Traduci

sabato 9 marzo 2013

Appello di Sua Beatitudine il Patriarca Gregorios III per la protezione dei civili in Siria


Facciamo appello a tutti i leader locali e internazionali perché compiano ogni sforzo per proteggere i civili in Siria.



Le Comunità in varie parti della Siria da tempo sono diventate il bersaglio di bombardamenti indiscriminati e di abusi diretti a persone anziane, donne, bambini e disabili. Arbitrari rapimenti a scopo di un riscatto esorbitante,  l'intimidazione e la coercizione si sono sviluppate in una piaga crescente . Il numero delle vittime innocenti di popolazioni remote e indigenti è inesorabilmente in aumento. Recentemente, il villaggio di Rableh, vicino al confine con il Libano, è stata teatro di gravi incidenti di questo genere.

Noi imploriamo vivamente che questi ingiustificati attacchi gratuiti verso una pacifica popolazione innocua siano fermati. La comunità internazionale non dovrebbe sottovalutare questi crimini che violano la dignità umana in contrasto con le convenzioni internazionali.

Questo appello nasce dalla nostra preoccupazione per il futuro delle tante città siriane i cui abitanti,  benchè sottoposti a ogni genere di privazioni, abusi e minacce da mesi, restano attaccati alla loro terra d'origine. Vorrei loro esprimere la mia solidarietà paterna e condivisione nelle loro sofferenze.

I miei ringraziamenti vanno agli operatori di pace, in particolare ai rappresentanti di Musalaha, che si dedicano a salvare vite umane innocenti in tutta la Siria, a calmare gli animi in modo da disinnescare le controversie e alla diffusione dell’armonia, al fine di risparmiare ulteriori spargimenti di sangue in Siria. Ciò è inestricabilmente connesso con la principale preoccupazione del nostro ministero pastorale e patriarcale: chiediamo a tutti di rispettare e proteggere la popolazione civile e salvarla dall’ essere il bersaglio di tali orrori.

Io supplico la Misericordia del Cielo sulle vittime, la pazienza e il conforto per i loro parenti e saggezza e compassione verso gli aggressori.

Che il rispetto dei sacri diritti degli esseri umani, creati a immagine del Dio Misericordioso e amante degli uomini, risplenda in Siria!



Nessun commento:

Posta un commento

Inserisci il tuo commento. Lo vaglieremo per la sua pubblicazione. Grazie