Traduci

lunedì 6 agosto 2012

Messaggio di Gregorios III: "Beati gli operatori di pace"

 
Il nostro ruolo di cristiani è quello di mediazione e di riconciliazione: di essere costruttori di ponti tra i figli della stessa patria. Questa è la missione più bella che abbiamo potuto svolgere per il nostro paese, la Siria, per ogni nostro fratello e sorella, concittadini di tutte le denominazioni, a prescindere dal partito politico, tribù, regione o convinzione.
Noi preghiamo Dio affinchè si degni di riportare l'amore nei cuori di tutti i siriani, in modo che essi non abbiano bisogno di armi o  paura di massacri, perché possano vivere insieme, come figli della stessa famiglia e della stessa patria.
Noi lo imploriamo: Dio della pace, dona la pace al nostro paese!
Damascus, 3 August 2012


“Blessed are the peacemakers”
With these words Our Lord exalts peace-makers, saying that “they shall be called children of God.” (Matthew 5: 9)
Through these same Gospel words, I should like to explain the Church’s attitude to the widespread talk of arming Christians, especially in Damascus:
1. No official has spoken to us about arming Christians.
2. We have never contacted any official and we have never asked for our Christian children to be armed, in Damascus or elsewhere.
3. We have never considered – and never will – arming ourselves.
4. Furthermore, we believe that the attempt to arm Christians, from whatever quarter, involves a danger of sectarian conflict and exposes predominantly Christian districts to attacks of unknown origin.
5. We call upon all our faithful, in all parishes, to refuse offers of arms. We remind them of the teachings of Our Lord, Jesus Christ, “All they that take the sword shall perish with the sword.” (Matthew 26: 52) And also, “Blessed are the meek, for they shall inherit the earth... Blessed are the peacemakers, for they shall be called the children of God." (Matthew 5: 5 and 9)
6. We remind them likewise of Saint Paul’s teaching, "If it be possible, as much as lieth in you, live peaceably with all men." (Romans 12: 18)
Our role as Christians is one of mediation and reconciliation: of being bridge-builders between the children of the same homeland. That is the finest mission that we could carry out for our country, Syria, for our brother and sister fellow-citizens of all denominations, regardless of political party, tribe, region or persuasion.
7. We have not stopped calling for this, ever since the outbreak of the crisis in March, 2011. That is the role of the Church and its pastors – Patriarchs, bishops, priests – monks, nuns and lay-persons involved in various sectors of activities and services of the Church. Our churches, schools, institutions and confraternities are all schools of peace, faith, virtue, love and frank, sincere fellow-citizenship and respect for all.
8. I recall a saying of the late Ecumenical Patriarch Athenagoras of Constantinople, "I am no longer afraid, because I have laid my weapons down!"
Our Lord calls us to this in the Holy Gospel, "It is I, be not afraid!" (Matthew 14: 27; Mark 6: 50; John 6: 20) And also, "Be of good cheer! I have overcome the world." (John 16: 33) And John the Evangelist tells us, "This is the victory that overcometh the world, even our faith." (1 John 5: 4) Let us add: faith in our brethren, our homeland and our sincere, humane national values.
We pray God to deign to bring back love to the hearts of all Syrians, so that they will have no need of weapons or fear of massacres, for they will be living together, as children of the same family and the same homeland.
We implore him: God of peace, grant peace to our country.
+ Gregorios III
Patriarch of Antioch and All the East,
Of Alexandria and of Jerusalem
http://www.pgc-lb.org/eng/gregorios/view/Blessed-are-the-peacemakers



SIRIA : Chi l'ha a cuore?
Testimonianza da Aleppo dove si prepara lo scontro, forse, decisivo
S.I.R. Prima pagina Martedì 07 Agosto 2012
"Ci sono scontri in atto in diverse zone e quartieri della città. Si odono continui colpi di arma da fuoco, tanti scoppi, alcuni molto forti, forse di mortaio. Siamo molto preoccupati perché non sappiamo cosa accadrà e a cosa andremo incontro. Si dice che si stia preparando una battaglia, che genere di conflitto sarà, quando comincerà e quanto durerà non lo possiamo sapere. Non possiamo fare altro che sperare in un compromesso che eviti uno spargimento di sangue, vittime innocenti. Altro sangue non farà che aumentare l’odio, le divisioni, e la distanza tra le parti". È una voce affranta quella di mons. Jean-Clément Jeanbart, arcivescovo greco-melkita di Aleppo, la seconda città siriana, snodo economico della nazione, dove da giorni si stanno ammassando le truppe regolari del presidente Assad per cacciare le forze dell’opposizione armata barricate in alcuni quartieri della città. Si parla di 20 mila soldati pronti a sferrare un attacco che potrebbe rivelarsi decisivo per le sorti del conflitto. Alla capacità militare di Assad non corrisponde, però, un’altrettanta potenza politica soprattutto dopo la fuga in Giordania del premier, nominato solo un mese fa, Riad Hijab. Una defezione che, per gli analisti, è un segnale che il regime sarebbe avviato alla disgregazione. "L’abbandono dell’ex premier - dichiara il presule - mostrerebbe una certa debolezza del regime e getta sul popolo un ulteriore motivo di preoccupazione. Politica e diplomazia cerchino vie di dialogo che è quello che il popolo vuole ed auspica, non il suono cupo delle armi". Invece, "siamo costretti ad assistere a scelte totalmente opposte, basti pensare alla decisione del presidente Usa, Barack Obama, di autorizzare missioni segrete in sostegno dei ribelli. Non è da oggi che gli Usa spingono in questa direzione".
Un Paese in ginocchio. Chi è già in ginocchio è il Paese: dal marzo 2011, inizio del conflitto, i morti - secondo stime dell’Osservatorio siriano per i diritti umani - sarebbero oltre 21 mila, gli sfollati ancora in Siria un milione e mezzo. Centinaia di migliaia quelli fuggiti in Turchia, Libano e Giordania. L’economia è ferma, manca il lavoro e l’emergenza umanitaria è sempre più vicina, complici anche le sanzioni adottate dalla comunità internazionale.


Una città paralizzata. Contattato telefonicamente da Daniele Rocchi, per il Sir, l’arcivescovo non nasconde la sua "paura per quello che potrà accadere una volta che la città dovesse cadere in mano ad una delle due parti in lotta". Aleppo, spiega mons. Jeanbart, "è una città strategica. Il suo Governatorato conta oltre 5 milioni di abitanti ed è un centro importante per l’economia, l’arte, la storia e la cultura. Ha un’età di settemila anni. Sarebbe un grave danno, non solo per la Siria ma per tutta l’umanità, che venisse distrutta nello scontro che si prepara. Faccio appello a tutti coloro che hanno qualche responsabilità affinché sia il dialogo a prevalere e non le armi". Una preoccupazione condivisa con tutti gli altri confratelli vescovi della città, "con i quali mi sento tutti i giorni. Non sappiamo cosa succederà e la paura sale ogni ora di più specialmente davanti alla non remota eventualità che i quartieri dove vivono i cristiani vengano occupati dai combattenti anti regime, tra i quali ci sono bande islamiste. Abbiamo paura che anche ad Aleppo accada ciò che è successo ad Homs dove i quartieri abitati dai cristiani sono diventati teatro di scontri violenti costringendo i nostri fedeli a fuggire. I ribelli che combattono contro l’esercito di Assad - aggiunge l’arcivescovo greco-melkita - non sono tutti siriani, ma vengono da Egitto, Giordania, Libia, Turchia ed anche dall’Europa. Jaidisti - rivela - sono arrivati anche dal Belgio". Mons. Jeanbart parla di una città "paralizzata dalla paura, in cui è sempre più difficile muoversi, dove il pericolo è in agguato, ma dove i cristiani non cessano di fare la loro parte portando aiuto a chi è nel bisogno maggiore. Come già detto in altre occasioni, abbiamo costituito un coordinamento di 11 laici, di tutte le denominazioni cristiane presenti ad Aleppo, con il compito di fare fronte alle esigenze delle persone e famiglie in difficoltà. Stanno coordinando le opere di solidarietà che ogni comunità locale ha messo in piedi. Ciò di cui abbiamo maggiormente bisogno adesso è che ci sia chi spinga verso il negoziato e la pacificazione. Oggi, devo dire, che l’unica personalità al mondo a credere nella forza del dialogo per dirimere questa crisi è il papa, Benedetto XVI. Non c’è altra soluzione per la nostra nazione! Voglio sperare che questa fase di attesa prima dell’attacco nasconda l’estremo tentativo di trovare un accordo per una transizione pacifica. Purtroppo un simile accordo è possibile solo se a parlare ci sono persone che hanno a cuore le sorti della Siria. Ma ce ne sono?".
 http://www.agensir.it/pls/sir/v3_s2doc_a.a_autentication?target=3&tema=Anticipazioni&oggetto=244893&rifi=guest&rifp=guest

Nessun commento:

Posta un commento

Inserisci il tuo commento. Lo vaglieremo per la sua pubblicazione. Grazie

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.