Traduci

lunedì 2 settembre 2013

Aleppo: Questa lettera sarà un annuncio di morte?


Lettera da Aleppo n. 13 (26 agosto 2013) 

dai Maristi Blu 

Coloro che vivono in Siria e  tutti coloro che seguono da vicino le notizie sanno molto bene che dalla Siria non giungono ormai altro che annunci di morte: bambini, adulti, giovani, donne, uomini... Tutti sono minacciati, attaccati, intrappolati, assassinati, rapiti, uccisi e massacrati...

Niente, non una buona notizia, non una notizia che porti un barlume di speranza, non una parola... niente, niente altro che l'ombra della morte che afferra e vince i corpi e le anime...

Le nostre cerimonie sociali sono i funerali...

I nostri luoghi di incontro sono chiese o moschee...

Le nostre preghiere sono per i morti...

I nostri saluti: "Allah yrhamna" "che Dio abbia misericordia di noi"...

Bisogna dipingere un quadro così scuro, una visione di paura e di vergogna affinchè  altri abbiano pietà di noi?

Fino a quando noi potremmo resistere? Perché continuare a rimanere nel paese? E cosa ci aspetta domani? Quale sarà il nostro destino? Dove sarà la nostra prossima destinazione? Come proteggere i nostri bambini? Dove andare con le nostre persone anziane o i malati? Quelli che sono fuggiti dall'inferno sono più felici di noi? Chi ha permesso che noi dobbiamo sopportare l'orrore? Chi è il mandatario? Perché noi? Perché questa ostinazione a trasformare l'uomo e la donna che siamo in oggetto di uccisione?
Come abbozzare una parola di speranza? Dove trovare le parole di consolazione?
Quale abito scegliere oltre che quello del lutto?
Quali  lacrime versare diverse da quelle dell'addio?
Addio mio paese, Addio my Darling, addio mio amore, Addio mio figlio, Addio mia figlia, Addio papà, Addio mamma...
Siamo diventati una parola d'Addio?

Sabato, 10 agosto, l'odio e la violenza hanno raggiunto i Maristi Blu con un duro colpo togliendo la vita al Dottor Amine, un vero Marista, un impegnato, un uomo del servizio e della bontà. Il Dr Amine rientrava ad Aleppo dopo un breve soggiorno presso i suoi figli. Rientrava nel paese per i suoi pazienti e per coloro che avevano bisogno di lui. Per lui e per molti altri uccisi ciecamente e gratuitamente, il nostro cuore di Maristi sanguina...
proclamata la "Repubblica Islamica d'Irak e di Syria" nel settore orientale  dello "Stato di Aleppo"






Sempre più il popolo innocente e impoverito paga assai caro il prezzo del blocco internazionale e locale. La città di Aleppo continua ad essere divisa... L'unica prospettiva degli abitanti è di sapere se si può oggi rifornire di pane, di acqua, di alimenti deperibili, di latte per bambini... Va detto che il domani non è più nel nostro immaginario... È solo l'oggi. Domani è talmente lontano e può essere così diverso che esso non esisterà più per molti di noi.

Abbiamo davanti altri grandi problemi: l'inverno e il rientro a scuola. Si avvicinano rapidamente... Coloro che erano rifugiati nelle scuole pubbliche dovranno lasciare il posto,  spostarsi di nuovo, partire...
I genitori hanno paura a mandare i figli in classe... E che sicurezza è garantita a loro? Se un mortaio viene a cadere su una delle scuole... Se le strade sono bloccate...

Davanti a questo quadro desolante, i Maristi stanno lottando per rimanere, per quanto possibile, un'oasi...
Persone vengono da noi per condividere la loro preoccupazione, chiedere consiglio, calmare i loro corpi e le loro menti, sapere che è ancora possibile fare affidamento su qualcuno... Alcuni ci mettono più di due ore per arrivare.
I 40 bambini del progetto "Imparare a crescere" finalmente prendono 3 settimane di vacanze. Ciò consentirà alle insegnanti di respirare, formarsi e aggiornarsi per affrontare un nuovo anno scolastico... Al fine di aiutare i genitori a organizzare questo tempo di vacanze, abbiamo proposto due giorni di formazione.


I giovani del progetto « Skill’s School » continuano... Stanno preparando una festa per celebrare la fine delle attività estive con i loro genitori.
Perchè l'orizzonte non sia completamente chiuso, e quindi conservino fiducia in giorni migliori, abbiamo lanciato un nuovo progetto... Così: 'Imparare inglese' è iniziato! Esso riguarda la dozzina e più di adolescenti che sono alloggiate presso i Maristi...

Domenica scorsa,i Maristi Blu hanno condiviso la gioia della celebrazione della comunione solenne. Una dozzina di bambini sfollati dal quartiere di "Jebel el Saydeh".
 Anche se gli alimenti sono sempre più rari (olio, formaggio e latte sono quasi inesistenti e, se si trovano, sono a prezzi esorbitanti), ci sforziamo di continuare a fornire settimanalmente o mensilmente ceste di cibo per i progetti "Sallet el Jebel", "Orecchio di Dio" rivolti agli sfollati.
Abbiamo aggiunto nei cestini di cibo anche il pane che altrimenti sarebbe disponibile per le famiglie solo dopo una lunga attesa, a volte un giorno intero davanti alla panetteria in interminabili code a rischio di essere feriti da arma da fuoco o colpi di mortaio.
Il progetto 'Vittime di guerra' continua a salvare vite innocenti che soffrono le conseguenze di questa follia.

Vogliamo terminare con l'augurio che ha formulato Papa Francesco durante l'angelus di domenica 25 agosto 2013: 
"Fermare il rumore delle armi in Siria".

Fr. Georges SABE per i Maristi Blu


Aleppo è tagliata fuori dal mondo


Aleppo | 1 settembre 2013 

 In un momento in cui il mondo intero punta gli occhi e le orecchie  verso l'America , la Francia e il Regno Unito, il cui leader lusingano il proprio ego facendo finta che saranno i salvatori dell'umanità e del popolo siriano , Aleppo è assediata dai ribelli e da al- Djebhat Nosra che minacciano tutto ciò che non è musulmano nella città. 
Questo pomeriggio , siamo riusciti a raggiungere il nostro corrispondente locale che ci ha informato che tutte le comunicazioni, tranne che per la linea telefonica fissa, sono bloccati con il resto del mondo. Acqua e cibo disperatamente carenti, il chilo di pane che il nostro corrispondente è stato in grado di procurarsi questa mattina è vecchio di una settimana. La popolazione in loco è molto scoraggiata e vuole che le cose cambino , anche a costo di un conflitto più ampio .

Nel frattempo, le potenze occidentali cercano la coalizione che aiuterà ad aggiungere più morti ai morti  già causati.Un grande panico si è impadronito dei cristiani di Aleppo perchè quattro giorni fa i mercenari di Djebhat al- Nosra hanno conquistato la città di Khanasser che era l'unico passaggio per il rifornimento di cibo , farina, olio , ecc .... ed era anche l'unica strada sotto il controllo dell'esercito che permetteva di recarsi in altre città .
A questa grande preoccupazione, si uniscono le minacce degli 
interventi esteri 

degli Stati Uniti e turchi .

Ad Aleppo i panifici sono chiusi per mancanza di farina e olio , le verdure sono scomparse dal mercato , l'acqua è diventata scarsa e interruzioni di corrente si ripetono più e più volte. Pregate!Pregate , pregate, pregate costantemente per sostenere i nostri fratelli di Aleppo. 

E per quelli fuori della Siria: che esprimano la loro insoddisfazione verso la politica dei loro governi farisei.
Quanto a voi fratelli e sorelle che non avete lasciato Aleppo, pur nel mezzo di ansia e di panico siate fiduciosi nel Signore , perchè , voi e tutti noi discepoli di Cristo in Aleppo e altrove, noi continueremo un giorno la nostra vita al di là della gioia totale di essere salvati da Dio , il nostro Dio , il Dio vero .


Omelia di Mons. Jean- Clement Jeanbart , Arcivescovo greco- cattolico di Aleppo  

25 agosto 2013

"Mi fa male il cuore nel vedere :

 
1 - il fuoco della guerra consumare il nostro paese attraverso morte e distruzione .

 
2 - sugli schermi televisivi, altri innocenti massacrati dai barbari .

 
3 - il numero dei nostri martiri crescere ogni giorno.

 
4 - l'ipocrisia dei paesi che pensavamo essere " civilizzati " che, mentre lamentano l'ingiustizia e la morte dei siriani, allo stesso tempo sostengono i ribelli, fornendo loro armi e denaro .

 
5 ° - l'indifferenza dei capi di Stati che pretendono anche di essere i difensori dei diritti umani , sostenitori del dialogo, della riconciliazione e della pace .

 
6 - l'evidenziarsi dei veri obiettivi del conflitto nella ricerca di interessi economici e politici che sono stati camuffati da "parole d'ordine della democrazia" e che in realtà sono costati più di 100.000 vite .

 
Nonostante tutti questi problemi , la nostra fede nell' avvento del nuovo giorno , pieno di speranza , non si dissolve . Non disperiamo , perché il fine della nostra vita è il regno di Dio e non la morte sulla terra .

 
Ma il mio cuore anche 

si allieta 

nel vedere che:

 
1 - i nostri cittadini resistono e sopportano  la morte dei loro cari , la fame e la perdita dei loro beni . Essi credono fermamente che non durerà . I cristiani sono attaccati alla vita e continuano a superare tutti gli ostacoli .

2 - Il futuro promette una nuova pagina e la fine del conflitto con il fallimento della congiura internazionale , della disinformazione e delle bugie , attraverso la resistenza e la "consapevolezza" del popolo e alla fedeltà dell'esercito .

 
3 - la maggioranza dei siriani ha dimostrato al mondo la sua lealtà verso la patria , rifiutandosi di lasciare il suo paese .

 
Tuttavia,  coloro che bussano alle porte dei consolati e delle ambasciate dei paesi occidentali rischiano di essere delusi perché pensano che il cielo è lì , ma è solo un miraggio .

 
Tradotto e riassunto da Claude Zerez


Aleppo consacrata al Cuore Immacolato di Maria 




ZENIT-  22 Agosto 2013 - 

I vescovi cattolici di Aleppo hanno consacrato il 15 agosto, Solennità dell’Assunzione, la città siriana al Cuore Immacolato di Maria. Come ha raccontato un testimone, l’evento ha mobilitato il convento carmelitano di Nostra Signora di Siria e i cattolici dei vari riti. Su iniziativa di sacerdoti e laici di Aleppo, la statua della Madonna della Pace ha compiuto il giro di tutte le chiese e parrocchie della città a partire da fine giugno. In ogni chiesa è rimasta tre giorni. 
Provenendo dalla Cattedrale latina, vicina al monastero, la statua mariana è arrivata al convento delle suore carmelitane domenica 4 agosto, alle ore 19. Secondo il programma, l’effige è rimasta al monastero fino alla tarda mattinata di mercoledì 7 agosto. Canti, rosari e preghiere si sono susseguiti per tutta la durata della permanenza della statua. La comunità carmelitana e i suoi amici hanno aggiunto “con grande fiducia” le loro intenzioni a tutte quelle già affidate al Cuore Immacolato della Vergine. Il triduo che ha preceduto la Solennità dell’Assunzione è stato caratterizzato da un programma speciale. In tutta la città, il lunedì è stato riservato ai sacerdoti, il martedì ai religiosi e il mercoledì ai laici. Ogni giorno, sono state organizzate delle cerimonie penitenziali che hanno dato ai fedeli la possibilità di confessarsi e dei momenti di preghiera comunitaria.Da parte loro, le monache carmelitane hanno osservato, il lunedì, un intero giorno di digiuno. Martedì hanno invece recitato insieme il rosario e mercoledì si sono raccolte per un giorno in adorazione eucaristica.

La mattina del 15 agosto, la Messa è stata celebrata da mons. Antoine Audo, vescovo caldeo di Aleppo e presidente della Caritas Siria. La cerimonia della consacrazione della città è stata preceduta da una breve processione con la statua della Vergine Maria, portata dalla Chiesa latina alla cattedrale siro-cattolica, dedicata all'Assunzione della Vergine Maria.
La solenne Messa è stata celebrata alle ore 18.30. La consacrazione di Aleppo è avvenuta in seguito, con la lettura del Vangelo della Visitazione, un'omelia e canti tradizionali arabi. E' seguita poi un'altra processione all’interno della Chiesa, accompagnata dal canto delle Litanie della Beata Vergine. Infine l'assemblea ha pronunciata la preghiera di consacrazione.La cerimonia è stata presieduta da quattro vescovi cattolici di Aleppo: greco, armeno, siriaco e caldeo. Non hanno potuto partecipare altri due vescovi cattolici, ovvero quello latino, dimessosi pochi mesi fa per motivi di salute, e quello maronita, attualmente in Libano, sempre per motivi di salute. La presenza dei quattro presuli è stata percepita come una grande grazia per tutti, poiché mostrava la comunione dei cattolici dei diversi riti di Aleppo. 
Preghiere speciali sono state sollevate al cielo per i due vescovi ortodossi (greco e siriaco), rapiti nell’aprile scorso, di cui non si hanno più notizie. La partecipazione alla cerimonia è stata molto sentita e molto numerosa, tanto che nella cattedrale non c’era posto per tutti. Molti sacerdoti, religiosi e suore hanno accompagnato i loro vescovi. 
L'evento, ha riferito il testimone, è stato “un soffio di speranza e di fiducia che è passato in tutti i cuori”, e ha aggiunto che anche i musulmani hanno accolto la processione “con grande rispetto”. “Possa nostra Madre in tutti far germogliare nei cuori un vero desiderio di pace, ancorata nell’amore del Signore”, ha auspicato la fonte, "ci rallegriamo molto per la prossima consacrazione del mondo al Cuore Immacolato di Maria da parte di Papa Francesco, il 13 ottobre prossimo". Le monache carmelitane si sono unite spiritualmente alla celebrazione, recitando il rosario all’ora della consacrazione, alle 19.30. 
La comunità carmelitana di Aleppo ha inoltre un legame molto speciale con quella del Fayum, in Egitto, dove la situazione continua a peggiorare.

Il 10 aprile scorso, mons. Audo aveva descritto a Fides la difficile situazione ad Aleppo. “Si va avanti alla giornata", aveva detto. "Ho l'impressione che le persone sono sempre più spossate. Sono tutti divenuti poveri e ognuno è alla continua ricerca di qualcosa da mangiare per sè e per la propria famiglia. Per le strade di Aleppo si vedono le persone che girano senza posa con le buste in mano, cercando un po' di pane”, aveva raccontato il presule.

(A cura di Anita Bourdin)

Foto: syrcata.org











1 commento:

  1. tan solo me uno a la oración por la paz en siria, que el pueblo de EEUU no se deje arrastrar por el hambre de sangre y petroleo de sus gobernantes... pido la paz para siria, porque eso es pedir la paz de la humanidad. (dios haz como Zeus en la odisea, envía rayos contra quienes quieren invadir siria)

    RispondiElimina

Inserisci il tuo commento. Lo vaglieremo per la sua pubblicazione. Grazie