Traduci

lunedì 16 aprile 2012

Un Arcivescovo fra i rifugiati: “Su di loro lo sguardo di Cristo sofferente”

Agenzia Fides 16/4/2012
 “I rifugiati siriani sono sotto shock, non riescono a rendersi conto della portata della tragedia che stanno vivendo. La loro dolorosa situazione è un'anticamera sulla strada per l'esodo. Vederli, incontrare i loro sguardi, è fonte di grande sofferenza per noi” racconta all’Agenzia Fides Sua Ecc. Mons. Samir Nassar, Arcivescovo Maronita di Damasco, che nei giorni scorsi ha visitato numerose famiglie di sfollati interni, molte proventi da Homs. I profughi del conflitto siriano sono assistiti dalla Caritas Siria che ha ricevuto anche l’aiuto del Pontifico Consiglio “Cor Unum”.

L’Arcivescovo racconta a Fides le sue impressioni: “Ci sentiamo impotenti di fronte al dramma che vive la nostra popolazione. La vita degli sfollati trova speranza solo se incrociano lo sguardo tenero di Cristo Salvatore sulla Croce. Accanto a loro abbiamo vissuto la Settimana Santa e la Pasqua”.
Mons. Nassar spiega che “lo sguardo di questi rifugiati esprime il loro stato d’animo, più delle parole. Alcuni sprofondano nel silenzio, in uno sguardo perso. I loro occhi dicono: perchè questo dramma su di noi, vittime innocenti? Qual è la nostra colpa, perché ha colpito la nostra famiglia e la nostra casa? Altri hanno uno sguardo di riconoscenza verso chi li aiuta, pur non perdendo la loro fierezza. Negli occhi di altri ci sono l’accusa, la rabbia, lo sconforto”. Sui visi dei profughi cristiani Mons. Nassar legge anche l’affidamento e la speranza. Con i loro occhi dicono: “Sia fatta la tua volontà, Signore! Preghiamo per gli altri, sopportiamo la sofferenza come una Croce salvifica. Non abbiamo paura. Ricominceremo una nuova vita: il Signore non ci abbandonerà”.
http://www.fides.org/aree/news/newsdet.php?idnews=38879&lan=ita

Nessun commento:

Posta un commento

Inserisci il tuo commento. Lo vaglieremo per la sua pubblicazione. Grazie