Traduci

martedì 10 luglio 2012

Verso la riconciliazione: oltre 300 combattenti pronti a cedere le armi a Homs

Homs (Agenzia Fides) – Oltre 300 combattenti nelle diverse fazioni armate dell’opposizione siriana a Homs hanno accettato di cedere le armi, di entrare sotto la tutela del Comitato popolare interreligioso “Mussalaha” e di continuare una “opposizione politica non armata”.
E’ il risultato di uno storico accordo promosso dal movimento “Mussalaha” (“Riconciliazione”), nato spontaneamente dalla società civile siriana, che sta riscuotendo la fiducia di tutte le parti in lotta, di famiglie, clan, comunità diverse, di settori del governo e dell’opposizione armata. Gli oltre 300 armati sono perlopiù giovani che si trovano asserragliati nelle diverse stradine del centro storico di Homs come Khalidiye, Jouret al shiyah, Qarabis, Hamidiyah, Bustan Diwan e dintorni, tuttora assediate dalle forze dell’esercito siriano. Nel complesso, si stima che i resistenti armati all’interno di quell’area della città vecchia siano oltre 1.000.
Il Comitato della “Mussalaha” di Homs, che include il sacerdote siro-cattolico p. Michel Naaman, altri leader religiosi musulmani e diversi leader della società civile e rappresentanti di comunità, dopo un lungo sforzo di mediazione, è riuscito a raggiungere un risultato fino a ieri impensabile. “I 300 giovani pronti a deporre la armi sono giovani e adolescenti che avevano deciso di combattere, presi dallo spirito e dagli ideali della rivoluzione. Fra loro vi sono parenti, figli, amici, di persone che fanno parte della Mussalaha e questo ha notevolmente facilitato il dialogo e l’accordo. Sono i figli del popolo siriano”, nota a Fides il sacerdote di Homs.
I giovani hanno avuto dall’esercito siriano garanzie che, deponendo le armi, saranno liberi e potranno continuare una “opposizione politica non violenta”. Il comitato della “Mussalaha” si farà garante della loro salvezza e libertà, in una atmosfera che vuole incoraggiare il confronto, il dialogo e la riconciliazione. Non è escluso, notano i leader della “Mussalaha”, che molti altri combattenti possano seguire questo esempio ed entrare sotto la tutela del Comitato di riconciliazione.
Il problema principale, notano fonti di Fides, è rappresentato ora da oltre 100 uomini armati non siriani che sono presenti nell’area e che non hanno intenzione né possibilità di rientrare in questa delicata operazione di “dialogo interno siriano”. Costoro chiedono il coinvolgimento della Croce Rossa, per questo i rappresentanti della CRI saranno allertati per un possibile intervento nella mediazione. (PA) (Agenzia Fides 10/7/2012)

Nessun commento:

Posta un commento

Inserisci il tuo commento. Lo vaglieremo per la sua pubblicazione. Grazie