Traduci

sabato 29 dicembre 2012

Te Deum laudamus 1: Per quelle voci che domandano la vera libertà per la Siria

La guerra in Siria: l'informazione , il Papa, gli interessi globali



Il conflitto continua senza sosta e le parole del Papa, o di chiunque voglia la pace, sono inascoltate da media e governi

La Perfetta Letizia 29/12/12

di Patrizio Ricci

Tutti sanno qual è il vero bisogno dei siriani, ma tutti ci girano intorno, anche in Italia. Tutti tranne uno: il Papa. Il Pontefice è una delle poche voci che ha esortato sempre, nei suoi interventi pubblici, la riconciliazione, il negoziato, la transizione politica pacifica. Il giorno di Natale, dopo il messaggio Urbi et Orbi, Benedetto XVI ha detto queste testuali parole: “Sì, la pace germogli per la popolazione siriana, profondamente ferita e divisa da un conflitto che non risparmia neanche gli inermi e miete vittime innocenti. Ancora una volta faccio appello perché cessi lo spargimento di sangue, si facilitino i soccorsi ai profughi e agli sfollati e, tramite il dialogo, si persegua una soluzione politica al conflitto".
Nel mondo, al di fuori del Papa, dei Patriarcati siriani e del movimento Mussalaha, nessuno ha abbracciato la scomoda via della pace. Ma queste voci sono tuttora inascoltate: i media continuano a darci conto della guerra civile con la malcelata convinzione che un intervento internazionale ‘stile Libia’ riporti pace, concordia e giustizia. Anche i governi, che hanno chiuso le loro sedi diplomatiche ed espulso gli ambasciatori, hanno sposato le linee più intransigenti della ribellione armata e non hanno trovato di meglio che decretare un embargo durissimo che colpisce soprattutto la popolazione. “L’unico colpevole di tutto quello che succede - ci ripetono - è Assad”. La vulgata generale ha accettato ormai questa ‘verità’ e non ha il tempo né la voglia di cambiare idea né prospettare nuove soluzioni. 

.... LEGGI TUTTO SU:
 
 
 
MADRE MARIE AGNES: " La maggioranza del popolo siriano chiede riforme, ma dentro la pace civile!"
 
 


Nessun commento:

Posta un commento

Inserisci il tuo commento. Lo vaglieremo per la sua pubblicazione. Grazie