Traduci

domenica 4 marzo 2012

Un'immensa tragedia umana

In Siria una guerra più ampia

di Giorgio Bernardelli | 9 febbraio 2012
da Terrasanta.net

È sempre più drammatica la situazione in Siria: bucano lo schermo le notizie dei morti provocati dai bombardamenti dell'esercito di Bashar al-Assad a Homs e quelle sullo stallo della diplomazia internazionale, riassunto dal veto posto da Russia e Cina a una risoluzione di condanna del Consiglio di sicurezza dell'Onu. Due fotogrammi che da soli, però, non bastano a rappresentare tutto il quadro, che purtroppo è drammaticamente più complesso.
L'abbiamo già scritto e lo ripetiamo: nonostante tutto quanto il pedigree non certo immacolato di Assad sta lì a suggerire, questo conflitto non si può leggere davvero se si inquadra tutto dentro l'unico schema del confronto tra un regime autoritario e una popolazione oppressa. La guerra aperta ormai in corso è un vero e proprio conflitto regionale: si combatte in Siria ma in gioco ci sono equilibri che riguardano tutto il Medio Oriente. E probabilmente non solo. Mi veniva da sorridere ascoltando un Gr radiofonico definire una «sorpresa» la scelta dei Paesi del Golfo di ritirare i loro ambasciatori da Damasco. Sorprendente proprio per niente: come spiega chiaramente l'analisi del quotidiano di Dubai The National che pubblichiamo qui sotto, attraverso lo specchio Assad a Homs si sta combattendo una guerra tra l'Iran (di cui la Siria degli alauiti è il più stretto alleato) e l'Arabia Saudita. Con buona pace di tutti quanti continuano a domandarsi se Israele bombarderà o no le installazioni nucleari iraniane, la guerra contro Teheran è già cominciata in Siria. Ed è un conflitto che va oltre la stessa dimensione regionale. Perché - scrive sempre The National - quello che è andato in scena in questi giorni al Consiglio di sicurezza dell'Onu è probabilmente il primo atto del confronto tra Stati Uniti e Cina rispetto ai loro interessi strategici nell'area. Anche in Medio Oriente infatti oggi Pechino è tutt'altro che uno spettatore.
In una situazione così complessa che cosa potrebbe succedere? Se lo domanda Yusuf Kanli sul quotidiano turco Hurriyet. Cioè in un altro dei crocevia di questa guerra, perché fin dall'inizio delle rivolte la Turchia del primo ministro Recep Tayyip Erdogan ha offerto un sostegno non solo logistico all'opposizione siriana. Kanli si chiede: ma se al contrario di quanto continua a dire Erdogan il presidente siriano Assad non dovesse cadere da un momento all'altro? Qual è il piano B della Turchia? E traccia un parallelismo inquietante: quello con la rivolta del 1982 e i massacri di Hama compiuti da Assad padre. Anche allora - sostiene l'analista turco - era la stessa guerra dell'Arabia Saudita contro l'Iran combattuta in Siria. Anche allora le potenze occidentali stavano dalla parte dell'Arabia Saudita in funzione antisovietica. Ma tutto ciò che la Turchia ha ottenuto da quella stagione - commenta - è stata l'esplosione della questione curda entro i suoi confini.
Sono analisi ovviamente da prendere per quello che sono: sguardi geopolitici di fronte a quella che da qualsiasi parte la si osservi è un'immensa tragedia umana. Perché l'idea che la violenza genera altra violenza non è solo una frase fatta. Ad esempio le testimonianze che in queste ore arrivano da Homs sulle milizie islamiste che nella loro reazione ai bombardamenti dell'esercito siriano prendono di mira le chiese sono una verità scomoda che non si può tacere. Come pure la denuncia lanciata già qualche giorno fa da l'Oeuvre d'Orient - la storica ong francese che sostiene le Chiese d'Oriente - sulle centinaia di cristiani in fuga da Homs perché - sostanzialmente - in questa guerra sono ormai presi tra due fuochi.
Il punto è che l'esito del conflitto siriano sarà decisivo per il futuro dei cristiani in tutto il Medio Oriente. E si capisce allora anche l'ultima notizia che qui sotto oggi rilanciamo: il summit islamo-cristiano organizzato l’altroieri a Beirut dal patriarcato maronita. «Chiediamo unità nazionale al nostro Paese - scrivono vescovi e leader musulmani nella dichiarazione conclusiva pubblicata dal quotidiano The Daily Star - in un momento in cui il Libano e la regione araba sono attraversati da difficoltà e circostanze complicate». Un tentativo per far sì che almeno il Libano non sia risucchiato in una spirale che appare sempre più pericolosa.
---
Clicca qui per leggere l'analisi di The National
Clicca qui per leggere l'analisi pubblicata sul quotidiano turco Hurriyet
Clicca qui per leggere la notizia pubblicata da l'Oeuvre d'Orient
Clicca qui per leggere l'articolo di The Daily Star


Nessun commento:

Posta un commento

Inserisci il tuo commento. Lo vaglieremo per la sua pubblicazione. Grazie