Traduci

giovedì 26 luglio 2012

Un articolo illuminante sulle forze in gioco e i consigli degli esperti di politica internazionale...

Al-Qaeda alleato dei ribelli islamici nella lotta contro Assad
Foto, video e rivendicazioni di attentati confermano la presenza di centinaia di miliziani sul territorio siriano. La maggior parte proviene da Paesi esteri, fra cui Russia, Somalia e Mali. Organizzazione britannica per la difesa lancia l'ipotesi di un colpo di Stato militare guidato dai Paesi occidentali.


Damasco (AsiaNews/ Agenzie) - Nel nord ovest della Siria i ribelli che lottano contro il regime di Assad hanno trovato un alleato di eccezione: al-Qaeda e centinaia di islamisti provenienti da Paesi stranieri. Gli Stati più rappresentativi sono Iraq, Libia, Egitto, Afghanistan. Ma vi sono anche militanti da Russia (Cecenia), Ucraina, Mali e Somalia. La presenza degli estremisti è confermata da diversi video apparsi su siti jihadisti, che mostrano uomini con il volto coperto che inneggiano alla guerra santa mostrando fucili mitragliatori, bombe e sventolando la bandiera nera di al-Qaeda. In un filmato apparso nei giorni scorsi e postato su Youtube una voce fuori campo grida "stiamo formando cellule di kamikaze per continuare la guerra santa in nome di Dio".

A tutt'oggi l'opposizione nega la presenza di gruppi estremisti islamici fra le sue fila, ma secondo gli esperti i confini con Turchia e Iraq sono diventati dei veri e propri centri di raccolta per miliziani di tutto il mondo islamico sunnita. Alcuni hanno definito lo scenario siriano "un magnete" per al-Qaeda e i suoi affiliati. Testimoni raccontano che a Bab al-Hawa, posto di blocco sul confine turco, centinaia di stranieri sono entrati in questi giorni per sostenere l'esercito libero siriano nella battaglia di Aleppo. Ciò che spinge queste persone ad attraversare l'Asia o il Nord Africa, non è il desiderio di democrazia, ma la punizione esemplare dei "nusayrs" (eretici) nome dispregiativo per definire gli alawiti, la setta sciita di Bashar al-Assad.

L'aumento dei combattimenti nella provincia settentrionale di Aleppo ha attirato in questi giorni centinaia di jihadisti provenienti dall'Iraq. La conferma giunge anche da una recente indagine del governo iracheno, secondo cui i militanti operativi sul territorio siriano fanno parte dello stesso gruppo che ha rivendicato gli attentati che hanno sconvolto l'Iraq in questi ultimi mesi. "Le nostre liste di sospetti - afferma Izzar al-Shahbandar, consulente del primo ministro - combaciano con quelle delle autorità siriane". Le foto comparse su alcuni forum legati ad al-Qaeda mostrano anche gruppi di veterani della guerra in Libia. Secondo Naharnet, agenzia libanese, in alcune appaiono uomini vestiti di nero che brandiscono uno striscione con scritto: "I rivoluzionari della brigata di Tripoli". La conferma di una frenetica attività degli estremisti islamici sul suolo siriano giunge dal numero di attentati rivendicati dalla stessa al-Qaeda. Da dicembre il sono almeno 35 gli attentati con autobombe e 10 gli attentati suicidi avvenuti sul suolo siriano. Di questi 4 sono stati rivendicati dal "Fronte Nusra" di Al Qaeda.

La presenza di gruppi jihadisti fra l'esercito libero siriano ha sollevato molte polemiche anche sul piano diplomatico. Ieri Sergey Lavrov, ministro degli Esteri russo, ha accusato gli Stati Uniti di sostenere con la sua politica anti Asssasd i ribelli islamici. Egli ha criticato la posizione di Susan Rice, ambasciatore Usa all'Onu, che non ha condannato l'attentato di Damasco dello scorso 18 luglio costato la vita a diversi membri di spicco del regime, chiedendo invece l'imposizione di nuove sanzioni.

Intanto, si fa sempre più strada l'ipotesi di un intervento armato per deporre il presidente Assad. Uno studio del Royal United Services Institute (RUSI), organizzazione britannica specializzata in questioni di politica internazionale e difesa, avverte su un probabile scontro fra gruppi sunniti sostenuti da Arabia Saudita e altri Stati arabi e milizie sciite, fra cui Hezbollah ed esercito regolare siriano, appoggiati dall'Iran. A ciò si aggiunge la minaccia delle armi chimiche in mano al regime siriano. La presenza di armi chimiche preoccupa Israele che ha già iniziato a distribuire maschere anti-gas nelle città al confine con la Siria. Nei giorni scorsi Shimon Peres, presidente israeliano, ha dichiarato che il probabile utilizzo di armi non convenzionali da parte del regime di Damasco mette a serio rischio la sicurezza di Israele. In caso di una caduta del regime, Peres teme il potenziale trasferimento di armi pesanti o chimiche dell'arsenale siriano agli integralisti sciiti libanesi di Hezbollah o all'Iran, ma anche il furto da parte di gruppi islamici legati ad al-Qaeda.

Secondo Michael Clarke, responsabile del Rusi, un intervento militare dell'occidente è necessario prima che la guerra degeneri. "Non siamo noi che ci stiamo muovendo verso l'intervento - afferma - ma è l'intervento stesso che si muove verso di noi". Clarke sostiene che gli eventi degli ultimi giorni hanno creato un cambiamento radicale nella situazione che allontana la possibilità di una soluzione diplomatica del conflitto". Il responsabile del Rusi consiglia l'intervento di forze speciali sul territorio a sostegno dei gruppi ribelli, già utilizzate in Afghanistan nel 2001 e in Libia nel 2011. Tali operazioni potrebbero anche includere un colpo di stato contro il regime.
http://www.asianews.it/notizie-it/Al-Qaeda-alleato-dei-ribelli-islamici-nella-lotta-contro-Assad-25392.html

Nessun commento:

Posta un commento

Inserisci il tuo commento. Lo vaglieremo per la sua pubblicazione. Grazie