Traduci

venerdì 15 giugno 2012

SIRIA : L'ascesa di al-Qaeda nel Mediterraneo è più pericolosa del nucleare iraniano


Teheran (AsiaNews/ Agenzie) - "La presenza di al-Qaeda in Siria e Libano è più pericolosa delle bombe nucleari". E' la provocazione lanciata dal gen. Hassan Firouzabadi, capo di Stato maggiore dell'esercito iraniano, in vista dell'incontro fra Teheran e 5+1 (i membri rappresentanti del Consiglio di sicurezza Onu - Stati Uniti, Russia, Cina, Gran Bretagna e Francia, più la Germania) in programma nei prossimi giorni a Mosca. Secondo il militare, il movimento terrorista islamico avrebbe già sostituito il defunto Osama bin-Laden con un nuovo leader e spostato nel Mediterraneo le sue truppe finora attive in Afghanistan, Iraq e Pakistan. E questo con la complicità delle forze occidentali. Le dichiarazioni "faziose" di Firouzabadi hanno però un loro fondamento di verità.

Negata per mesi da Onu e Paesi occidentali, la presenza di uomini di al-Qaeda fra le fila dell'esercito libero siriano è stata denunciata nei giorni scorsi da William Hague, segretario di Stato britannico e in maggio dallo stesso Ban ki-moon, segretario generale dell'Onu. Notizie di miliziani stranieri che tentano di passare il confine fra Turchia e Siria, con il benestare della autorità di Ankara sono all'ordine del giorno. In un'intervista rilasciata ad AsiaNews lo scorso 24 maggio, mons. Nazzaro, vicario apostolico ad Aleppo denunciava la presenza di forze straniere che non vogliono la pace in Siria. Il Paese è ormai preda di guerriglieri provenienti da Tunisia, Libia, Turchia, Pakistan e altri Stati islamici. Armi e denaro passano attraverso i confini e alimentano questa spirale di violenza".

Chris Dobson, esperto di terrorismo e strategia militare, ritiene che al-Qaeda avrebbe sfruttato la crisi siriana e libica e il sostegno dei Paesi occidentali ai ribelli del Free Syrian Army (Fsa) per far entrare i suoi uomini nel Mediterraneo. "I terroristi - afferma - sono usciti dai loro nascondigli e risiedono ora nelle basi dei ribelli del Fsa". Secondo Dobson, la Siria e il Libano sono in una posizione ideale per lanciare attacchi contro i Paesi occidentali una volta terminata la guerra contro il regime siriano. Alla rete di terroristi farebbero gola gli arsenali militari di Bashar al-Assad, che contengono oltre ad armi pesanti di fabbricazione russa, anche missili a media gittata, in grado di abbattere arei di linea, e armi chimiche.

Lo scorso 13 giugno, il quotidiano britannico The Sun ha pubblicato una foto e un filmato che ritraggono guerriglieri armati che espongono la bandiera nera del movimento islamico. Le immagini mostrano un uomo che brandisce una mitragliatrice pesante e un lancia razzi, mentre inneggia alla guerra contro Assad. Il video è stato diffuso da un gruppo chiamato al-Nusra su un sito jihadista legato al-Qaeda. Nei giorni scorsi un altro sito estremista ha pubblicato l'ultimo messaggio di Abu Yahya al-Libi, N.2 della rete terrorista, ucciso da un drone statunitense lo scorso 5 giugno nell'area tribale pakistana al confine con l'Afghanistan. In un filmato di 15 minuti, il leader lancia un appello a tutta la Siria ad unirsi ad al-Qaeda nella battaglia per sconfiggere il regime. "I siriani - afferma - devono abbandonare l'illusione di una fine pacifica del conflitto. Essi devono combattere Assad e la cospirazione ordita dagli Stati Uniti contro la rivoluzione islamica".
http://www.asianews.it/notizie-it/L'ascesa-di-al-Qaeda-nel-Mediterraneo-più-pericolosa-del-nucleare-iraniano-25037.html

Nessun commento:

Posta un commento

Inserisci il tuo commento. Lo vaglieremo per la sua pubblicazione. Grazie