Traduci

sabato 15 settembre 2012

“ALEPPO, LA NOSTRA CITTA’, STA MORENDO”: la tragedia di un popolo e l’immensa gratuità dei volontari nelle lettere dei Fratelli Maristi di Aleppo

Proponiamo ai nostri lettori queste impressionanti testimonianze inviate negli ultimi mesi da Aleppo da un gruppo di religiosi , certi che la lettura di quanto stanno patendo i nostri fratelli siriani muoverà la nostra coscienza per domandare a Dio e agli uomini che si voglia trovare una soluzione pacifica e porre fine a un conflitto “che sta distruggendo il Paese e seminando dovunque miseria e desolazione”.

http://www.paroisse-anet.fr/Urgence-Syrie_a84.html
traduzione dal francese a cura della Fraternità Maria Gabriella

 
Lettera dell’ 11 settembre 2012, n ° 4

Che dirvi della nostra situazione, se non che peggiora di giorno in giorno. I combattimenti e gli attentati continuano giorno e notte e si diffondono in nuove aree della città finora risparmiate. Anche i Quartieri "sicuri" ricevono la loro quota di pallottole vaganti (ne raccogliamo tutti i giorni sui nostri balconi e marciapiedi) e obus  maldiretti (tra gli altri, due proiettili di mortaio che non sono esplosi: una sul tetto del Hôpital Saint Louis e l'altro nel cortile del convento dei Fratelli Maristi e due bombe che questa volta sono esplosi: uno sulla parte anteriore della Chiesa di San Michele Azizié nel centro della città e un altro su una scuola materna gestita dalle Suore del Perpetuo Soccorso: per fortuna nessuna vittima, essendo il sabato giorno di riposo).
 Benzina, carburante, pane sono prodotti praticamente assenti e il cibo (latte per neonati o bambini, lattine, ecc.) sono difficili da trovare e sempre più costosi. L'acqua è  completamente mancata  durante diversi giorni in alcune zone della città (compresi Djebel Al Saydé, dove si trovano gli sfollati dei quali noi ci occupiamo, ciò a causa del sabotaggio  di tubi di acqua molto grandi che alimentano la città abbiamo dovuto comprare cisterne d'acqua per riempire i serbatoi delle scuole).
La  vita in Aleppo è diventata molto difficile e molto pericolosa (incluso il rapimento quotidiano , tra cui 4 uomini (separtamente) dalle nostre famiglie in difficoltà e per il quale abbiamo dovuto pagare riscatti, tre sono stati rilasciati e il quarto si trova nella sua seconda settimana in cattività presso i "Ribelli").
L'intera economia è paralizzata: fabbriche, negozi e vari uffici amministrativi sono chiusi. La maggior parte dei medici hanno lasciato il paese.
Aumenta il numero degli sfollati e i loro bisogni pure. Continuiamo a sostenere 1200 sfollati alloggiati in quattro scuole Djebel Al Saydé (Sheikh Maksoud). Noi forniamo loro il pane e 2 pasti al giorno, pannolini e latte per bambini, sapone e prodotti di igiene e per pulire le loro stanze e i servizi igienici. Giovani medici volontari visitano tra i 50 e 70 pazienti al giorno e forniscono farmaci gratis. I giovani del nostro gruppo "I Maristi Blu " si prendono cura dei bambini e gli adulti accompagnano le madri.
Come previsto, le donazioni locali si sono quasi prosciugate con la fine del Ramadan e con la partenza dei ricchi, i potenziali donatori , per il Libano. Per contro, i nostri amici dall’estero continuano a mostrare la loro solidarietà per sostenerci finanziariamente.
Abbiamo affrontato una "rivolta" di famiglie cristiane non sfollate che vivono nello stesso quartiere degli sfollati e che non hanno più i mezzi per sopravvivere: piccoli impiegati o dipendenti il ​​cui stipendio (prima degli eventi) era quel tanto che basta per vivere poveramente e che non han più risorse (perché non sono più pagati) per comprare neanche il pane, quando è disponibile. Abbiamo avviato un nuovo progetto "Al Jabal Sallet = Il paniere della Montagna ", che consiste nel fornire un cesto (sufficiente per sfamare una famiglia ) di cibo una volta al mese a 280 famiglie cristiane per soddisfare la loro fame e questo insieme con alcuni vescovi e Caritas Siria. Abbiamo distribuito il primo cesto Domenica scorsa. Noi cerchiamo al meglio delle nostre capacità di fornire un minimo (ma proprio un minimo) di vitale importanza per la sopravvivenza. Purtroppo, i bisogni sono grandi e le nostre risorse scarse.
Nella misura delle nostre risorse umane e materiali e basandoci sulla Provvidenza e sugli  amici benefattori (che qui vogliamo ringraziare con tutto il cuore), cerchiamo di alleviare un minimo delle sofferenze dei nostri fratelli e sorelle, migliaia di persone (adulti, bambini e infanti) di cui siamo l'unico segno di speranza e l'unica speranza di sopravvivenza.

Gruppo di Aleppo con i Fratelli Maristi


LETTERA DEL 26 luglio 2012 del Fratello George Sabe - Aleppo

Qui ad Aleppo, ha fatto durante il giorno più di 40 gradi. Sulla via, ho sentito gli spari. Sono nella mia stanza, in comunità. Fratelli George e Hakim Bahjat Azrie, sono anche nella comunità.
Aleppo, la nostra città, la seconda città del paese, la capitale economica, il più grande centro del commercio e mestiere sta morendo. E’ soffocata da oltre una settimana. La guerra sta cercando di espandersi in vari quartieri. La gente fugge, si rifugia, vaga, entra nelle strade, nei parchi, scuole, ovunque. Le persone ricevono i loro parenti, le case sono aperte ... scarsità di pane, mancanza di energia elettrica, mancanza di carburante, mancanza di latte, farmaci mancanti, l'unico che non manca è il fantasma della guerra. Esso si aggira, è ovunque. Un fetore sale dalle strade ...
La città è circondata su tutti i lati. Si rischia di essere rapito e ucciso. La gente ha paura ... una paura che deprime, paralizza, uccide ...

Quindi la questione che ci siamo posti: noi cosa facciamo? Fuggire come molte famiglie hanno fatto? Rimanere paralizzati sul posto? Darsi da fare? Cosa fare?
Come primo passo, abbiamo scelto di continuare le nostre attività. Abbiamo lanciato l'idea di campi di colonie di vacanza e attività didattiche ... Ma lentamente, ci si è resi conto che il pericolo era enorme, e abbiamo dovuto smettere. E 'stata la decisione di martedì scorso:
"Lasciamo il nostro lavoro."
Ma per noi smettere le nostre attività non vuole affatto dire fermare la nostra missione, ma piuttosto cercare insieme, noi e i fratelli laici, quale risposta dare alle emergenze. La chiamata del Capitolo Generale ci ha invitato ad andare fuori tra gli sfollati.
Nel quartiere di Jabal el Saydeh, settore in cui abbiamo lavorato per oltre 25 anni con i poveri, abbiamo trovato persone ancora più povere ... Gli sfollati!!

Verso di loro siamo corsi: ai bambini, alle donne e agli uomini ... I nostri giovani hanno risposto con generosità.
Ed è là dove abbiamo trascorso il nostro primo giorno.
Ci hanno accolto, i bambini sono corsi fuori dai buchi in cui si erano nascosti . Una folla, una massa, un pallone li ha ravvivati ... Hanno giocato, ballato, cantato ... ognuno è una storia, una storia sacra che si rivela a noi. Una bimba che condivide il suo dolore di essere orfana... Un ragazzo offre dal primo momento una matita a un facilitatore, "Habaytak", egli esclama: io ti voglio bene ... Una ragazza si trasforma lentamente grazie a una mano che non l’ha lasciata ...lei osa rimuovere le mani con cui si teneva tappate le orecchie. Ha giocato con la corda, sorride ... "Lo sceicco" (Imam), viene a dirci grazie ... Qualcuno chiede: "sei un cristiano? "
Un vecchio viene a baciarmi e mi dice "Choukran." “Grazie”.Non lo so, non so il suo nome, non so perché mi ha ringraziato, ma il gesto è fatto, un patto di amore e di fiducia è firmato ... Le signore ascoltano le donne. Quale dignità! Non ci si lamenta. Si ringrazia "Allah". Ma che Vangelo vivente stiamo vivendo!!
Una domanda ci viene spesso rivolta: "se ve ne andate, poi tornerete indietro?” E viene stabilita la fiducia. I bambini restano con noi fino a mezzogiorno, quando ce ne andiamo. Cantano intorno a noi come a dire, "Resta, ti vogliamo bene!" E alle 17 quando ritorniamo, sono già lì, e la festa riprende, la danza, il gioco, il sorriso, la felicità!
Ma i bisogni urgono. Esigenze di base. In questo mese di Ramadan, il mese del digiuno per i nostri fratelli musulmani, i bisogni sono enormi: pediatra, medico, farmaci, latte, pannolini, assorbenti, sapone, detersivi, materassi, vestiti, cibo ...
I rifugiati si dividono in due scuole, 900 persone stipate. Il flusso continua a crescere. Delle famiglie (2000 persone) sono installati nel parco. Essi sopportano il calore, ma non vogliono essere rimossi. Forse sognano di svegliarsi la mattina per andare a casa e ...Eppure quel sogno sembra ormai lontano, senza alcuna speranza di essere realizzato presto, se una casa esiste ancora ...
E questi sono una goccia in un mare di sfollati, di senza tetto, di lasciati da parte ... Ma per noi, sono i nomi di Zeinab Moustapha, Ali, ecc ...
Sono un volto, sono una storia, sono uno sguardo, sono una poesia ...
Per loro e grazie a loro, si rischia ...
Sì, noi rischiamo la vita. Alcuni nostri giovani non hanno l'approvazione dei loro genitori. Alcuni volontari hanno organizzato a casa questa mossa audace! Sappiamo tutti che grande rischio è il lavoro quando le armi non tacciono.
Ma solo un sorriso di un bambino non è abbastanza per far cadere tutte le nostre paure?
Georges


Lettera ricevuta il 1 ° settembre, da Françoise Parmentier, coordinatrice degli aiuti alla Siria

Cari amici,
Prima di recarmi all'estero, 2-9 settembre, senza ulteriori indugi vorrei darvi notizie su Aleppo e la nostra azione.
In questo momento, Internet è interrotto e così pure il telefono cellulare ... ho potuto comunicare solo su  rete fissa molto presto la mattina. Avevamo preparato una  lettera n 4 per voi, ma non è stato possibile comunicare. Là è un crescendo di orrore. Il bombardamento inizia al cadere della sera e prosegue per tutta la notte senza sosta, senza sapere dove ogni colpo va e dove cadrà. Sono stanchi fisicamente e mentalmente.
Di 50 medici in Aleppo, ce sono ancora solo 3 e gli altri se ne sono andati all'estero, e molti sono stati rapiti. Lo specialista Nabil, finge di essere un dipendente di negozio. I rapimenti sono estremamente numerosi.
L'intera economia è ferma. Nessuno lavora. I luoghi di commercio sono chiusi.
Fortunatamente "il nostro gruppo" ha potuto acquistare da grossisti. Ma per questi ultimi è diventato sempre più rischioso in quanto le scorte sono al di fuori della città.
"Il nostro gruppo" ora si occupa di quattro scuole di rifugiati e all'inizio di questa settimana Nabil ha preso l'iniziativa di andare ai vescovi e sacerdoti dei diversi riti al fine di offrire la propria azione e aumentare la loro forza per aiutare tutti.  Vi sono anche 220 famiglie cristiane che non hanno nulla per vivere.
Tutti hanno confermato la loro presenza, ciò significa che ci saranno molto più volontari. Ma i bisogni sono immensi.
Dalla fine di Luglio avete risposto alla chiamata e grazie a voi ho potuto inviare 26 000 Euro. Forse quelli di voi che non hanno già fatto, potrebbero diffondere il nostro appello alle proprie reti, siano essi personali, professionali o associazioni? Cosa ne pensate?

Al mio ritorno non mancherò di informarvi. Con gratitudine.
A presto. Con amicizia.
Françoise Parmentier

 
Lettera del 10 agosto 2012 - Gruppo marista Aleppo

Dopo la nostra lettera del 2 agosto, la situazione militare si è deteriorata in Aleppo; la lotta si è intensificata e diffusa per la maggior parte in nuovi quartieri. Il giorno Martedì 7 agosto è stato il peggiore, con un'incursione dei ribelli nei distretti di Achrafiye "siriaco Jadida" e Jala'a. La maggior parte delle persone negli ultimi due quartieri è cristiana e per loro è stato  uno spavento enorme vedere ribelli armati nei loro balconi e con la paura di essere obiettivi involontari delle risposte dell'esercito.
La vita quotidiana è peggiorata. Mentre il pane è di nuovo disponibile nei panifici, ma le carenze d'acqua ed elettricità sono più frequenti e durano più a lungo e la benzina è quasi inesistente. Il prezzo di tutti i prodotti si è moltiplicato per 4 o 5. La benzina (in lattine) al mercato nero si vende a 250 LS / litro (50 LS prima) e la bombola del gas (essenziale per la cucina) a LS 7000 (prima era a 500 LS). Nota che il salario medio mensile di un lavoratore o piccolo dipendente è circa 8000 LS; [A Euro = 86 LS]. Le fabbriche sono chiuse, come anche negozi, le persone non hanno lavoro e i dipendenti non sono più pagati. Le persone non sfollate non possono più sopravvivere e il numero di sfollati è aumentato. Oltre ai giardini pubblici, ora ci sono 90 scuole aperte a riceverli.
Due eventi hanno segnato il nostro lavoro dopo la nostra lettera del 2 agosto
1 - Abbiamo preso in carico una quarta scuola (con 250 rifugiati) nella stessa area di Jebel Al Saydé (Sheikh Maksoud). Il Direttore ci ha chiamato, poiché per lui non era possibile dare loro altro che le pareti. Abbiamo risposto alla chiamata e come per gli altri rifugiati delle tre altre scuole, abbiamo offerto sostegno alimentare e per  la salute delle famiglie e soprattutto dei bambini e la nostra solidarietà.
2 - Abbiamo dedicato parte delle nostre risorse per aiutare un centinaio di famiglie non sfollate per farle sopravvivere. Noi conosciamo queste famiglie da lungo tempo, perché li aiutiamo da parte della nostra associazione "Orecchio di Dio" che è coinvolta da 26 anni per i più poveri tra i poveri in Aleppo. La loro situazione è diventata catastrofica, risultato della guerra, gli uomini non lavorano più e quindi non hanno più salario.
Molti dei nostri volontari ci hanno lasciato, insieme con i loro genitori, per trovare  rifugio in Libano e in Europa. Il nostro numero è ridotto, mentre  sono in aumento le esigenze. Facciamo quello che possiamo con i mezzi (umani e materiali) che abbiamo. Fino ad ora, le persone di Aleppo state molto generose con noi, in particolare i musulmani, per i quali l'offerta fatta durante il Ramadan vale il doppio nel calcolo divino delle buone azioni, ma si capisce l'esaurimento delle risorse con la fine del mese di Ramadan (siamo ormai al 20 del mese).
Pertanto, le donazioni provenienti da fuori sono molto importanti per noi.
Lo spirito del nostro gruppo di volontari è straordinario,essi continuano a spendersi senza calcolare la fatica e il potenziale pericolo. Nella nostra situazione precaria e pericolosa, siamo fiduciosi in  giorni migliori e preghiamo che i "molteplici-attori " in questo conflitto abbiano la lucidità necessaria per raggiungere una soluzione politica che salverebbe il paese da ancora più distruzione e ai siriani risparmierebbe ancor più  sofferenza e  morte.


COME AIUTARE I SIRIANI?

Per SOSTENERE LE DUE INIZIATIVE LOCALI DI HOMS E ALEPPO

http://www.paroisse-anet.fr/docs/comment_aider_les_syriens.pdf

 

Nessun commento:

Posta un commento

Inserisci il tuo commento. Lo vaglieremo per la sua pubblicazione. Grazie