Traduci

mercoledì 7 novembre 2012

LA CAREZZA DEL NAZARENO

"Ci vorrebbe una carezza del Nazareno": sono le parole che Jannacci disse, commosso dalla tragedia dell'indimenticabile Eluana. Le ripetiamo, davanti alla tragedia siriana che vede un milione di persone sfollate, rifugiate, private di ogni sicurezza. Ai nostri lettori chiediamo di sostenere l'opera umile e grandiosa dei Fratelli Maristi di Aleppo: perchè essi continuino ad essere (anche per noi), oggi, "Carezza del Nazareno"

 

 
Lettera del 26 ottobre 2012 (n. 6)
Questa mattina, ho messo sulla mia pagina di Facebook una parola di congratulazioni a tutti gli amici musulmani che oggi celebrano la grande festa, Eid al -Adha. Questa è la festa che ricorda il sacrificio di Abramo. Si tratta di una festa comune a tutte e tre le religioni monoteiste. Ho detto: "Il sole di questa mattina ci annuncia la celebrazione di al- Adha. Possa questa festa essere una misericordia per i credenti e una pace per la nostra terra." In realtà, questa mattina, ci aspettavamo un cessate- il-fuoco ma invano ... Il combattimento è forse un po’ diminuito d'intensità, ma non si è arrestato. Inoltre, alcuni quartieri fino ad ora risparmiati, sono stati invasi dai ribelli, tra cui il distretto a maggioranza Curdo- fino a raggiungere un quartiere cristiano. E 'stata ancora una volta la spinta per alcuni di sfollare, per cercare un quartiere un po’ più sicuro.
Parlare della situazione ad Aleppo è parlare di una guerra che ci porta tutti i giorni il suo carico di morte, di distruzione, di paura e soprattutto di non-senso.
Ma è anche parlare delle tante testimonianze di azione di solidarietà con coloro che soffrono questa guerra.

Noi, i Maristi Blu, abbiamo vissuto intensamente questi mesi con nuovi progetti che sono stati aggiunti alla nostra missione:

1 - Voglio imparare: Questo progetto educativo, di alfabetizzazione per bambini e alcuni adulti, tutti sfollati e alloggiati nelle quattro scuole in cui lavoriamo, ha preso forma. Lo scopo è quello di aiutare i bambini di tutte le età ad imparare a leggere e scrivere: per  alcuni le lettere e i numeri, per altri  un po' di più: grammatica, coniugazioni, ecc .. Non posso dimenticare quell’ uomo sulla quarantina, che componeva le parole. Con le parole che pronunciava la sua bocca  annunciava la sua felicità di essere libero dall’ analfabetismo. E voleva far sapere a tutti di aver letto poche parole ... Che dire dei bambini? Essi sono orgogliosi, in possesso di un quaderno, una matita, vengono a far vedere: "Ho scritto A, B, C. .. , So sommare 3 +5 = 8 ... ". Lui, il bambino condannato alla fabbricazione di scarpe, diventa improvvisamente un alunno,  come tutti i bambini del mondo che hanno diritto a studiare ... Data la mancanza di spazio (tutte le aule sono occupate da una o più famiglie), alcuni famigliari non hanno esitato a offrire la stanza in cui alloggiano: "Venite, faremo in modo che la classe sia in ordine perchè i 15 i bambini possano studiare. "
Essere solidali, partecipi, non è un gesto spontaneo, è qualcosa che si acquisisce, che rivela un percorso che va oltre la guerra, ben aldilà dell'individualismo ... Per questi bambini e per gli adulti, noi non abbiamo esitato a impegnarci, a dare il nostro tempo. Non siamo tutti educatori o insegnanti nati, ma la nostra buona volontà e l’entusiasmo di bambini e genitori potranno far sì che questo progetto abbia successo e progredisca.


2 - La campagna "Dafa": con l'avvicinarsi dell'inverno, abbiamo lanciato il "Dafa" che significa calore . Anche in questo caso, la generosità non è mancata ... Ne approfitto per dire grazie a tutti i nostri amici che ci sostengono. Che cosa abbiamo fatto?  Siccome la festa al –ADHA si avvicinava, ci siamo impegnati a comprare un vestito nuovo per ogni sfollato . Un lavoro meticoloso: controllare le nostre liste, visitare le 150 famiglie per stimare le dimensioni delle persone, passare molte ore al mercato, comprare, cercare la migliore offerta, fare amicizia, ascoltare la lamentela dei giovani commercianti che stendevano  i loro prodotti sui marciapiedi. Youssef è già un amico, ha il nostro numero di tel... Egli ci chiama ... Alat un altro ... Mohamed, un terzo (quando gli abbiamo detto che stavamo comprando per gli sfollati alloggiati nelle scuole, ha detto: Sono commosso, ma io vivo in un giardino pubblico). Questo altro commerciante ha aggiunto 4 o 5 pantaloni nuovi senza dire nulla ... Aveva già fatto un buon prezzo ma è un dono per gli sfollati ... Il mercato, tutta una storia di relazioni ...
Purtroppo, ieri, il mercato è stato il campo di battaglie che ancora infuriano  ... dove siete Youssef, Alat, Mohamed e molti altri volti  che ci hanno accolto? Ci mancate tanto ... Voi rappresentate il nostro oriente, il nostro caro oriente, la nostra terra, la nostra tradizione, la nostra cultura, la nostra vita di tutti i giorni ... Una volta acquistati i vestiti, le borse riempite  con la nostra tenerezza prima ancora che essere riempite di vestiti .. Grazie Leyla, Margot, per tutta la cura che avete messo per non dimenticare nessuno, per  far sì che ogni capo fosse  ben distribuito : "A questo, il maglione va bene, a quella giovane la tuta, per questo bambino questa taglia "... Quanta cura, quale attenzione, quale delicatezza! La stessa delicatezza di visitare ogni famiglia nella classe dove è ospitata  e darle il sacco augurandole una felice festa dell’Eid. Non son passati più di 5 minuti per vedere i bambini che indossavano gli abiti nuovi che avevano ricevuto! Una delle scuole aveva organizzato una festa, i bambini volevano esprimere la loro gratitudine, e anche i genitori. Stupore di un amore, di un rapporto che si costruisce . Non sono più "i bambini", sono "Zeinab, Sabrine, Zaki Haidar ...".  La campagna "Dafa" è ancora al suo inizio: la Mezzaluna Rossa siriana ci ha fornito coperte, abbiamo bisogno di più, abbiamo bisogno di mettere finestre di plastica, installare riscaldatori di acqua per i bagni ... e se ci fossero più maglie e vestiti caldi!


3 - La festa al -Adha: Durante questa festa, la tradizione vuole che si offrano le pecore in sacrificio, e distribuire la carne ai poveri e ai bisognosi . Noi ci siamo proposti  di riservare 100 libbre di carne per un banchetto di festa . Alcuni non smettono di dirci: “ è da mesi  che non abbiamo più assaggiato carne” . Lunedi 29 ottobre i Maristi blu hanno offerto la cena: il "Lahm Ajin". Una  Pizza orientale di carne e verdure , "Tfadalou" ... "Ti prego, vieni" ... La tavola è servita per il banchetto ... Condividiamo la tavola e la festa ... Celebreremo la speranza al di là di tutto e nonostante tutto ... Per alcuni sfollati, la festa non è festa . Essi piangono un parente o un amico, uccisi o rapiti . Piangono una casa abbandonata o distrutta, piangono un lavoro e un futuro ... In arabo, augurare buona festa è dire "Kel sane wa entou bkheir" "Che tu sia benedetto tutto l'anno." Ma alcuni dicono: "Inshallah, il prossimo anno saremo di nuovo nelle nostre case ", altri ripetono " che la Siria sia in  pace!”
La speranza può scomparire? Si può vivere senza un po' di speranza? La questione è per ciascuno di noi. Come non menzionare in questo momento le tante parole di gratitudine?

Wadah, padre di quattro figli, la moglie incinta attende il quinto tra pochi mesi. Wadah è autista di Suzuki, un piccolo camion adibito a trasporto merci . Wadah dagli occhi azzurri che sembrava all’ inizio così "fanatico" ... insiste sul fatto che noi entriamo nella stanza dove vive ... Noi entriamo ... Egli dice: "Non possiamo dimenticare ciò che  fate per noi. Ma ascoltate: se, purtroppo, vi dovesse succedere qualcosa, ho una piccola cantina, un laboratorio dove lavoro, ve lo offro, se vi è possibile installarvi lì ... ",  Wadah amico mio, il tuo cuore è molto più grande della tua cantina, noi sappiamo che è lì che tu ci ospiti… Sappi che hai cambiato il nostro sguardo e i nostre pregiudizi ... Hai fatto cadere le barriere che separano gli uomini ... Grazie Wadah ...
La festa per  HAMOUDÉ. Hamoudé è un bambino di 10 anni. I suoi piedi sono storti ... E’ bello, molto pulito, sorridente, ma cammina goffamente, soffre, ha bisogno di un apparecchio!  Quando l’abbiamo incontrato, sognava di possedere una palla, ma lui non potrebbe giocare, non può correre, non è come gli altri bambini!
Non volevamo che  "Hamoudé" passasse la festa come tutte le altre feste, volevamo sottolineare questa festa con un bellissimo regalo ... un dispositivo che aiuta a camminare quasi normalmente, a indossare scarpe da ginnastica ... Hamoudé ieri avrebbe avuto il suo ultimo appuntamento con il tecnico ortopedico ... Purtroppo, gli eventi di ieri glielo hanno impedito, ma "Hamoudé" ha dormito tenendo il sacchetto di plastica in cui ci sono le calze speciali e gli sneakers rossi che aspettava sognando che domani egli potrà camminare  in modo diverso ...
Inshallah, "Hamoudé" ... Nonostante tutto, non perdere la speranza! Essa supererà sempre il fatalismo ...


4 - I giovani volontari : Recentemente, abbiamo iniziato a perdere alcuni volontari : alcuni avevano lasciato il paese, altri per il superamento degli esami accademici e altri perché i genitori non volevano che i loro figli andassero in un zona ad alto rischio ... E ora il cielo ci manda giovani con molte qualità ... Prima eravamo tutti cristiani ...ci mancava quest’'altra dimensione ... di concittadini musulmani che sono disposti a unirsi ai Maristi Blu ... Eccoli, sono in mezzo a noi: "Dalia, Amer, Mustafa e tanti altri ... Sono un dono del cielo ...

5 – Cure mediche: Non posso tralasciare l'importanza del punto- medico ... Il punto di incontro quotidiano ... I malati vi si dirigono ... Nabil, Dany e Maher, ascoltano, auscultano, diagnosticano, prescrivono, danno il farmaco e alleviano il dolore di bambini, giovani e adulti ... Questo servizio è molto apprezzato dagli sfollati che alloggiano presso le scuole, ma anche da molte persone nel quartiere ...
Si parla di "Medici senza frontiere", ma anche se i nostri medici non fanno parte di questa  ONG, essi sono medici senza barriere, senza confini né esclusioni ...

Come sapete, abbiamo lanciato il Progetto  "Carrello della Montagna" ... Un progetto per aiutare 300 famiglie cristiane nel quartiere di Jabal al  Sayde ..stanno preparando la terza distribuzione mensile di cibo.
Vorrei tagliare ... Il cannone tuona pesantemente fuori ... Il cessate il fuoco è caduto in acqua, .. e con esso è la speranza di un futuro di pace che cade? Quando leggerete questo scritto  molti altri eventi saranno accaduti ad alimentare la nostra vita quotidiana, preghiamo che la nostra speranza non si indebolisca ...

Ritorno al "Carrello della Montagna", che rappresenta un sostanziale sostegno a queste famiglie cristiane... Una delle qualità di questo progetto è che si tratta di "UNO". Gesù ha pregato che noi SIAMO "UNO", come Lui e il Padre lo sono. Non sto parlando di progetto ecumenico, ma di UN progetto . Un modello di Chiesa, UNA.  Un modello della missione della Chiesa "UNA". Un  modello di impegno "UNO" ...

Sono stato lungo, dovete scusarmi. Come il tempo è lungo per gli sfollati, che sognano di tornare a casa propria, e per tutti i siriani in attesa che questo incubo finisca.
Fra Georges SABE
Per i Maristi Blu, Aleppo

Contatto per donazioni: Congregazione Fratelli Maristi - fmsi@fmsi-onlus.org
 

2 commenti:

  1. Grazie per il vostro aiuto! Dio vi benedica!

    RispondiElimina
  2. Credo di aver capito che i Fratelli maristi della lettera sono contigui all'Istituto del Verbo Incarnato che sta sempre ad Aleppo che ha lanciato un appello ripreso anche da vaticaninsider.
    Avrei pensato di distribuire questi contatti al Sit-in di Domenica, insieme a quello di Marie Agnes de la Croix.
    Armando
    Militia Christi

    RispondiElimina

Inserisci il tuo commento. Lo vaglieremo per la sua pubblicazione. Grazie