Traduci

venerdì 31 maggio 2013

Mentre i Paesi occidentali e arabi discutono sul futuro della Siria e se inviare armi ai ribelli, la Chiesa continua il suo lavoro discreto e silenzioso fra poveri e sfollati


Intervistato da AsiaNews, mons. Antoine Audo, arcivescovo caldeo di Aleppo e presidente di Caritas Siria racconta la "straordinaria vitalità dei giovani cattolici". Affrontando i rischi della guerra, migliaia di ragazzi lavorano nelle mense e nei centri di raccolta della Caritas locale  e hanno grande attenzione anche per le attività spirituali, spesso rivolte anche a membri di altre religioni .
"Ogni giorno - afferma mons. Audo - cerchiamo di compiere la nostra missione ovunque vi sia bisogno. I giovani responsabili che ci seguono sono diverse centinaia. Insieme ai loro coetanei essi sono attivi in molte attività caritatevoli".
Per il prelato questo impegno dei ragazzi siriani è commovente e straordinario "per una città come Aleppo, che sempre di più è descritta dai media come un luogo sull'orlo della distruzione, in preda al caos, agli odi inter-religiosi".

gruppi scout di Aleppo 
"Lo scorso 17 maggio - continua - oltre mille giovani delle parrocchie di Aleppo si  sono riuniti per prepararsi alla Giornata mondiale della gioventù di Rio de Janeiro". Fino ad ora non è chiaro se qualcuno di loro avrà la possibilità di fare il viaggio. In questi mesi pochissimi riescono ad uscire dal Paese e rientrare senza problemi. "Ogni due mesi - spiega - i giovani organizzano una giornata di attività di riflessione per prepararsi spiritualmente a questo grande evento". Mons. Audo elogia la cura delle celebrazioni, la bellezza dei canti, l'attenzione che questi ragazzi dedicano ai nuovi arrivati. Il tutto mentre nell'aria riecheggiano colpi di obice e le scariche dei mitragliatori.

Le Chiese cattolica e ortodossa, sono rimaste le uniche realtà autorevoli e neutrali presenti ad Aleppo e in gran parte dei territori siriani. Tale consapevolezza ha spinto sacerdoti e prelati a chiedere con urgenza un sinodo locale della Chiesa cattolica ad Aleppo. "I giovani sacerdoti - spiega - mons. Audo -  lo stanno chiedendo da diverso tempo, vogliamo comprendere come essere uniti in questo periodo difficile, per dare una speranza alla popolazione e ai nostri fedeli".
Fino ad ora l'unica organizzazione in grado di distribuire viveri e offrire ospitalità alle migliaia di sfollati della provincia di Aleppo è la Caritas locale, che opera attraverso le parrocchie e i conventi sparsi nelle varie province. Di recente la Chiesa ha organizzato una giornata di formazione per tutti i responsabili dei centri per l'assistenza ai poveri e agli sfollati.
"Vi erano oltre 100 giovani - racconta mons. Audo - e ciò dimostra quante iniziative silenziose e gratuite sono presenti in questa città, dove si sente il pericolo della guerra, di morire, di essere rapiti, derubati, ma si va avanti, con fede e speranza".

http://www.asianews.it/notizie-it/Assad-apre-forse-al-dialogo.-Ad-Aleppo-giovani-cristiani-offrono-la-loro-vita-per-i-poveri-28009.html

Nessun commento:

Posta un commento

Inserisci il tuo commento. Lo vaglieremo per la sua pubblicazione. Grazie