Traduci

sabato 10 marzo 2012

Viviamo questo momento difficile nell'attesa e nella preghiera.La nostra speranza è una riconciliazione nazionale e una pacificazione del paese.

Il Vicario Apostolico Mons Nazzaro: “Kofi Annan venga senza pregiudizi o istruzioni preconfezionate”

Aleppo (Agenzia Fides)

 Una chance di pace in Siria c'è se un osservatore come Kofi Annan “ascolta ed entra nella psicologia del popolo siriano”, dice all'Agenzia Fides il francescano p. Giuseppe Nazzaro OFM, Vicario Apostolico di Aleppo. Il Vicario lancia un appello all'ospite delle Nazioni Unite, in questi giorni in Siria: “Venga per entrare realmente dentro alle questioni aperte, senza pregiudizi e senza portare istruzioni per soluzioni preconfezionate. Se sarà prevenuto, non risolverà nulla”. “La visita di Annan – spiega p. Nazzaro – ha una reale possibilità di pacificazione se il leader sarà capace di entrare nella psicologia e nella vita del popolo siriano. La chiave può essere ascoltare governo e opposizione, società, minoranze, senza subire i condizionamenti di forze esterne e le pressioni di altri stati”.
“La questione siriana – continua – va necessariamente iscritta nel contesto del Medio Oriente e dei suoi recenti cambiamenti, analizzando il quadro complessivo. La situazione siriana non nasce oggi ma ha radici antiche. Nell’affrontarla vanno tenute in considerazione la storia, la cultura, le aspettative di un intero popolo”.
“Ogni paese ha qualcosa da migliorare: l’Occidente aiuti a correggere e migliorare la Siria senza imporre una propria ideologia, ma lasciando che maturi una coscienza. Questo l'Occidente deve capirlo, entrando nella mente dei siriani. Non si può pensare solo alla parte economica, al commercio, a interessi geopolitici”, nota il Vicario.
Come comunità cristiana, che in Siria rappresenta l’8% della popolazione, “viviamo questo momento difficile nell'attesa e nella preghiera. La Siria è un paese che finora ci ha dato garanzie, preservando le comunità cristiane, nella pratica e nel rispetto della fede. I cristiani siriani sono timorosi verso un cambiamento futuro che potrebbe portare sofferenze e persecuzioni: vedasi quanto accaduto in Iraq o in Egitto. La nostra speranza è una riconciliazione nazionale e una pacificazione del paese, nel pieno rispetto dei diritti e della dignità di ogni essere umano”. (PA)
(Agenzia Fides 10/3/2012)
http://www.fides.org/aree/news/newsdet.php?idnews=38640&lan=ita

Nessun commento:

Posta un commento

Inserisci il tuo commento. Lo vaglieremo per la sua pubblicazione. Grazie