Traduci

domenica 2 giugno 2013

Le parole del Papa per la Siria all'Angelus di questa domenica

Oggi in occasione del consueto appuntamento per l'Angelus in Piazza San Pietro, il Santo Padre ha ricordato la vicenda siriana con le seguenti accorate parole:

Cari fratelli e sorelle, sempre viva e sofferta è la mia preoccupazione per il persistere del conflitto che ormai da più di due anni infiamma la Siria e colpisce specialmente la popolazione inerme, che aspira ad una pace nella giustizia e nella comprensione. Questa tormentata situazione di guerra porta con sé tragiche conseguenze: morte, distruzione, ingenti danni economici e ambientali, come anche la piaga dei sequestri di persona. Nel deplorare questi fatti, desidero assicurare la mia preghiera e la mia solidarietà per le persone rapite e per i loro familiari, e faccio appello all'umanità dei sequestratori affinché liberino le vittime. Preghiamo sempre per la nostra amata Siria!



-------------------------

Proponiamo di seguito anche l' appello della Chiesa siro-ortodossa: “C’è speranza: fate di più per liberare i nostri Vescovi”


Damasco (Agenzia Fides) – “C’è uno sprazzo di speranza per la sorte dei due Vescovi di Aleppo rapiti in Siria un mese fa. Chiediamo che vengano diffuse foto o filmati recenti dei due e che la Coalizione Nazionale dell’opposizione siriana faccia ogni sforzo possibile per liberarli”: lo dice all’Agenzia Fides il Vescovo metropolita Timoteo Matta Fadil Alkhouri, Assistente Patriarcale nel Patriarcato Siro-Ortodosso di Antiochia, confratello del Vescovo siro-ortodosso Gregorio Yohanna Ibrahim, tuttora nelle mani dei rapitori con il vescovo greco-ortodosso Boulos al-Yazigi. Due giorni fa, a Istanbul, Abdul Ahad Steipho dirigente della Coalizione Nazionale dell'opposizione siriana, a margine di un incontro ha detto ai cronisti che “due o tre giorni fa un medico ha visitato i due vescovi: stanno bene”, senza fornire altri dettagli sui sequestratori.
“Abbiamo appreso con gioia e trepidazione questa notizia, anche se non abbiamo alcuna conferma o certezza. Ora sappiamo che c’è qualcuno che ha avuto contatti diretti con i Vescovi. Questo ci dà rinnovata speranza, questi voci ci confortano, ma bisogna fare di più”, spiega il Vescovo a Fides.
“Non sappiamo bene da chi e da dove provengano queste informazioni. I leader della Coalizione nazionale dell’Opposizione – prosegue – ci hanno detto di avere delle notizie ma di non avere il controllo della situazione. Secondo quanto affermano i governo di Siria, Turchia e Libano, i vescovi si troverebbero nell’area fra Aleppo e la Turchia, nella zona di confine, in territorio siriano. Quest’area è fuori dal controllo del governo siriano e di quello turco. Ci sono altri gruppi armati a controllarlo”. La Chiesa siro-ortodossa auspica una svolta reale: “Oggi lanciamo un appello perché possiamo capire cosa vogliono i gruppi che li hanno presi, e perché pubblichino prove certe, come foto e filmati, per confermare che sono vivi. Siamo pronti a fare qualsiasi cosa per loro: vogliamo intavolare contatti con i rapitori. Ancora non sappiamo nulla di preciso, non ci sono giunte richieste. Per questo continuiamo a tenere stretti contatti con i governi, con l’opposizione siriana, con i capi islamici. Ma non basta”, dice il Metropolita.
“Questa notizia – ribadisce il Vescovo – dà speranza al popolo siriano. Noi ci preoccupiamo per i Vescovi e per i sacerdoti rapiti, ma anche per tutta la popolazione: i nostri fedeli cristiani stanno lasciando il paese, l’emorragia continua ed molto dolorosa per noi”.
La solidarietà espressa dalle Chiese in tutto il mondo “è un prezioso conforto”: “Ogni domenica si continua a pregare per i vescovi, a celebrare Sante messe, in Siria, in medio Oriente e in altri paesi del mondo. Ringraziamo tutti e confidiamo in Dio. Chiediamo a Papa Francesco di pregare per noi”. 

Nessun commento:

Posta un commento

Inserisci il tuo commento. Lo vaglieremo per la sua pubblicazione. Grazie