Traduci

martedì 19 giugno 2012

L’esercito: “Sì all’uscita dei civili da Homs”, ma diventano scudi umani

Homs (Agenzia Fides) – Gli 800 civili intrappolati a Homs sono stretti fra il fuoco incrociato, impossibilitati a uscire, strumentalizzati nel conflitto, ora utilizzati come scudi umani: è l’allarme che giunge all’Agenzia Fides da esponenti della Chiesa locale impegnati a cercare una soluzione per la salvezza delle loro vite. Una fazione dell’esercito ribelle asserragliato in città non vuole farli evacuare per impedire all’esercito siriano di assumere posizioni favorevoli con i mezzi militari. Come ha riferito a Fides il sacerdote cristiano ortodosso p. Boutros Al Zein, “fra loro vi sono circa 400 civili cristiani, per la maggior parte anziani e donne, vittime di un autentico sequestro, bloccati nelle strade di Al Bustan Diwan e Hamidiyyeh. I civili – spiega – sono stati raccolti e diretti verso il confine di queste due strade, divenendo scudi umani per evitare l'assalto delle forze siriane regolari”.
Nei giorni scorsi due sacerdoti cristiani ortodossi, p. Maximos Al Jamal e p. Boutros Al Jamal, hanno cercato di negoziare per liberare gli ostaggi, ma l'iniziativa è fallita. Ora l’esercito siriano ha detto ufficialmente di “concedere l’evacuazione dei civili, senza precondizioni” e di aver predisposto un corridoio di uscita. Il Ministero degli esteri siriano ha dichiarato di “aver ordinato al governatore di Homs di provvedere all’uscita di tutti i cittadini dalle aree di conflitto”. Gli esponenti della Chiesa locale chiedono a tutti i gruppi armati di “non utilizzare i civili innocenti, facilitare la loro evacuazione, rispettare la loro vita e la loro libertà”. Agenzia Fides 19/6/2012
http://www.fides.org/aree/news/newsdet.php?idnews=39344&lan=ita

Nessun commento:

Posta un commento

Inserisci il tuo commento. Lo vaglieremo per la sua pubblicazione. Grazie