Traduci

lunedì 1 aprile 2013

Aleppo, grida forte al Cielo!

ALEPPO'S VOLCANO


 Sabato santo

Ieri Venerdì Santo, i ribelli hanno invaso il quartiere di Sheikh Maksoud, dove si trovano gli sfollati che già avevamo in carico e anche le 300 famiglie cristiane più povere di Aleppo che abbiamo in cura. Una breve battaglia, ed eccoli padroni di queste posizioni. Ci sono alcuni morti e feriti tra le persone a cui diamo soccorso. Questa mattina, hanno obbligato tutte le famiglie cristiane a lasciare le case. Molti sono venuti a rifugiarsi nel convento di noi Fratelli. Per quanto riguarda i nostri sfollati ospitati nelle scuole, molti sono fuggiti, sfollati  una seconda volta, e il resto sono rimasti, assegnati ad altre scuole. Furti, atti vandalici sono seguiti. Un nuovo dramma che si aggiunge a tutto il resto. Con noi, famiglia Antaki, abbiamo accolto la nostra cameriera e la sua grande famiglia (15 persone) musulmana che ha anch'essa lasciato i combattimenti del quartiere Sheikh Maksoud. Un regalo di Pasqua per tutti questi nuovi sfollati. Fortunatamente, il calore dell'accoglienza e la disponibilità dei fratelli Maristi e laici sono là. ad alleviare alcune delle sofferenze dei nostri fratelli.

 
Domenica 31
Buona Pasqua, Christos Anesti.

Oggi, le  famiglie cristiane di Sheikh Maksoud / Jabal Al Sayde sono state in grado di fuggire dalla zona e sono venute a rifugiarsi nella Casa dei Fratelli Maristi aumentando il numero di sfollati. Tutti piangono, erano molto spaventati perchè hanno perso quel poco che avevano. Abbiamo dovuto fornire tutto e ricominciare di nuovo per gli 
sfollati  ... da zero: materassi, coperte, pigiami, biancheria intima, asciugamani, sapone, ecc ... .. e naturalmente il cibo.

Per la Pasqua abbiamo organizzato una preghiera tra di noi , non avendo trovato un prete per dire la Messa a disposizione ( non si può spostarsi da un quartiere all'altro).
Nel pomeriggio, l'esercito ha iniziato a bombardare il quartiere, e dagli ultimi fuggitivi della zona abbiamo appreso che alcuni degli edifici dei cristiani di Djabal sono stati distrutti.
Sentiamo fino a questo momento (ore 22:00) il rombo di bombardamenti.
Terribile notizia per noi: lo Sheikh Jamili, un notabile del quartiere , padre di 11 figli che è stato il nostro partner nella gestione delle nostre tre scuole e degli sfollati e che era stato arrestato dai ribelli ieri è stato trovato morto e mutilato. Era un uomo coraggioso, un leader, molto impegnato. Leyla, i fratelli e io siamo turbati e addolorati per questa triste notizia.
Il generatore dei Fratelli si fermerà tra 10 minuti e la nostra nuova compagnia di sfollati (dai 4 mesi ai 70 anni) andrà a dormire su materassi sul pavimento.




ADDIO.. 
Io non sapevo che giovedì scorso, 28 marzo 2013, sarebbe stato il nostro ultimo incontro. Sei lì , in piedi come al solito, contando in inglese, quattro, cinque, sei... Tu eri là in piedi davanti a me al momento della distribuzione dei pasti. Li conoscevi tutti, conoscevi le famiglie,  i giovani, i bambini. Tutto venivano da te, si riferivano a te, eri il loro punto di riferimento... E quante volte ti ho detto: "Ti ammiro".. Quante volte abbiamo discusso, quante volte mi hai detto: mi chiamano "fratello Sheikh"...  Chi sarà ora il loro "Sheikh"?  Chi ci dirà la sofferenza di Zeinab e Loulou e di tutti i tuoi figli... Chi ci dirà come si sente "OUM MOHAMAD"? 
ADDIO AMICO... 
Tutti i tuoi protetti si sono dispersi... e noi con loro... 
ADDIO AMICO... 
Ma dall'alto nel cielo, canta a Dio, grande e misericordioso, Clemente ed Eterno Signore, canta un inno d'amore che non finisce mai:
 tu il bardo di Dio su questa terra!
Frére  Georges e  fratelli Maristi di Aleppo 




Aleppo, Lunedì dell'Angelo

Da 12 giorni senza acqua nè elettricità!
Abbiamo accolto nella "Casa di Gesù Operaio" del Vicariato apostolico , orfani e disabili vittime di questa iniqua guerra fratricida. 
Pregate per noi, amici, in queste ore buie!
Monsignor Nazzaro





Padre Santo, Tu sei benedetto  in questo  bel paese della Siria, che fu la culla della fede Cristiana. Tu che sei il Creatore di ogni vita, fa’ risplendere  il tuo sole  sul popolo siriano, che fino ad ora per tutto il mondo arabo è stato un esempio di libertà, di tolleranza e reciproca benevolenza. Rafforza la generosità di questo popolo, che fino ad ora si è rifiutato di combattere gli uni contro gli altri , nonostante i crescenti attacchi dall'esterno. Proteggi con la tua misericordia  questo popolo. Aiutalo ad andare da sé al proprio cammino di pace.

Signore Gesù, Tu sei benedetto, Signore del tempo e dell'eternità.  Tu  rimani anche il Signore di questa terra, che ora è in agonia. Tu ti sei fatto uomo per condividere la nostra vita. Sei morto sulla croce per tutti i nostri peccati e cancellare tutto il male . Porta via  i peccati di divisione e di odio . " Perché le nazioni si agitano e i popoli tramano cose vane? Si sollevarono i re della terra e i prìncipi si allearono insieme contro il Signore e contro il suo Cristo " (At 4, 25-26). Placa i dominatori di questo mondo e metti nel loro cuore il desiderio di riconciliazione e di vita fraterna nel Tuo nome.

Spirito Santo, tu sei la vera fonte di vita e di amore, Tu sei il fuoco divino in questo mondo, in ogni persona e in noi stessi. Riversa  il tuo amore nei nostri cuori e apri i nostri occhi alla tua pace in Siria, per aiutare a raggiungerla con tutti gli uomini di buona volontà. Conduci le autorità religiose e civili sulla via della riconciliazione. Sventa i piani di guerra dei governanti di questo mondo. Accetta il sacrificio di coloro che già sono caduti vittime di questa  guerra senza senso. Proteggi il tuo popolo e lascia che sia il nuovo popolo  in cui venga il Tuo Regno. Amen.

Père Daniel Maes o.praem, . Monasterium Mar Yakub, l'Ordre de l'unité d'Antioche, Qara, 

Nessun commento:

Posta un commento

Inserisci il tuo commento. Lo vaglieremo per la sua pubblicazione. Grazie