventuali condizioni monetarie o riscatti. Attivi sullo sfondo , accanto ai leader di Jabhat al- Nusra in Yabroud , vi sono Mithqál Hamama e Ahmad al - Muqambar , leader locali  in una delle brigate dell'Esercito siriano libero . Essi stanno tentando di ottenere una porzione di ogni scambio e di riscatto monetario, nonché garanzie di sicurezza personale.

Ahmad al - Muqambar è del villaggio di al- Mashrafeh (chiamato anche Falita ) , mentre Mithqál Hamama viene da Bakha'a nella città  di Sarkha del Qalamoun.  Hamama ha svolto un ruolo di primo piano nella cattura delle monache di Maaloula e nel portarle fuori dal Monastero di Santa Tecla , che egli aveva  preso d'assalto con un gruppo di suoi combattenti  che appartengono a Liwa Tahrir al- Sham . Questa brigata  dispone di 1200 combattenti ed è guidata da un capitano disertore , Firas al- Bitar . Le sue unità sono particolarmente attive nel  ​​Ghouta e  Qalamoun , dai quali anche al- Bitar proviene.

Jabhat al- Nusra , che ha condotto l'assalto su Maaloula  all'inizio della scorsa settimana , ha sequestrato le suore dopo che erano state portate nella cittadina  di Sarkha , che è sotto il controllo di Mithqál Hamama , e trasportate in Yabroud , che è sotto controllo del leader di Jabhat al- Nusra Malik al- Talli , un siriano , e del suo vice  Hamdi Abu Azzam al- Kuwait , un kuwaitiano -siriano , siccome sua madre e sua moglie sono siriane .

Nelle ultime ore , i negoziati hanno avuto  grande impulso  per l'apertura di un canale internazionale per i negoziati con Jabhat al- Nusra per la liberazione delle suore e quattro orfane  che erano sotto la  loro cura e che Jabhat al- Nusra ha prelevato con loro, dal Monastero di San Tekla al villaggio di Sarkha , prima che fossero lasciate con al- Talli e il suo vice , che sta conducendo negoziati con il nome di Abu Azzam al- Kuwait . Allo stesso modo , molto è stato fatto per l'ingresso del  Qatar come intermediario  dopo la visita a Doha  del Direttore libanese della Sicurezza Generale , Abbas Ibrahim .

Le Nazioni Unite hanno tentato , attraverso Mukhtar Lamani , il rappresentante personale a Damasco dell'inviato arabo e internazionale per la Siria Lakhdar Brahimi , di svolgere un ruolo nel facilitare i negoziati per il rilascio delle suore . All'inizio Lamani ha parlato alla badessa del monastero , madre Pelagia , via Skype , ma il tentativo ha incontrato l’insistenza di Abu Azzam al- Kuwait circa la presenza del diplomatico internazionale in Yabroud per condurre negoziati faccia a faccia.

Le Nazioni Unite  rifiutano  di consentire a qualsiasi dei loro  diplomatici di andare ad incontri  con la dirigenza della Jabhat al- Nusra in Yabroud per la sicurezza e per motivi legali, tra i quali l' inclusione di Jabhat al- Nusra nella lista delle organizzazioni terroristiche e il fatto che Abu Azzam non ha avanzato richieste che possono essere chiaramente discusse . Lamani ha stabilito che la sua presenza in Yabroud sarebbe per ricevere le monache , il che ha causato che Jabhat al- Nusra  ponesse fine ai negoziati e così si è concluso il canale delle Nazioni Unite.

Poco dopo , il canale siriano locale ha ricevuto richieste in cambio del rilascio delle suore che comprendevano  aspetti militari e di sicurezza . E' ovvio che le autorità siriane non saranno d'accordo per attuare alcune  delle condizioni militari o di sicurezza proposte da Abu Azzam al- Kuwait , che sta conducendo le trattative e fino ad ora non ha consentito ad alcuno dei negoziatori di parlare direttamente con Malik al- Talli . Le condizioni di Abu Azzam al- Kuwait per il rilascio delle suore variavano da spedizioni di farina e cibo per le aree assediate in Ghouta orientale  per sollevare l'assedio da Moadamiyet al- Sham , richieste che , secondo uno dei negoziatori , possono andare avanti  .
Tutti coloro che hanno negoziato con Abu Azzam concordano con la domanda che egli ha posto per il rilascio di mille donne detenute in carceri dal regime siriano , anche se nessuno ha ricevuto un elenco dei nomi di coloro che egli vuole scambiare per le suore , nonostante una settimana sia passata dall'avvio dei negoziati . Tuttavia, ciò che sta mettendo i negoziati in una situazione di stallo è la richiesta di Jabhat al- Nusra per uno stop alle operazioni dell'esercito siriano nel Qalamoun , alla fine della lista delle condizioni militari dettate da Abu Azzam al- Kuwait ai suoi partner negoziali . Abu Azzam ha proposto il ritiro del checkpoint dell'esercito all'ingresso di  Maaloula , la rimozione delle unità dell'esercito dallo strategico Monastero dei Cherubini che si affaccia su Saydnaya , e la rimozione di una unità dell'esercito siriano di stanza presso un monastero di Qara . Ha chiesto , in generale, l'eliminazione di qualsiasi presenza dell'Esercito siriano dalle  "regioni Cristiane" , come ha detto , in modo da 'neutralizzarle'  dal conflitto .

Ai negoziatori ha dato l'impressione che l'uomo di Jabhat al- Nusra in Yabroud non ha l'ultima parola e che egli agisce come un intermediario, molto probabilmente riceve ordini da un terzo che determina il corso e le condizioni delle trattative , che sono diventate più complicate nelle ultime ore , dopo che Jabhat al- Nusra ha minacciato di inviare le suore in Libano . La minaccia giunge con l'arrivo in Yabroud due giorni fa di Abu Hasan al- Arsali , uno dei leader dell'Esercito siriano libero in Arsal e uno dei supervisori delle operazioni di approvvigionamento di fuori del territorio libanese . Non è noto se questo è direttamente correlato alla questione delle monache o la minaccia per trasportarle in Libano.

L'ingresso del Qatar nelle ultime  ore in una mediazione con i rapitori sembra incoraggiante , dopo che il rilascio delle monache era entrato in contrasto con l'operazione militare in corso su  Yabroud , sul cui impatto sui negoziati vi sono  aspettative contrastanti . Uno dei partecipanti ai negoziati ha detto ad as- Safir che l'avanzamento dell'esercito verso Yabroud non lascerà Jabhat al- Nusra con molte opzioni e che la protezione delle monache potrebbe diventare un peso per i rapitori nei prossimi giorni .

Nessun commento:

Posta un commento

Inserisci il tuo commento. Lo vaglieremo per la sua pubblicazione. Grazie

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.