Traduci

venerdì 26 ottobre 2012

Dolore e speranza all'inizio della tregua per la Festa dell’Eid al Adha

Una bomba al funerale di padre Fadi Haddad, “martire della riconciliazione e dell’armonia”

Agenzia Fides 26/10/2012
Una bomba è esplosa questa mattina al funerale di p. Fadi Jamil Haddad, il prete ortodosso rapito e ritrovato morto ieri a Damasco (vedi Fides 25/10/2012).

Secondo fonti locali di Fides, l’esplosione ha ucciso due civili e alcuni militari. Alla Messa funebre, celebrata nella chiesa di Sant’Elia a Qatana dal Patriarca greco-ortodosso Ignatius IV Hazim, erano presenti migliaia di fedeli cristiani commossi e desolati per la perdita del sacerdote.
In un comunicato del Patriarcato Greco Ortodosso di Antiochia, inviato all’Agenzia Fides, si definisce p. Haddad “martire della riconciliazione e dell’armonia”. Infatti il sacedote “si era impegnato in una nobile missione umanitaria per far liberare un membro della sua parrocchia che era stato rapito alcuni giorni prima”. Nella mediazione, p. Fadi è stato rapito insieme a un altro intermediario. I rapitori hanno chiesto un ingente riscatto e poi l’hanno ucciso.
La nota del Patriarcato ortodosso racconta la “terribile tragedia”: “Il corpo di Padre Fadi Haddad è stato trovato la mattina del 25 ottobre nell’area di Drousha. Su di lui vi erano indescrivibili segni di torture e mutilazioni. E 'stato identificato da padre Elias el-Baba, sacerdote della città di Hina, ed è stato trasportato alla clinica della città. Il Patriarcato a Damasco è stato informato del suo martirio: il suo sangue innocente e senza macchia è un sacrificio per la riconciliazione e l'armonia”.
La nota giunta a Fides prosegue: “Condanniamo con forza questo atto bestiale e barbaro contro i civili, gli innocenti e gli uomini di Dio, che si sforzano di essere apostoli della pace. Sono uomini che tengono uniti i cuori, fasciano le ferite della sofferenza, confortano i malati, rafforzano i deboli in queste difficili circostanze. Esprimiamo la profondità del nostro dolore per questi atti efferati che sono senza precedenti nella lunga storia della nostra amata nazione, costruita sulle fondamenta di amore, cooperazione, pace e armonia”.
Il Patriarcato invita “tutti i cittadini, le organizzazioni umanitarie e gli uomini di buona volontà a condannare rapimenti, omicidi, distruzione, rapine, aggressione alla sicurezza e al benessere dei cittadini”. “Richiamiamo tutti al dialogo, alla pace e all'armonia” prosegue, “per porre fine al bagno di sangue innocente che si svolge ogni giorno”.
Il testo chiede ai fedeli cristiani “di rimanere saldi nella nostra fede e nella nostra speranza nel potere del Signore che ha voluto che noi abbiamo la vita, e in abbondanza (Gv 10,10)”, invitandoli a “rimanere nella loro terra e nella loro nazione”, guardando al futuro “con la forza della fede”. “Chiediamo a Dio – conclude il Patriarca Ortodosso – che il martirio di Padre Fadi Haddad sia un sacrificio offerto per i figli di questa nazione e per una tregua negli eventi dolorosi che stiamo vivendo in questo tempo”.
Padre Fadi Jamil Haddad era nato nella città di Qatana il 2 febbraio 1969. Aveva studiato teologia a Damasco e in Libano. Si era sposato ed era stato ordinato sacerdote nel 1995 da sua Beatitudine il Patriarca Ignazio IV Hazim. Era parroco della chiesa greco-ortodossa di S. Elia a Qatana. Una fonte del Patriarcato rimarca che “era amato da tutti i gruppi religiosi e non aveva preso posizione politica nel conflitto in corso in Siria, ma era fortemente impegnato per la riconciliazione”
http://www.fides.org/aree/news/newsdet.php?idnews=40181&lan=ita

TREGUA, ARCIVESCOVO MARONITA SAMIR NASSAR:  "VI PREGO DI RISPETTARLA"

MISNA- 26 ottobre.
“Rivolgo una preghiera alle parti in lotta: rispettate la tregua, per il bene dei civili e di tutta la Siria. In 20 mesi di combattimenti e violenze avete ridotto il paese in ginocchio e il tessuto sociale è lacerato”: è l’accorato appello che monsignor Samir Nassar, arcivescovo maronita di Damasco affida alla MISNA nel primo giorno di tregua mediata dall’inviato Lakhdar Brahimi in occasione della festività islamica dell’Eid al Adha (festa del sacrificio).
  “Oggi è un giorno di festa e le scuole sono chiuse. Eppure non si respira quel clima gioviale che solitamente accompagna l’Eid” dice il religioso, secondo cui “anche la pioggia, caduta copiosa sulla città e che ancora continua abagnare Damasco, forse, ha contribuito a calmare un po’ gli animi”.
Mentre da diverse parti, l’opposizione invita a cogliere la tregua come un’opportunità per manifestare contro il governo di Bashar al Assad, la comunità internazionale osserva con il fiato sospeso il passare delle ore dall’entrata in vigore di un fragile quanto determinante cessate-il-fuoco.
“Preghiamo e aspettiamo, sperando che questa tregua duri e che ad essa subentri un’altra tregua più solida e duratura, che conduca il paese fuori dal tunnel della violenza” dice il monsignore, tra i firmatari della nota con cui il Patriarcato Greco Ortodosso di Antiochia condanna l’omicidio di padre Fadi Jamil Haddad, il prete ortodosso rapito e ritrovato morto ieri a Damasco.
http://www.misna.org/altro/tregua-arcivescovo-maronita-vi-prego-di-rispettarla-26-10-2012-813.html


26/10/2012 Damasco (AsiaNews/Agenzie)
Damasco, fra esercito e ribelli fragile tregua per la festa musulmana del sacrificio
 Il cessate il fuoco sarà in vigore dal 26 al 29 ottobre, per celebrare la ricorrenza musulmana dell'Eid al-Adha. Ieri i ribelli sono avanzati in alcune zone centrali di Aleppo, città chiave per le sorti del conflitto. Ban Ki-moon auspica “negoziati politici” per la fine delle ostilità. Croce rossa pronta a inviare aiuti nelle aree di guerra.
 - In Siria è entrato in vigore un cessate il fuoco della durata di quattro giorni fra esercito di Damasco e milizie ribelli, per celebrare l'Eid al-Adha, la festa musulmana del sacrificio. Tuttavia, la leadership militare avverte che - a dispetto della fragile tregua - non esiterà a rispondere in caso di attacchi degli insorti. E al-Jazzera poco fa ha sostenuto che l'esercito ha sparato per disperdere una manifstazione, provocando quattro morti.
Se reggerà, la breve sospensione del conflitto per la ricorrenza islamica è stata proposta dall'inviato delle Nazioni Unite e della Lega araba Lakhdar Brahimi, che non ha perso la speranza di avviare un serio processo di pace che porti alla fine del conflitto e a una maggiore democratizzazione del Paese.

La tregua è per l'Eid al-Adha è iniziata questa mattina alle 6 ora locale, secondo quanto riferisce la tv siriana, ed è l'ennesimo tentativo (gli altri finora sono falliti) di fermare anche solo per qualche giorno il conflitto. La festa ricorda il sacrificio di Abramo, che pur di compiacere al comandamento divino, avrebbe ammazzato il figlio; ma dopo l'intervento dell'angelo ha ucciso al suo posto un montone. Questa festa simboleggia quindi la fede, la sottomissione e l'obbedienza totale e indiscussa a Dio nell'islam.
Ieri i ribelli sono avanzati fino a raggiungere alcune zone del centro di Aleppo, nel nord della Siria; è la seconda più grande città del Paese, oltre che luogo simbolo della guerra e campo di battaglia fondamentale per decidere le sorti del conflitto.
 continua su: http://www.asianews.it/notizie-it/Damasco,-fra-esercito-e-ribelli-fragile-tregua-per-la-festa-musulmana-del-sacrificio-26193.html

 

Nessun commento:

Posta un commento

Inserisci il tuo commento. Lo vaglieremo per la sua pubblicazione. Grazie