Traduci

sabato 13 aprile 2013

Morire o partire? Il dilemma senza risposte dei cristiani siriani

 I cristiani di Siria «devono scegliere tra due calici amari: morire o partire». Un dilemma che coinvolge tutta la realtà ecclesiale presente nel Paese martoriato


Agenzia Fides - 13/4/2013

Damasco - L'arcivescovo cattolico di rito orientale maronita di Damasco Samir Nassar 
 delinea i tanti modi con cui la morte ghermisce le vite di milioni di civili indifesi, cristiani e musulmani, nella Siria devastata dalla guerra: bombardamenti, auto-bomba, cecchini, mancanza di cure mediche (223 ospedali sono stati chiusi e i medici stanno fuggendo tutti, spiega mons. Nassar), malnutrizione e mancanza di cibi adeguati per i diabetici, i cardiopatici e le puerpere.
Davanti a questo disastro, tutti pensano di andar via, anche se la fuga in qualche modo «è un altro modo di morire» più lentamente. La Chiesa locale, pur nella sua fragilità, «diventa un muro del pianto», a cui tutti si rivolgono ogni giorno «per chiedere protezione e aiuto nella ricerca di un visto per partire».
I cristiani siriani – sottolinea l'arcivescovo maronita - «hanno visto l'ONU organizzare dal 2005 la partenza sistematica dei rifugiati iracheni verso i Paesi occidentali», e adesso provano angoscia anche per «l'indifferenza e il silenzio mondiale davanti al loro lungo e triste calvario... sono abbandonati, destinati alla morte senza poter fuggire... i consolati sono chiusi da un anno e mezzo».
 
Mons. Nassar descrive con cuore affranto di pastore la condizione dei cristiani poveri «che non trovano alcuna ragione per dover morire in questa guerra insensata»: loro hanno visto i propri fratelli più agiati lasciare la Siria, e ora guardano alla Chiesa come l'unica realtà a cui chiedere aiuto nel naufragio. «L'appello del nuovo Papa Francesco in favore dell'amata Siria risuona nei loro cuori.... La Chiese sorelle del mondo intero pregano e mostrano il loro affetto per questo piccolo gregge, senza poter placare la tempesta».
Questa situazione pone anche i pastori davanti a problemi di coscienza: «Consigliarli di restare potrebbe condurli alla morte come un agnello muto davanti al macellaio. Il nostro martirologio non fa che allungarsi... Aiutarli a partire significa invece svuotare la Terra Biblica dei suoi ultimi cristiani». Un dilemma che può trovare risposta solo affidandosi al «cuore di Dio», offrendo ai fedeli una prossimità pastorale che li aiuti a percepire la realtà delle parole di Gesù. Quelle che – nota mons. Nassar «non deludono mai: “Non abbiate paura... io sono con voi...”»

http://www.fides.org/it/news/41331-ASIA_SIRIA_Morire_o_partire_L_Arcivescovo_maronita_di_Damasco_racconta_il_dilemma_senza_risposte_dei_cristiani_siriani#.UWk5OEr7Dvk


Monsignor Audo: «L’anarchia della guerra fa percepire per contrasto in maniera ancora più forte la grandezza della dignità umana, proprio nel momento in cui essa appare così umiliata. In tutto questo molti cercano Dio e chiedono a Lui la pace del cuore, nella preghiera».


Altra emergenza è quella dei rifugiati cristiani siriani in Turchia, in fuga dalla guerra civile. 

In Turchia, riferisce la stampa locale, le autorità di Ankara hanno accettato di costruire un campo solo per loro nella provincia di Midyat vicino al monastero siriaco di Mor Abraham. Il nuovo insediamento potrà ospitare quattromila persone. Un altro campo, per profughi curdi e arabi, sarà allestito in un’altra area della provincia di Midyat. La Turchia accoglie ora circa 190.000 profughi siriani, per lo più musulmani sunniti, provenienti dalle regioni di Aleppo e Idlib.

 L’aumento dei profughi cristiani, secondo fonti della comunità cristiana siriana, è in buona parte legato alla progressione dei gruppi integralisti sunniti nella Siria settentrionale. Secondo l’agenzia Fides, negli ultimi tre giorni oltre cinquecento cristiani siriani hanno attraversato il confine turco, in fuga da violenze e discriminazioni.
 Fonti della Chiesa assira d’Oriente hanno indicato che i profughi si trovano soprattutto nella provincia di Gaziantep, a 50 chilometri dal confine nell’Anatolia sud-orientale. Le chiese e i monasteri della regione montuosa turca di Tur Abdin, culla storica del cristianesimo siriaco, ospitano già un numero di rifugiati superiore alle proprie capacità. Le comunità cristiane siriache del nord della Siria sono state colpite con particolare accanimento da violenze, rapimenti e spoliazioni di ogni tipo. Interi clan familiari hanno dovuto abbandonare le proprie case sotto minaccia di morte.

Prezioso il contributo di Caritas italiana, che ieri ha rilanciato l’appello per poter far fronte alle pressanti richieste. Quattro milioni le persone costrette a lasciare le proprie abitazioni nella speranza di trovare una sistemazione lontana dal conflitto. Con soli venti milioni di abitanti, la Siria si ritrova oggi con oltre il 25 per cento della popolazione in gravi condizioni di precarietà e a rischio vita. E tanti sono già fuggiti in Giordania, Libano, Turchia, Iraq ed Egitto.

da : L'Osservatore Romano, 13 aprile 2013.

Nessun commento:

Posta un commento

Inserisci il tuo commento. Lo vaglieremo per la sua pubblicazione. Grazie