Traduci

giovedì 12 dicembre 2013

"La fraternità spegne la guerra". L'implorazione del Papa gridi alla coscienza di chi può fermare il massacro della Siria!

DAL MESSAGGIO DEL SANTO PADRE FRANCESCO PER LA CELEBRAZIONE DELLA
XLVII GIORNATA MONDIALE DELLA PACE 
1° GENNAIO 2014

FRATERNITÀ, FONDAMENTO E VIA PER LA PACE

...
7. Nell’anno trascorso, molti nostri fratelli e sorelle hanno continuato a vivere l’esperienza dilaniante della guerra, che costituisce una grave e profonda ferita inferta alla fraternità.
Molti sono i conflitti che si consumano nell’indifferenza generale. A tutti coloro che vivono in terre in cui le armi impongono terrore e distruzioni, assicuro la mia personale vicinanza e quella di tutta la Chiesa. Quest’ultima ha per missione di portare la carità di Cristo anche alle vittime inermi delle guerre dimenticate, attraverso la preghiera per la pace, il servizio ai feriti, agli affamati, ai rifugiati, agli sfollati e a quanti vivono nella paura. La Chiesa alza altresì la sua voce per far giungere ai responsabili il grido di dolore di quest’umanità sofferente e per far cessare, insieme alle ostilità, ogni sopruso e violazione dei diritti fondamentali dell’uomo.

Per questo motivo desidero rivolgere un forte appello a quanti con le armi seminano violenza e morte: riscoprite in colui che oggi considerate solo un nemico da abbattere il vostro fratello e fermate la vostra mano! Rinunciate alla via delle armi e andate incontro all’altro con il dialogo, il perdono e la riconciliazione per ricostruire la giustizia, la fiducia e la speranza intorno a voi!
 «In quest’ottica, appare chiaro che nella vita dei popoli i conflitti armati costituiscono sempre la deliberata negazione di ogni possibile concordia internazionale, creando divisioni profonde e laceranti ferite che richiedono molti anni per rimarginarsi. Le guerre costituiscono il rifiuto pratico a impegnarsi per raggiungere quelle grandi mete economiche e sociali che la comunità internazionale si è data». (Francesco, Lettera al Presidente Putin, 4 settembre 2013)

Tuttavia, finché ci sarà una così grande quantità di armamenti in circolazione come quella attuale, si potranno sempre trovare nuovi pretesti per avviare le ostilità. Per questo faccio mio l’appello dei miei Predecessori in favore della non proliferazione delle armi e del disarmo da parte di tutti, a cominciare dal disarmo nucleare e chimico.

Non possiamo però non constatare che gli accordi internazionali e le leggi nazionali, pur essendo necessari ed altamente auspicabili, non sono sufficienti da soli a porre l’umanità al riparo dal rischio dei conflitti armati. È necessaria una conversione dei cuori che permetta a ciascuno di riconoscere nell’altro un fratello di cui prendersi cura, con il quale lavorare insieme per costruire una vita in pienezza per tutti. 
È questo lo spirito che anima molte delle iniziative della società civile, incluse le organizzazioni religiose, in favore della pace. 
Mi auguro che l’impegno quotidiano di tutti continui a portare frutto e che si possa anche giungere all’effettiva applicazione nel diritto internazionale del diritto alla pace, quale diritto umano fondamentale, pre-condizione necessaria per l’esercizio di tutti gli altri diritti. 

http://www.vatican.va/holy_father/francesco/messages/peace/documents/papa-francesco_20131208_messaggio-xlvii-giornata-mondiale-pace-2014_it.html

ORRIBILE MASSACRO DI CIVILI A ADRA 



























Militanti del gruppo terroristico Liwa al- Islam , e di al - Qaeda al- Nusra hanno lanciato mercoledì un'offensiva mortale su Adra , situata sul nord-est di Damasco , costringendo centinaia di persone a fuggire dalla città, quindi cominciarono a uccidere le persone , famiglia per famiglia .
Un video ha mostrato mucchi di cadaveri nelle case, tra cui i bambini , che sono stati uccisi durante l'attacco dei militanti .Testimoni locali hanno detto che i militanti hanno attaccato  super- mercati di Adra , stazioni di rifornimento e panetterie mentre entravano la città e terrorizzato la gente lungo la loro strada .Un numero imprecisato di persone sono state rapite da militanti , mentre molti sono stati uccisi nelle loro case, riferisce il  reporter di Al Alam .Relazioni locali dicono anche che varie persone sono state giustiziate in Adra nell' attacco di al - Nusra in città , e alcuni hanno detto che più di un centinaio di persone sono state uccise da militanti negli ultimi due giorni , alcuni sgozzati e alcuni bruciati vivi. La testa di un medico dell'ospedale appesa a un albero.
Forze di resistenza locali stanno ancora combattendo i militanti in alcune parti della città .

 L'esercito del paese è in gran parte concentrato sulla sua battaglia nell'area strategica di Qalamoun vicino a Damasco ."Sembra che i militanti stanno cercando di guidare l'attenzione dell'esercito verso Adra distogliendolo da Qalamoun " , ha detto il reporter.


Nessun commento:

Posta un commento

Inserisci il tuo commento. Lo vaglieremo per la sua pubblicazione. Grazie